RECENSIONE "Fable" di Adrianne Young

Titolo: Fable

Autore: Adrienne Young 

Editore: Mondadori

Genere: Fantasy 

ORDER


Figlia del più potente trafficante dello Stretto, la giovane Fable ha conosciuto un solo luogo che possa chiamare "casa": una nave ormai colata a picco. Quattro anni prima ha visto la madre annegare durante una terribile tempesta; il giorno seguente il padre l'ha abbandonata su un'isola covo di furfanti. Per sopravvivere Fable ha dovuto imparare a badare a se stessa, senza fidarsi di nessuno e contando solo su ciò che sua madre le ha insegnato. A tenerla viva è il desiderio di lasciare l'isola, ritrovare il padre e rivendicare il proprio posto al suo fianco. Ad aiutarla nell'intento c'è West, un giovane mercante. Fable però si accorge presto che durante la sua permanenza sull'isola i nemici del padre e i rischi connessi alla sua attività si sono moltiplicati; e, come se non bastasse, West non è chi dice di essere. Ma la ragazza non ha scelta: se vuole rimanere viva, dovrà lottare insieme a lui contro pericoli ben peggiori degli uragani che flagellano lo Stretto.

Buongiorno Librosì, 
Oggi vi parlo dell'ultimo libro letto, finito proprio ieri sera. Si tratta di Fable di Adrienne Young edito Mondadori. Avevo già visto questo libro girare un po' sul booktok e mi incuriosiva ma quando facendo un giro in libreria l'ho visto e sono stata rapita dalla sua bellezza. La grafica della cover, i colori e soprattutto le spry edges. Adoro. 
Vogliamo poi parlare del fatto che credevo fosse un high fantasy e autoconclusivo? xd



Considerazioni
E' un  libro scorrevole anche se slow burn. Nonostante l'apparenza si presenti come un  mattone si legge abbastanza veloce perché le pagine sono spesse e il font non è così piccolo. E' scritto dal POV di lei. Finisce con un cliffhanger che mi ha fatto subito iniziare a leggere il sequel in inglese.
Il finale lascia molte questioni in sospeso, insinua il dubbio su chi è veramente West, e il desiderio di scoprire cosa succederà poi.
La parte romance inizia a più che metà libro e non me lo aspettavo ma si "consuma" molto velocemente. Non essendo la parte centrale della storia è comprensibile. Io faccio il tifo per loro anche se potrebbe non esserci un happy ending.

"Non mi hai mai detto di saper fare immersioni in apnea." Lo fissai sbalordita
"Ci sono un sacco di cose che non ti ho detto", ribatte lui con un sorrisetto sghembo che gli fece spuntare una fossetta all'angolo della bocca.

La cosa strana è il rapporto di lei con il padre che sembra mantenere sempre le distanze anche se desidera un rapporto più stretto con lui. Non è facile da capire il loro rapporto prima di quel giorno di 4 anni fa quando cambiò tutto. 

"Quella notte la Lark era affondata. Quella notte mia madre era morta. Nel giro di un istante era cambiato tutto. Il giorno seguente lui mi aveva abbandonata a Jeval"


Consiglio la lettura anche a un pubblico giovane e che ama l'ambientazione di mare. 
Qui se vuoi puoi trovare la video recensione: https://www.instagram.com/reel/CtY6YGPMi6e/?utm_source=ig_web_copy_link&igshid=MzRlODBiNWFlZA==
Alla prossima, 
Jenny

Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE "Deviant" di Ellie B. Luin

RECENSIONE - Il narratore di storie, di Rita Nardi

RECENSIONE - La piccinina, di Silvia Montemurro

RECENSIONE - Il libro delle storie a lieto fine, di Sally Page

RECENSIONE - La sposa gitana, di Carmen Mola