RECENSIONE per "Intrigo e seduzione" di Mathilda Blake

Titolo: Intrigo e seduzione
Autore: Mathilda Blake
Editore: Mondadori
Genere: Romance storico
Formato: ebook/cartaceo
Prezzo: 2,99 €/ €
Data pubblicazione: 7 dicembre 2019
Pagine: 249
Serie: Autoconclusivo
Link Acquisto


Per una ballerina del Moulin Rouge come Gigì Letouche il fascino è un'arma indispensabile. È proprio grazie alla sua innata sensualità che Gigì, seppure in maniera non del tutto lecita, riesce a guadagnare qualche soldo in più. Mai avrebbe immaginato, però, che nell'orologio da lei sottratto a un barone inglese si nascondesse un messaggio capace di provocare uno scandalo internazionale, con la regina Vittoria al centro. E quando l'incarico di recuperarlo viene affidato all'intrigante Drake Carson, ispettore di Scotland Yard, Gigì scoprirà che l'amore non è solo desiderio, ma che possiede regole ineludibili…

Buongiorno lettori, inizio l’anno nuovo con la recensione del romanzo “Intrigo e seduzione” di Mathilda Blake edito da Mondadori, una storia intrigante che unisce il romance al giallo. Vi dico subito che ho adorato il modo con cui l’autrice è riuscita a fondere questi due generi.
La storia è ambienta a Parigi nel 1891, nel periodo della Belle Époque. Jynell Letouche, detta Gigì, è una seducente ballerina del Moulin Rouge. Gigì, oltre a essere una ragazza bella e sensuale, è sveglia e intelligente. È vissuta in un orfanotrofio e la danza è la sua grande passione. Da ragazzina si è unita a un circo, imparando ben presto a cavarsela da sola.

“Quando ballava, non era più una ragazza comune con un passato di miseria, non era più la sparuta orfana pelle e ossa: era la principessa delle favole. E questo era esattamente ciò che vedevano anche gli altri: un sogno di bellezza e sensualità.”

Per mantenersi, oltre a ballare, è solita sottrarre oggetti preziosi ad alcuni clienti che seduce con il suo fascino. Quando ruba un orologio a un barone inglese, le cose per lei si complicano. Si ritroverà non solo in pericolo, ma sospettata di un crimine che non ha mai commesso.
All’interno dell’orologio è nascosto un bigliettino che potrebbe trascinare la Regina Vittoria in uno scandalo e per questo motivo l’indagine viene affidata all’ispettore di Scotland Yard, Drake Carson.

Drake è un uomo incorruttibile, cresciuto in una famiglia rispettabile. Il padre è un giudice importante e Drake è entrato a Scotland Yard come “picchiatore”, incaricato a partecipare a operazioni di polizia in cui era previsto l’uso della forza. Ma alla sua prima missione, invece di estorcere informazioni a un criminale con le botte, ha usato la sua arte retorica e da quel momento, in poco tempo, è diventato uno degli ispettori più apprezzati di Scotland Yard.

L’incontro con Gigì è qualcosa di inaspettato. Ne rimane folgorato, ma è molto confuso dall’atteggiamento della ragazza e non si fida di lei.

“Oh, certo, era una ballerina del Moulin Rouge, era avvezza agli uomini e a discutere di sesso, eppure, nonostante la sfacciataggine, nel modo in cui lo faceva c’era un’eleganza inaspettata per una donna da cabaret. Gigì Letouche era appariscente ma non volgare, parlava con un’arguzia stuzzicante e gli teneva testa, a volte addirittura spingendolo a provocarla come non aveva mai fatto prima.”

Ma Gigì, oltre che a essere irresistibile, è anche bugiarda, riuscirà il bell’ispettore a fidarsi di lei? E Gigì saprà resistere al fascino di un uomo bello e intelligente, che non è disposto a farsi sedurre da lei?

“Doveva riuscire ad adescare quell’uomo, anche se si stava dimostrando uno di quei perbenisti britannici di cui spesso spettegolavano le sue colleghe. Le sarebbero bastati pochi minuti al suo tavolo e lui sarebbe caduto nella sua rete. La cosa che la stuzzicava di più era che fosse così bello. Sembrava il principe delle favole. Ma era al Moulin Rouge, dove nulla mai era una favola…”

Entrambi i personaggi sono ben costruiti. Hanno due personalità diverse, conducono vite differenti e sembrano incompatibili, in realtà poi si scopre che non è così. Mi è piaciuto molto il modo con cui l’autrice ha sviluppato la loro storia d’amore, intrecciandola con le indagini che si svolgono per risalire al colpevole. C’è il giusto equilibrio, ed è riuscita a dosare e mescolare bene tutti gli ingredienti: suspense, azione, scene sensuali (molto coinvolgenti ed eleganti) e romanticismo.
L’ambientazione è curata e l’uso della terza persona permette di conoscere bene i pensieri e le emozioni dei personaggi.
Le loro personalità si scoprono lentamente durante la lettura e in questo modo si riescono a capire meglio certe scelte di vita. Entrambi hanno sofferto e i dubbi, gli atteggiamenti e le reazioni che hanno sono comprensibili, soprattutto quelli di Gigì che si sente inferiore a Drake. Sono due personaggi che ti entrano nel cuore e inevitabilmente ci si ritrova a sperare che l’amore riesca a trionfare su tutto.
Questa lettura mi ha letteralmente stregato e la consiglio a tutte le persone che amano il romance e il giallo classico, sono certa che la storia d’amore di Gigì e Drake stregherà anche voi.
Buona lettura!

Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino

REVIEW TOUR - RECENSIONE - "Disgraceful" di Autumn Grey

RECENSIONE - "Deacon" di Veronica Scalmazzi