REVIEW TOUR - "Ice Zone: zona di ghiaccio" di S.P. Hopeful

Titolo: Ice Zone: zona di ghiaccio
Autore: S.P. Hopeful 
Editore: O.D.E. Edizioni
Genere: sport romance, new adult, second chance
Prezzo ebook: € 2.99 offerta prime 24h poi 3.49
Prezzo cartaceo: da definire
Data pubblicazione: 22 marzo 2023
Pagine: 250
Serie: no, personaggi collegati ad Angelo di ghiaccio, edito O.D.E. Edizioni gennaio 2022, ma leggibile singolarmente.
Autoconclusivo: sì

Ci sono vite che sembrano legate. Un filo invisibile che unisce un’anima a quella di un altro individuo per sempre.
William Weber e Julia Allen sono destinati, tenuti insieme da quel legame che pare indissolubile.
Lui rappresenta il suo tutto.
Lei è il suo coraggio e la sua grinta nell’affrontare ogni singola partita su quel ghiaccio che lo ha reso un campione di hockey.
Ogni cosa sembra essere perfetta, ma alcune volte la perfezione può essere spazzata via in un battito di ciglia e quel filo può spezzarsi fino a precipitare nel vuoto.
S.P. Hopeful, pseudonimo di Simona Pilato, classe 1982, nasce e cresce a Ischia, dove tuttora risiede. Il nom de plume scelto ha un fortissimo significato per l’autrice: in esso, infatti, sono contenute le sue reali iniziali, mentre il cognome lascia trasparire la parte più ottimista di Simona. Sposata  e mamma di un bimbo e una bimba è innanzitutto  una divoratrice incallita di romanzi. Legge di tutto – o quasi – ma la sua vera passione sono i romance, grazie ai quali il suo lato più romantico può prendere il sopravvento. Dopo aver ricevuto un duro colpo lavorativo, ha deciso di mettersi alla prova, perché la vita può riservare sempre nuove opportunità. Infatti, dopo tante pagine sfogliate, e l’incoraggiamento da parte delle persone a lei più care, la necessità di scrivere si è fatta impellente. Nel 2019 nasce così il suo romanzo d’esordio in self publishing.


Bentornate sul blog chiacchierine. Oggi vi parlo dell’ultimo libro di S.P. Hopeful “Ice zone- Zona di ghiaccio” edito da O.D.E. Edizioni che ci ha gentilmente fornito il file ARC.

«Sai cosa ho imparato da questa esperienza?» «Cosa?»
«Che quando meno te lo aspetti la vita ti mette alla prova. Puoi essere il migliore, il più bravo a gestire tutto, tuttavia non puoi prevedere il momento in cui il destino decide di mescolare le carte. L’unica cosa che puoi fare è credere in quello che provi, in quello che hai costruito e lottare, lottare fino alla fine per difendere quello che ami. La vita, Julia, è un’altalena di emozioni, è un meraviglioso giro sulle montagne russe, ma sta a noi decidere se vivere appieno queste sensazioni oppure lasciarsi andare senza esse. Io ho solo lottato con tutte le mie forze perché non avrei mai potuto accettare una vita priva di emozioni e senza di te, vivere in quel modo sarebbe stata la mia fine.»

Julia e William sono una coppia fin dall’università. William è un giocatore di hockey professionista nei Canadiens de Montréal, mentre Julia lavora presso il dipartimento di matematica dell’università dove hanno studiato.
Julia è una ragazza determinata e un po’ testarda, e questo la porta spesso a incaponirsi nelle sue posizioni.
Will è un ragazzo tenace e capace di mantenere la calma, una vera roccia, come il soprannome che gli hanno dato in squadra.
Convivono da quattro anni e il loro amore sembra consolidato. Quando però alcune persone tenteranno in tutti i modi di allontanarli e il destino gli riserverà una brutta sorpresa, le loro certezze iniziano a vacillare rischiando di mandare all’aria il loro rapporto.

“No, Will, non devi dispiacerti, non è colpa tua. I gesti che hai fatto, le emozioni che sentivi, il bisogno di provare erano di provare erano e sono parte della tua vita ed è giusto che tu l’abbia vissuta e continui a viverla nel modo in cui preferisci.”

Il loro amore sarà più forte del destino? Non vi resta che leggerlo per scoprirlo.

Considerazioni

Ho iniziato questo libro incuriosita dalla trama perché non mi sembrava il classico sport romance, in cui i personaggi si incontrano/scontrano per poi innamorarsi. Julia e Will sono già una coppia consolidata, per cui mi interessava scoprire le dinamiche che li portava, prima, ad allontanarsi e poi a ritrovarsi.  Ho trovato però in generale i loro atteggiamenti un po’adolescenziali, le reazioni eccessive rispetto alle motivazioni, soprattutto all’inizio Julia.
Mi sono piaciuti invece molto i personaggi secondari, Evan e Mya. Ben caratterizzati, aiutano i due protagonisti in tutto il percorso storia. 

Il romanzo è scritto in prima persona, con il pov alternato tra due protagonisti, consentendo una visione più chiara delle loro emozioni. I momenti dedicati alla parte sportiva del romanzo sono descritti in modo dettagliato e sono ben equilibrati con la storia d’amore.

Lo consiglio a chi ama gli sport romance e in seconda chance e desidera concedersi qualche ora di svago con una lettura romantica e leggera.
Buona lettura.

Buona lettura!
Alessia





Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE "Deviant" di Ellie B. Luin

RECENSIONE - Il narratore di storie, di Rita Nardi

RECENSIONE - La sposa gitana, di Carmen Mola