BLOGTOUR - RECENSIONE - "My bitter sweet Symphony" di Paola Garbarino




Titolo: My Bitter sweet Symphony
Autore: Paola Garbarino
Genere: Contemporary Romance
Pubblicazione: 7 Aprile 2018
Prezzo Ebook: € 2,99
Prezzo cartaceo: € 9,890
Pagine: 368
Serie: Autoconclusivo

Lestat è un giovane violinista prodigio, Stella una ragazzina folgorata dalla sua esibizione. Lui è cresciuto in orfanotrofio, lei tra i privilegi di una famiglia importante, eppure le loro anime affini s’incontrano sulle note di un’ipnotica melodia. L’attrazione è immediata ed esplode in poche ore, ostacolata però dai genitori di Stella. Dopo quella notte, la vita li porta su due strade lontane, la separazione è una ferita che fatica a rimarginarsi. Quell’incontro però lascia una scia bruciante nel loro cuore. Undici anni dopo, Lestat vive a New York, è sposato e alla ricerca di un figlio che non arriva. Stella, ancora ribelle e selvaggia, ha mollato l’università, diradato i rapporti con la sua ingombrante famiglia e lavora in un resort di lusso nella campagna toscana. Un evento traumatico sprona Lestat a fuggire da New York, in cerca di serenità e di un luogo dove comporre in pace. Il Destino lo porta proprio in Toscana, dove la luce della sua Stella riesce a compiere di nuovo una magia. Può la scintilla di un’attrazione bruciata in gioventù divampare ancora, dopo anni di lontananza?


Paola Garbarino è nata a Genova il 30 novembre 1974. Ha studiato Letteratura e Arte e insegnato a lungo nella Scuola pubblica. Ha viaggiato molto e vissuto in Finlandia, Corea del Sud e Inghilterra. Attualmente vive in un esotico luogo del mondo assieme al marito e alle due figlie e sta scrivendo una nuova storia.

Un romanzo intenso e profondo, commovente e romantico. Dalla stessa autrice dei bestseller Amazon “Baby Don’t Cry”, “M+N Forever”, “Strange Love - Per una sola notte” e “Non ricordo ma ti amo”. Della serie new adult “Stars Saga” (“Come la coda delle comete, “Black Hole”, “Supernova”, “Pulsar”, “Starburst” e “Stella polare”); e del fanta romance “Il popolo dei Sogni”.


Buongiorno a tutti care lettrici e cari lettori!! Il libro di cui vorrei parlarvi oggi si intitola "My bitter sweet symphony", scritto da Paola Garbarino. I protagonisti di questa storia sono Stella e Lestat. I due si incontreranno durante l'esibizione di Lestat, lui come violinista e lei come spettatrice in prima fila. Saranno attrazione e curiosità gli ingredienti che quella sera faranno da contorno ai loro baci e alla loro breve passione. Ma solo più avanti scopriremo che non è tutto come sembra e che non sono stati attirati da una semplice attrazione reciproca, ma da qualcosa di più profondo.

 Successivamente a questo loro incontro, per un buon 40% di lettura i due personaggi non interagiranno fra di loro, ma si è lettori attivi delle loro rispettive vite, con capitoli alternati tra passato e presente. Quando Stella e Lestat, per una casualità o per destino, si rincontrano gli undici anni trascorsi lontani, ognuno con la propria vita, si annulleranno facendo riemergere la forte passione che li accomuna.
Conosceremo Lestat prima come un ragazzino cresciuto in orfanotrofio a seguito della morte della madre e dell'abbandono del padre, troppo giovane e troppo disastrato per prendersi cura di lui, poi come uomo, affermato violinista e sposato con Grace.

"Il mio violino è la mia vita, il mio mondo, è una parte di me, più di un braccio o una gamba"


Se da una parte il violino è la sua vita, dall'altra ha un grande desiderio, quello di avere un figlio. Desiderio irrealizzato per colpa di una bugia, che devasterà Lestat e lo porterà a voler staccare con il suo presente e vivere lontano da tutti, in pace, per qualche periodo. Ed è così che rincontrerà Stella. Stella è una ragazza ribelle, proveniente da una benestante ma rigida famiglia, dalla quale si allontanerà ben presto, quando scoprirà di aver ricevuto in eredità dalla nonna un resort di lusso in Toscana. Dopo il primo incontro con Lestat, nel corso degli anni Stella si ritroverà spesso a pensare ancora a lui, a tentennare nel chiamarlo. Fino a quando non accade un imprevisto importante che le cambierà la vita.

 "Lestat è rimasto il sogno di qualcosa che avrebbe potuto essere e non è mai stato. La mia vita è costellata da sogni infranti."


Ma il destino ha in serbo una sorpresa per lei e quando, undici anni dopo, si troverà davanti Lestat ecco che riaffioreranno tutte quelle emozioni provate con lui.
Sono passati tanti anni, ognuno ha avuto la propria vita da raccontare, ma Stella e Lestat si troveranno di fronte a un sentimento forte e profondo.

 "Era come se entrambi avessimo dovuto percorrere un pezzo di strada separati, vivere due vite simili e al tempo stesso diverse, come in uno specchio e adesso ci fossimo ricongiunti sullo stesso percorso. E non volevo che se ne andasse ancora dalla mia strada. Mi spaventava quasi la forza di ciò che provavo, perchè non sapevo gestirlo, non m'era mai capitato"


Vorrei proseguire ancora, ma rischierei di anticiparvi troppo. Sappiate solo che è una storia in cui non mancano i colpi di scena, alcuni dei quali il lettore riesce a intuire se presta attenzione ai piccoli indizi che l'autrice ci lascia qua e là durante il percorso.
Sappiate inoltre che avrete poco tempo per godervi la passione e l'amore di Stella e Lestat, perchè segreti svelati, bugie scoperte e dolorose ammissioni sono sempre dietro l'angolo, tenendo costantemente attiva l'attenzione del lettore.

Come altri libri che ho già letto di Paola, la scrittura si conferma molto scorrevole e precisa, con il pov alternato in prima persona di entrambi i protagonisti. Inoltre, come vi accennavo sopra, è presente anche l'alternanza tra passato e presente, anche se qualche capitolo l'ho trovato un po' troppo corto.
Per quasi metà lettura sono entrata più in empatia con Lestat, colpita dal suo tormento, dal suo desiderio al limite dell'ossessione, dalla sua tristezza. Stella la trovavo più sottotono, come una semplice ragazza ribelle, ma determinata e indipendente. Forte nell'affrontare ciò che la vita le ha messo di fronte, ma debole di fronte all'amore di un uomo. Invece, dopo più di metà libro, la sua vita verrà capovolta, le sue certezze crolleranno ed ecco che anche il personaggio di Stella riuscirà a catturare il lettore.
Consiglio la lettura "My bitter sweet symphony" perchè è un libro coinvolgente dall'inizio alla fine, con personaggi che sono riusciti a trasmettermi il loro tormento, la loro malinconia, ma anche la loro dolcezza, la loro forza di perdonare e di amare. Piccola ammissione: ho provato una forte tenerezza per Dario, che credo si meriti un libro tutto per sè anche se nel libro viene già raccontato molto di lui. E visto che nella recensione non vi ho detto chi è Dario, correte a scoprirlo e chissà se la penserete come me!!

 Buona lettura a tutti!!


Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino