RECENSIONE "Il sigillo delle cento chiavi" di Daniela Tresconi

Titolo: Il sigillo delle cento chiavi
Autrice: Daniela Tresconi
Editore: Panesi Edizioni
Genere: Mistery Storico
Prezzo ebook: € 2,48
Data Pubblicazione: 8 aprile 2019
Pagine: 105 pagine

ORDER


Golfo della Spezia (Liguria), fine del ‘ 500 . Due frati e il giovane novizio Sebastiano abbandonano la
cappella di San Bartolomeo delle cento chiavi alla marina dopo averla data alle fiamme. Conducono con loro due preziose teche: una verrà custodita nelle viscere della collina mentre l’altra verrà portata a Francoforte in Germania dal giovane Sebastiano e dall’intraprendente Camillea. Il segreto su un misterioso quadro e sul contenuto delle due teche sarà protetto nei secoli dagli appartenenti alla Confraternita delle cento chiavi.
Francoforte (Germania), oggi. Il giovane Sebastien eredita da nonna Sibille uno scrigno che contiene uno sconvolgente segreto. Il ragazzo intraprenderà un viaggio in Italia, nel piccolo borgo di Pitelli in Liguria, alla ricerca del suo passato e di quello di un’intera comunità, trovando invece il suo futuro e l’amore di una giovane donna. Sceglieranno di continuare a proteggere il segreto?


Buongiorno Lettori,
oggi vorrei parlarvi del nuovo romanzo di Daniela Tresconi, "Il sigillo delle cento chiavi". Un mix ideale per gli amanti dei romanzi storici, thriller e con tanto mistero. Un lungo viaggio tra la Liguria e la Germania, facendo un passaggio temporale tra il 1500 e il 2018. Pronti ad affrontare questo viaggio con noi?
Il libro inizia in Liguria nel '500 quando Sebastiano, un giovane novizio, accompagnato da due frati si allontana dalla cappella di San Bartolomeo delle Cento Chiavi, dopo aver appiccato un incendio. Fuggono verso Borgo di Pitelli, vicino La Spezia, dove i tre hanno una missione da compiere per proteggere un segreto. Quest'ultimo dovrà rimanere nascosto all'uomo che grazie al libero arbitrio rovina sempre tutto, ma che soprattutto potrebbe usarlo per fare del male.

"Nostro signore ci aveva dato un grande dono, ma la cupidigia e la stoltezza degli uomini rovinano sempre tutto. A volte penso che il libero arbitrio sia l'unica cosa che non ci meritiamo."

Purtroppo però per i tre frati, appartenenti alla confraternita delle cento chiavi, niente dura per sempre e così il loro segreto potrebbe non essere al sicuro...
Torniamo a oggi, dove conosciamo i nostri protagonisti Sebastian e Milly. Da qui avrà inizio la seconda parte del romanzo. Il ragazzo è partito da Francoforte per il borgo ligure a seguito di un regalo fattogli dalla nonna. Uno scrigno che potrebbe contenere un segreto, ma bisogna scoprire cosa. Quale sarà il legame che unisce la Confraternita delle Cento Chiavi e la Cattedrale di Francoforte? Ma soprattutto cosa decideranno?
Manterranno il segreto o lo riveleranno?

Non mi resta che lasciare a voi il piacere di leggere questo libro e augurarvi Buona Lettura! E soprattutto Buon Viaggio!

CONSIDERAZIONI

La prima cosa che voglio dirvi è stata l'abilità da parte dell'autrice di coniugare il passato e il presente in maniera perfetta. Il livello di curiosità è sempre alto, per cercare di scoprire informazioni in merito alla preziosa reliquia. Quello che vorrei sottolineare in questo romanzo è la forza delle donne, le quali hanno un ruolo fondamentale. Grazie, Daniela, per essere riuscita a creare un riscatto per tutto l'universo femminile.

Dal punto di vista tecnico il libro è scritto in terza persona, con la voce narrante che ci racconta le varie vicende. Le descrizioni, soprattutto degli ambienti liguri, sono spettacolari. Sembra di trovarci davanti a un quadro e avere l'autore che ci spiega il suo dipinto e quello che voleva suscitarne. A differenza delle descrizioni dei personaggi del '500 quelli attuali sono stati un po' trascurati. Forse li avrei curati un tantino di più. Non ho trovato particolari refusi che abbiano impedito la lettura del libro.
Complimenti ancora, Daniela! Grazie per questo viaggio inaspettato.


Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni