RECENSIONE "Lascerò la luce accesa" di Silvia Rossi

TITOLO: Lascerò la luce accesa 

AUTORE: Silvia Rossi

GENERE: Narrativa/Romance

DATA D’USCITA: 19 Novembre 2023

PAGINE: 318

PREZZO: Ebook 2.99

ORDER


Quando Valeria incontra Matteo, l’uomo che le ruba il cuore, capisce che il sogno più grande della sua vita ha la possibilità di realizzarsi: stringere il corpicino caldo di un bambino tutto loro. Niente è più importante, perché lei sembra nata per questo.
Per accudire, proteggere, amare la sua creatura. Mentre l’obiettivo tarda ad essere raggiunto e il mondo della coppia si lacera nella ricerca estenuante di un figlio, l’incontro con Elena, la donna del passato di Matteo scombussolerà maggiormente l’equilibrio già precario della coppia.
È il crollo di tutti i progetti.
Sarà la fine o l’inizio?
Tre vite costrette a incrociarsi, tre pezzi imperfetti di un unico incastro perfetto: la “Luce”

Ciao Librosi,

Ho il piacere di parlarvi del nuovo romanzo di Silvia Rossi, "Lascerò la luce accesa". La ringrazio molto per la copia ARC in anteprima. Conosco la penna dell'autrice con "Il respiro del cuore" con questo volume ho scoperto un nuovo lato di lei, quello sadico.

Inizialmente il romanzo sembra un triangolo amoroso. Matteo che incontra la sua ex e mette in dubbio il suo matrimonio. Ma non è solo questo. I pensieri di Matteo sono indispensabili per la storia. 

L'autrice ci mostra che nulla è bianco e nero, che non esiste il semplicemente giusto e sbagliato ma che in mezzo ci sono tante sfumature.

Arrivata al 60% del libro la storia sembrava aver raggiunto il suo fine, e invece no che BAM.... Qui si fa vedere il lato sadico dell'autrice, utile alla trama direi. P.s. no worry Silvia, non ti odio. xd

Il romanzo tratta diverse tematiche delicati come il non riuscire ad avere figli o malattie gravi e terminali. Ci sono parti angst e parti che mi hanno commossa. 

C'è una frase cruciale in questo romanzo che collega i nostri protagonisti "Lascerò la luce accesa". Anche quando vedi solo buio, ci sarà un farò in grado a guidarti verso la salvezza. Tre vite imperfette e collegate che alla fine troveranno la "Luce". 

Lo stile dell'autrice è sempre quello, un pò descrittivo e melanconico e riflessivo. Consiglio la lettura a chi cerca una storia angst e che vi lasci qualcosa.

Alla prossima, 

Jenny

Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE "Deviant" di Ellie B. Luin

REVIEW TOUR - RECENSIONE "Jaded" di Robin C.

RECENSIONE - Il narratore di storie, di Rita Nardi

RECENSIONE - La sposa gitana, di Carmen Mola

RECENSIONE - La piccinina, di Silvia Montemurro