RECENSIONE - "The wonderment" di Alice Winchester

TITOLO: The wonderment
AUTRICE: Alice Winchester
EDITORE: self publishing
GENERE: Contemporary Romance, Rivisitazione in chiave moderna di Alice nel paese delle meraviglie.
TROPE DI RIFERIMENTO: first love, hate to love, angst 
DATA DI PUBBLICAZIONE: 12/04/2023
PAGINE: 347
PREZZO e-Book: 2,99 €
PREZZO CARTACEO: 14 € flessibile, 18 € rigida
SERIE: The Blackwood Castle Series - RECENSIONI.

#1 Wolf's Kiss 
#2 Prince of Ice 
#3 Secret Wishes 
#4 The Hunter
#5 The wonderment
Cosa cerchi, Alice?

Alice Lennox vive di attese.
Figlia illegittima del Duca di Highfield, è costretta fin dalla nascita a fare i conti con una rara malformazione cardiaca che le impedisce di avere un’esistenza normale. Al sicuro tra le mura di Blackwood Castle, amata dai fratelli e dalla sorella, si rifugia nella passione per il disegno, lasciando che i sogni prevarichino la vita. Immersa nel proprio mondo imperfetto, osserva da lontano quello che desidera e che non potrà mai avere: l’amore.
Thomas Hatter ha ventotto anni e cova da tempo un odio profondo verso la famiglia Lennox. Artigiano di talento, irriverente e dalle mille risorse, porta avanti l’attività di famiglia con orgoglio, perché creare cappelli è tutto ciò che ama. Il The Hatter è tutto: l’unica barriera che lo separa dall’autodistruzione. Eppure, un grosso debito ereditato dal padre rischia di fargli perdere ogni cosa.
Poi, un giorno, in un caldo pomeriggio di giugno, una ragazza bellissima e fragile si presenta nel suo negozio.
Uno sguardo. Un sorriso. Una semplice casualità.
Una Lennox.
La vittima ideale per raggiungere la sua vendetta.
Doveva essere solo un’abile mossa di poker al tavolo della vita.
Ma quando Alice incontra il Cappellaio, il destino rimescola le sue carte, portando ancora una volta al caos.
Sarà pazzia o forse amore?
Potrà un cuore malato salvarne uno che sanguina?

Buongiorno a tutti,
Vi parlo del quinto volume della the blackwood castle series, si tratta del retelling di Alice nel paese delle meraviglie, The wonderment, di Alice Winchester.

Ho iniziato a conoscere Alice nei precedenti volume e ogni volta ho avuto l'istinto di abbracciarla e portarla al sicuro, probabilmente la stessa emozione che provano i suoi familiari. La sua malattia è il mostro che incute più paura a tutti e che impedisce a lei di vivere. In questo volume, finalmente, Alice ha modo di mostrare quanta forza e determinazione ci vuole per non soccombere a un destino come il suo. Diviene protagonista a tutto tondo della sua vita, con decisioni meditate e altre istintive riesce a ritagliarsi lo spazio che vuole, a prendersi la felicità che le spetta, ma a che prezzo?

Thomas è un degno protagonista, il mostro folle che incute paura, che si ricopre di un mantello nero rappresentato da obiettivi oscuri e vendicativi. Di lui non si conosce nulla se non che ha una grande abilità nella creazione di cappelli. Un artigiano costretto ad arrancare tra lavoro, miseria e solitudine. Avrebbe tutte le carte per sfondare e pretendere un ruolo di spicco nella società, ma il passato incombe su di lui come una sorta di mannaia che oscilla sulla sua testa.

Un incontro casuale, il desiderio di vendetta e la voglia di vivere oltre i limiti imposti dalla malattia. Tra i due nasce un legame improbabile, ma voluto da entrambi anche se non per lo stesso motivo. L'epilogo rischia di essere drammatico e difficilmente accettabile.

CONSIDERAZIONI

L'elemento più forte di questa storia è la parte angst che tiene con il fiato sospeso in ogni situazione. L'autrice è riuscita a mantenermi legata alla storia dalla prima all'ultima pagina, ero incuriosita e al contempo terrorizzata di leggere le scene che si susseguivano.
La drammaticità della vita dei protagonisti li rende perfetti e allo stesso momento incompatibili l'un per l'altra. Una storia che alterna molto bene momenti di dolcezza e odio, scoperta interiore e di intimità, lotte e pericolo.
Sembra di stare su un'altalena che durante le sue oscillazioni tocca mille sentimenti dell'anima e incrocia il destino di molti personaggi.
I sentimenti puri o di odio sono come antagonisti che incombono su Alice e Thomas mutandone gli atteggiamenti.

Winchester ha saputo affrontare molto bene la parte psicologica e introspettiva dei personaggi, determinando così una costruzione completa degli stessi. Molto interessante anche l'intreccio di diverse narrazioni che si alternano o sovrappongono in modo del tutto naturale.
La malattia di Alice Lennox ha avuto il giusto spazio senza venir sminuita, cosa che ho apprezzato molto. Ci sono delle licenze romanzesche, ma non posso che esserne lieta.
Faccio i miei complimenti all'autrice per come ha saputo rendere vivide e realistiche le scene e le emozioni di cui ha scritto, come se le vivesse in prima persona.

Una narrazione fitta, ma sempre precisa e dettagliata mi ha aiutata a entrare nel mondo di Alice e Thomas, amandoli e temendo per la loro salute mentale e fisica. Ho letto questo libro tutto d'un fiato e penso che lo rileggerò a breve, cosa che faccio raramente. 

Ne consiglio la lettura a chi piacciono le storie difficili e drammatiche, ma ricordando che si tratta sempre di un romanzo.

Buona lettura!
Monica S.




Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE "Deviant" di Ellie B. Luin

RECENSIONE - Il narratore di storie, di Rita Nardi

RECENSIONE - La sposa gitana, di Carmen Mola