RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "La profezia del principe" di Judith Sparkle

Titolo: La profezia del principe
Autore: Judith Sparkle
Editore: Self publishing
Genere: Romantic suspense
Prezzo ebook: € 2,99
Prezzo cartaceo: € 9,90
Data pubblicazione: 5 gennaio 20120
Pagine: 300
Serie: autoconclusivo

ORDER
Nel piccolo e moderno regno del Silberland, all'interno della regione dei Monti Metalliferi, esistono miniere d'argento e di pietre preziose famose in tutto il mondo.  
Kaitlin vive nel castello della famiglia reale perché è la "cercatrice" ufficiale: colei che conosce l'uso e i benefici delle gemme preziose e dei cristalli che sono il simbolo dello stato.
Da sempre intima confidente del principe Caspar Winkler, l'erede al trono, ha un'infatuazione segreta per lui. E quando al castello, per Natale, giunge la sua promessa sposa da un regno vicino, Kaitlin teme di venire soppiantata nel cuore del giovane principe. 
La principessa Ingrid ha tutte le carte in regola per diventare la futura regina e tuttavia, per un motivo sconosciuto, a un certo punto le trattative per l'accordo matrimoniale saltano.
Il paese piomba nel caos proprio nel momento più magico dell'anno, a Natale.
In più un'arcana profezia ritrovata, che si tramanda di cercatrice in cercatrice, avvisa Kaitlin di un serio pericolo che il regno corre. 
Aiutata dal misterioso principe Aksel, un uomo affascinante quanto sfuggente, e dal diario di sua madre (la cercatrice prima di lei), Kaitlin dovrà sfidare prima di tutto se stessa e accettare il proprio destino. Un destino che s'intreccerà con le sorti del Silberland e con le vite dei due principi, entrambi attratti da lei.

"L'amore è l'unica forza che ti risveglia, figlia mia.
In questo diario ti parlo dei cristalli: l'eredità che ti lascio,
abbine cura.
Ma abbi ancora più cura di custodire
l'amore quando lo troverai."

Buongiorno a tutti, in questo periodo di feste ho letto in anteprima La profezia del principe di Judith Sparkle, pubblicazione self publishing che verrà pubblicato a breve.
Vi dico subito una curiosità: ho letto questo libro senza vederne né la cover né leggerne la sinossi perché era tutto in lavorazione. Un salto nel vuoto? In un certo senso sì.

Kaitlin Müller è una donna di 27 anni, orfana e ipovedente. Questo l'ha resa una persona insicura che tende a non credere in se stessa e cerca l'approvazione di chi la circonda, in particolare della famiglia reale che l'ha accolta dopo che i suoi genitori sono morti. Katy ha una dote, è una cercatrice in pratica oltre a conoscere il significato delle pietre preziose e a custodirne il segreto delle proprietà, è capace di vedere nell'animo delle persone e di trovare la soluzione ad alcune situazioni.

"Non si è mai preparati alla mancanza di qualcosa: l’essere umano è fatto per essere completo, e il mio difetto visivo mi richiama in continuazione la precarietà dell’esistenza. Oggi stai bene, domani no. E senza un motivo apparente, una spiegazione logica. Non potrò mai essere quella che voglio. Però non posso certo raccontare queste cose al primo venuto, per quanto sia carino e gentile."

Benché abbia un lavoro che la tiene attiva, la sua vita scorre pressoché in solitudine e ha come unico punto di riferimento il principe Caspar per il quale nutre un amore segreto che coltiva anche grazie alle attenzioni che lui le riserva. Il tutto precipita quando il principe deve prender moglie e Katy si rende conto della triste realtà: lei non potrà mai essere la sua consorte perché non è di nascita nobile e perché per Caspar è solo un'amica o peggio una dipendente.

"Lo guardo emozionata, il respiro si fa corto e il cuore pompa nelle orecchie. Mi tiene fermo il viso per non farmi indietreggiare, poi china la testa e punta all’altra guancia ma, all’ultimo secondo, devia direzione. Posa le sue labbra sulle mie. Non me l’aspettavo, il cuore fa una tripla capriola e quasi sembra uscire dallo sterno da quanto batte impazzito. ... mi sta baciando. Sento solo caldo e morbidezza, una morbidezza disarmante nonostante il freddo della serata. Non è un bacio a stampo come mi aspettavo. Sento che osa di più e glielo permetto. É un bacio delicato e, al contempo, fermo e deciso. Dura poco ma è meraviglioso. É questo che si prova ad essere baciati? Qualcosa di magico e di perfetto? Sì. Senza ombra di dubbio. Mi pare di aver atteso questo momento da sempre."

Questa nuova situazione porta scompiglio a corte e tra nuovi personaggi tra cui, Aksel, il principe straniero, che sembra conoscere mille segreti che lo rendono misterioso, ma che ha anche un cuore capace di sentimenti nobili.
Katy deve capire di chi potrà fidarsi e da chi dovrà guardarsi le spalle tra perfetti sconosciuti che si rivelano alleati e vecchi amici che svelano la loro vera natura, rivelandosi nemici. Si aprono mille dubbi che giungono dal passato ed esigono una soluzione. Ma quanto si è disposti a sacrificare per la verita?

"«La maggior parte della gente cerca solo il proprio interesse. Il tornaconto personale. Il potere.» Si ferma e mi fissa intensamente, il mio cuore accelera i battiti. Posso sentirlo colpire furioso tra le costole, spinge per uscire. Mi prende le mani inguantate e se le porta al petto. «Ma tu e io siamo simili. Aneliamo a qualcosa di più grande perché sentiamo di esserne capaci, che è giusto così.» «E per questo soffriamo» mi lascio sfuggire.
...
Mi guarda con dolcezza e mi passa il dito sulla guancia, lentamente. «E per questo soffriamo, sì.»"

Considerazioni

Un'atmosfera misteriosa in un'immaginario da favola: principi, regni e profezie, il tutto in un'ambientazione contemporanea.
Un connubio particolare che inizialmente mi ha un po' destabilizzata, come ho anticipato non avevo elementi per incastrare il romanzo in un orizzonte temporale. Gli elementi contemporanei vengono rivelati pian piano ma aleggia una componente fantasy che crea una certa aspettativa.
I personaggi sono caratterizzati abbastanza bene e attraverso i gesti che compiono si svelano nell'interezza della loro personalità ambigua.
È evidente che l'autrice ha fatto una ricerca attenta sulle pietre e il loro significato, si evince dalle descrizioni accurate che vengono fatte durante tutto i libro e in particolare nell'incipit che apre i capitoli.

"«Figlia mia, quando ho dovuto tirar fuori il coraggio, il diaspro rosso mi è stato d’aiuto. Eppure, alla fine, la vera forza me la desti tu. Sei destinata a trasmettere forza: e un giorno qualcuno ti amerà per questo.» (Dal diario della cercatrice)"

La protagonista, a mio avviso, è troppo labile e insicura per poter effettivamente incarnare "la cercatrice", a volte sembra una ragazzina ingenua e con la testa tra le nuvole anziché una donna di 27 anni. Inutile dire che l'ingenuità evapora una volta che arriva ad apprezzare i piaceri del talamo.
Il pov che leggiamo è il suo.

Una storia che, onestamente, non mi ha coinvolta del tutto perché il filone principale viene diluito con descrizioni lunghissime dei paesaggi, di scene che si dilungano.
Sono una lettrice a cui piace avere un margine di interpretazione o meglio: trovo eccessive alcune precisazioni se non sono utili o necessarie.
Un finale veloce che sembra precipitoso rispetto al resto del libro e una domanda irrisolta che immagino lasci la possibilità a un secondo volume.

Il file che ho letto non era quello definitivo, l'autrice mi ha avvisata che ha provveduto a rimuovere le ultime sviste e a rivedere l'utilizzo delle d eufoniche.

Come dico sempre non fermatevi alle mie impressioni ma leggete il libro e fatemi sapere cosa ne pensate. È comunque una lettura scorrevole e di sicuro piacerà a chi ha un'anima romantica e non disdegna un po' di mistero.

Buona lettura!
Monica S.


Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino

REVIEW TOUR - RECENSIONE - "Disgraceful" di Autumn Grey

RECENSIONE - "Deacon" di Veronica Scalmazzi