REVIEW PARTY - "La Sposa di Grey Tower" di Barbara Scotto

TITOLO: La Sposa di Grey Tower
AUTRICE: Barbara Scotto
EDITORE: self publishing
GENERE: Historical romance
TROPE: Forbidden love
FORMATI: Cartaceo ed ebook
COVER ARTIST: Rocchia Design
PREZZO: Ebook giorno d’uscita 0,99 le prime 24h. Poi 2,99€
DATA PUBBLICAZIONE: 5 giugno
PAGINE: 476
SERIE: Secrets of the Moon
Gran Bretagna, 1791.
Maximilian Byrne, marchese di Stafford, sta ancora facendo i conti con la recente morte del padre e l’eredità del titolo, quando si vede affidare la tutela di due giovani sorelle. In nome dell’amicizia che legava i genitori non può rifiutare, ma la convivenza si rivela tutt’altro che semplice; l’iniziale animosità che si instaura tra lui e la maggiore, Erin, si tramuta in un sentimento che trascende ogni ragione.
A Grey Tower, tra le mura del castello custode di molti segreti, il legame si rafforza, ma la loro relazione è minacciata dalle regole sociali di Londra e da un nemico che trama nell’ombra.
Quando un terribile evento si abbatte su di loro, l’amore e ogni possibilità di perdono sembrano spazzati via per sempre.

“AVREI DOVUTO VEDERVI SOLO COME UNA SORELLA MA,
CHE IO SIA DANNATO, VOI SARETE LA MIA SPOSA.”

Buongiorno chiacchierine e bentornate sul blog. 
Oggi parlo del nuovo romanzo di Barbara Scotto, il primo di una trilogia, intitolato “La sposa Grey Tower”. L’autrice ci porta alla fine del ‘700, tra l’Irlanda e l’Inghilterra. 

Maximilian Byrne è appena diventato lord, in quanto suo padre è mancato il mese precedente, quando una lettera gli annuncia l’arrivo dall’Irlanda di due giovani fanciulle, Miss Erin e Miss Perla O’Donnel, figlie di vecchio amico di suo padre. Il destino ha voluto che le due ragazze rimanessero improvvisamente orfane a causa di un tragico incidente in cui sono rimasti coinvolti i loro genitori. Nel testamento il padre aveva affidato le sue figlie al padre di Maximilian se fosse successo qualcosa, e ora in nome della vecchia amicizia toccherà a lui diventare il loro tutore. Sua sorella gemella Caitlin è felice dell’arrivo delle due ragazze che considera già delle sorelle, mentre Maximilian si sente pressato dalle numerose incombenze che la morte di suo padre ha comportato e l’arrivo delle due fanciulle non potrebbe essere nel momento più sbagliato. Nonostante ciò è deciso a tener fede agli impegni presi, e accetta di diventare il tutore di entrambe. All’inizio la convivenza non è semplice, tra Maximilian e Erin c’è parecchia tensione a causa della situazione, ma con l’arrivo a Grey Tower, la tenuta a cui i due gemelli Byrne sono più legati, i sentimenti tra Maximilian e Erin cambiano. 

“In realtà si tratta molto più di questo. È il castello stesso che mi chiama, più ci si avvicina, più l’atmosfera diventa leggera e il profumo di rose avvolgente come un velo. Ma questo avviene solo quando nei fai parte. Dovete accettare il castello e farvi accettare da lui, prima di divenirne un tutt’uno e avvertirne gli influssi.”
 “Certo, io sono stata molto critica nei vostri confronti, ma voi non avete fatto nulla per apparire meno scontroso, non fino a questa mattina” 

I sentimenti affiorano nella loro mente in modo forte e destabilizzante. Maximilian sa che lui come tutore non può innamorarsi lei, anzi dovrà portare Erin a Londra per il suo debutto in società, dovrà sopportare gli innumerevoli corteggiatori avvicinarsi a lei. Erin è consapevole che è sbagliato innamorarsi del suo tutore, di essere giovane e inesperta, di non essere alla sua altezza perché senza titolo nobiliare. Nonostante ciò i due non riescono a scacciare quello che provano l’uno per l’altra.

 “Era bastato poco, appena due mesi, per innamorarsi di un uomo che non credeva nel vero amore. Quanti gliene sarebbero occorsi per bandirlo dal cuore?” 

Quando l’amore tra i due sembra essere più forte di tutte le difficoltà, una serie di eventi sembra compromettere tutto quanto. Riusciranno Erin e Maximilian a ritrovarsi? Non vi resta che leggerlo per scoprirlo.

Considerazioni 
La Sposa di Grey Tower è un romanzo storico con una buona dose di intrighi, mistero e azione che lo rendono avvincente dalla prima pagina all’ultima. La trama si dipana in una serie di avvenimenti e incastri che si sveleranno solo nel finale. Sullo sfondo la leggenda che aleggia su Grey Tower e su Allyson, la madre di Maximilian e Caitlin, e che sicuramente ritroveremo nei prossimi libri della serie. La narrazione è in terza persona, dando al lettore un’ampia visione di tutti gli avvenimenti. I protagonisti principali sono ben delineati e strutturati, le loro reazioni nonostante in alcuni casi un po’ esagerate, risultano essere in linea con la loro caratterizzazione. Mi sono piaciute moltissimo anche Caitlin e Perla, e sono molto curiosa di leggere la loro storia. Il periodo storico nel quale si svolge il romanzo è ben descritto, anche se in maniera non troppo approfondita. 
Un romanzo che consiglio a chi ama i romanzi storici dove oltre l’amore ci sono anche intrighi e mistero. 
Buona lettura! 
Alessia

Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE "Deviant" di Ellie B. Luin

RECENSIONE - Il narratore di storie, di Rita Nardi

RECENSIONE - La piccinina, di Silvia Montemurro

RECENSIONE - Il libro delle storie a lieto fine, di Sally Page

RECENSIONE - La sposa gitana, di Carmen Mola