REVIEW PARTY - RECENSIONE "Twin game" di Brenda Mill


Titolo: Twin game 1: Quando l'amore non basta
Autore: Brenda Mill
Editore: Self publishing
Genere: Erotic spusence
Data pubblicazione: 22 febbraio 2017
Prezzo ebook: € 0,99
Prezzo cartaceo: € 16,21
Serie: Twin game

ORDER


Riusciresti a sopportare due croci per raggiungere l’illusione della felicità?


Un metro e novanta di muscoli, capelli color platino e occhi di ghiaccio. Padre Adam direbbe che assomiglio a un angelo, io dico che assomiglio a un prete e non so se mi dispiaccia di più la prima o la seconda opzione.

Ethan e Adam Lost sono l’uno la fotocopia dell’altro, a esclusione della loro personalità. Il primo fratello, infatti, si esibisce come stuntman professionista tra le sbarre del Next, il locale più trasgressivo e popolare di Brooklyn. Il secondo, invece, si dedica anima e corpo alla carriera ecclesiastica da ormai cinque anni. Due vite apparentemente inconciliabili fino alla lettura di un testamento che potrebbe rendere uno dei due schifosamente ricco. Settecentotrenta giorni, questo è il tempo che separa Ethan oppure Adam dalla riscossione di un’immensa fortuna. Con una sola, piccola e apparentemente irrilevante condizione: sposarsi e generare un erede.
Spero siate pronte ad assaporare il gusto della perdizione eterna. In arrivo per il sei marzo Twin Game 2, il secondo volume della Lost’s Story, nata in primis come volume unico e trasformatasi in seguito sia per volontà dell’autrice che per quella dei suoi lettori in un’accattivante duologia.


Cari lettori, ho riletto per voi un erotic suspense che lessi un paio di anni fa. Si tratta di Twin Game, scritto da Brenda Mill. L’opportunità di rileggerlo si è presentata in occasione dell’uscita del secondo volume che sarà disponibile tra pochi gironi.
Rispetto all’opinione che mi ero fatta due anni fa, qualcosa è cambiato. In realtà sono io che sono cambiata perché al romanzo non è stata apportata nessuna modifica, se non un restyling della cover. Ma entriamo nello specifico.
I protagonisti di questa storia sono tre: Alyson, Ethan e Adam.
Alyson è una giovane donna che coltiva il sogno di diventare una grande attrice. Purtroppo, però quel tipo di ambiente è spietato e lei non riesce a scalare i vertici del successo nonostante si applichi e abbia talento. Si accorge presto che, se non scendi a compromessi con il corpo e con l’anima, è praticamente impossibile ottenere un buon ruolo.

“Ho imparato a convivere con i sensi di colpa, senza sarei persa. Servono a farmi sentire viva quel poco che basta per continuare a fingere, fingere di stare bene. Non c’è nessuno più bravo di me a farlo. Posso sorridere per mille volte di fronte al mondo, e nascondere per altrettante volte un oceano di lacrime. Dentro di me ci sono molteplici personalità. Una buona e una cattiva, una speranzosa e l’altra disperata. Quale sia la migliore non posso dirlo con certezza. Ma sono tutte parti che recito volentieri.”

Ethan è un motociclista che offre spettacoli al limite tra la vita e la morte con la sua moto al Next, un locale notturno. Lui è un donnaiolo e considera le donne solo come un piacevole passatempo tra le lenzuola. È presuntuoso, arrogante, ovviamente bello da togliere il fiato.

“Se c’è una sola cosa stabile nella mia vita, è la mia moto. Lei è l’unico amore che conosco. L’unica femmina che sposerei.”

Adam è un sacerdote. Ha preso i voti per i motivi sbagliati e nonostante provi e rimanere nei binari della vita clericale, non ci riesce. Ha una personalità contorta e pericolosa, frutto delle orribili esperienze che l’hanno segnato nella vita.

“In ginocchio, sempre e solo in ginocchio. A pagare per i peccati e a onorare un debito.
Ripulire la coscienza non è un’arte immediata e richiede pazienza, dedizione e compassione.”

La particolarità è che Ethan e Adam sono gemelli identici, omozigoti. Nessuno riesce a distinguerli. Sono uguali eppure molto diversi.
Alyson si dovrà avvicinare a entrambi e farli capitolare per permettere a uno di loro di ereditare le fortune di famiglia. Ma chi dei due?

“Di quale dei due ti stai innamorando?”

La trama di questo libro è molto interessante. Una storia d’amore e di vendetta che si articola tra colpi di scena che coinvolgono ora Ethan, ora Adam ora Alyson. Attorno a loro orbitano molti altri personaggi che contribuiscono a complicare la trama.
La figura più interessante e contorta è sicuramente padre Adam. È tormentato, dannato. Non cerca salvezza perché sa che non l’otterrà. Per lui ho provato una serie di sentimenti contrastanti. Dalla comprensione, alla pena, alla rabbia. Anche Alyson è peculiare. Infatti poche volte nei libri ho incontrato un personaggio come lei. È capace di covare rabbia e vendetta, ordire un piano ancora più perverso di quello in cui l’hanno coinvolta per farla pagare a tutti. Come un ragno cerca di tessere una ragnatala per rendere tutti inermi e vittime della sua furia.

“Ora c’è una sola cosa che mi resta per cui lottare: la recitazione. E prometto che, prima che tramonti il sole, giocherò a scacchi con il cuore dei gemelli Lost. Io sono la Giulietta che nessuno è riuscito a far fuori. Quella che ha ceduto il suo veleno a Romeo. E sono tornata per riscuotere la più grande vendetta mai raccontata.”

In passato, questo libro aveva ottenuto, da parte mia, pieni voti. Nel tempo però, il mio gusto da lettrice si è evoluto e, da blogger, devo analizzare anche lo stile, la tecnica narrativa e andare più in profondità. La narrazione in prima persona è una scelta giusta che ci fa comprendere i punti di vista di ogni personaggio. Lo stile è molto semplice e colloquiale, non ho apprezzato l’uso di alcuni intercalari “poco eleganti” che si ripetono spesso. Ci possono stare in alcuni contesti ma in certi paragrafi ce ne sono troppi, a mio parere.
Alcune situazioni e temi sono duri da trattare e se da un lato mi hanno emozionato nel bene e nel male, dall’altro, talvolta, mi sono sembrati risolti in maniera un po' semplicistica. Parlo soprattutto dell’ultima parte dove, alle gravi azioni di padre Adam non viene dato il giusto peso dai personaggi, a mio avviso.
Se da una parte ho apprezzato l’intreccio, dall’altra lo stile narrativo mi ha impressionato meno.  Quindi tirando le somme valuto il libro nel complesso con 3,5/5.
Lo consiglio a chi vuole leggere una storia intensa e intricata. Vi avviso che ci sono temi sensibili in questo romanzo.

Buona lettura.




Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni