REVIEW PARTY - RECENSIONE - Control, di Chiara Cipolla


Titolo: CONTROL
Autore: Chiara Cipolla
Editore: Self
Pagine: 298
Data pubblicazione: 20 novembre
Prezzo ebook: 0.99€ (primi 3 giorni in promo), 2.99€ (prezzo pieno)
Prezzo cartaceo: 10€
Serie: Winchester, volume 2, autoconclusivo

Tessa è la più piccola dei fratelli Winchester.
21 anni, estroversa, trandy, una laurea in psicologia e un segreto che nasconde a tutti.
Basterebbe guardarla, soffermarsi un attimo per notarlo, eppure nessuno riesce a leggerle negli occhi il costante bisogno di controllo che la consuma.
Solo Chris la vede.
Chris è uno dei mandriani di suo padre, è affascinante e selvaggio, soprattutto quando gareggia su un toro imbizzarrito, ma sa anche essere gentile come un uomo d'altri tempi.
Tessa e Chris sono senza dubbio molto diversi, come il giorno e la notte, ma chi fra loro è la luce e chi l'oscurità?
Può l'amore vincere le tante differenze?
Ma, soprattutto, è in grado di placare i pensieri, di vincerli o rischierà solo di amplificarli?
Ciao Lettori,
Oggi ho il piacere di parlarvi del nuovo romanzo di Chiara Cipolla, Control, secondo volume della serie Winchester, la quale ringrazio per avermi permesso di leggere questo libro in anteprima. Premetto che non ho letto il primo volume di questa serie, quindi se come me non lo avete fatto nessun problema perché è autoconclusivo.

In questa storia conosciamo Tessa, una ragazza di ventuno anni laureata a Yale in psicologia. All’apparenza potrebbe sembrare una ragazza estroversa senza alcun problema. Nonostante la sua vita agiata però Tessa nasconde un segreto. Uno di quelli che ti basterebbe uno sguardo per capirlo, ma nessuno sembra farci caso. Il suo costante bisogno che ogni cosa sia al suo posto, contaminata o meno, tutto deve essere sotto il suo completo controllo. Nessuno se ne accorge, probabilmente perché nessuno è in grado di vederla veramente. 

“L’ho vista la malinconia, la solitudine che le alberga dentro, e i suoi grandi occhioni che urlano: guardami, guardami, cazzo!”

Chris è uno dei mandriani del padre di Tessa. È bellissimo e affascinante, ma quale cowboy selvaggio non lo sarebbe? Se poi ci mettiamo che ha anche i modi di un uomo d’altri tempi, il connubio è esplosivo! Sta preparando la sua tesi e nel frattempo sta facendo una ricerca presso l’azienda Winchester. Qui riesce a unire le sue due passioni: gli animali e la ricerca. Inoltre sin da ragazzo ha iniziato a partecipare ai rodei, ve lo immaginate un uomo così su un toro imbizzarrito? Che visione per gli occhi. 

“Spesso ho la sensazione di avere tutto nella vita, ma di non avere realmente niente, nulla per cui valga la pena vivere o morire, nulla che mi faccia sentire completo, realizzato, vivo.”

Chris e Tessa hanno avuto modo di conoscersi qualche anno prima ma poi tutto è sembrato un singolo episodio. Ma presto si rendono conto che tra loro c’è come una calamita che li attira l’uno verso l’altro. Per non parlare del fatto che Chris è praticamente l’unico ad accorgersi del problema di Tessa. Ma tra loro potrebbe davvero funzionare? Sono agli antipodi, come il giorno e la notte. Due persone non potrebbero essere più diverse. Ma questo basterà a tenerli separati o nonostante tutto cederanno a quel legame che sembra unirli ogni volta che sono vicini? 

“Inutile fingere di essere diverso da ciò che sono. Non mi interessa illudere per avere, preferisco essere.”

Non mi resta che lasciare a voi il piacere di leggere questo libro e scoprirlo!


CONSIDERAZIONI

Quando ho letto la trama di questo libro, ho pensato subito che avevo voglia di leggerlo. Fortunatamente non sono rimasta delusa. Tratta un tema molto delicato, un disturbo psicologico difficile da gestire, ma devo fare i miei complimenti all’autrice per la delicatezza che ha usato. La storia di Tessa e Chris è avvincente e coinvolgente. I personaggi sono ben delineati, e soprattutto non abbiamo sempre il classico macho stronzo ma bensì un uomo bellissimo ma che ha i modi di un uomo d’altri tempi. 
Il libro è scritto in prima persona alternando i pensieri dei due protagonisti, adoro questo modo di scrivere in quanto mi dà una migliore visione della storia. Faccio i miei personali complimenti all’autrice e il mio in bocca al lupo per questa nuova avventura. Con voi ci sentiamo alla prossima! 


Buona lettura!
Costanza







Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE "Deviant" di Ellie B. Luin

RECENSIONE - Il narratore di storie, di Rita Nardi

RECENSIONE - La piccinina, di Silvia Montemurro

RECENSIONE - Il libro delle storie a lieto fine, di Sally Page

RECENSIONE - La sposa gitana, di Carmen Mola