RECENSIONE - "Le possibilità sospese" di Valentina Piazza

Titolo: Le possibilità sospese
Autore: Valentina Piazza
Editore: Harper Collins, collana Elit.
Genere: romance
Prezzo ebook: € 3,99
Data pubblicazione: 2 marzo 2020
Pagine: 96
Autoconclusivo
ROMANZO INEDITO

ORDER

Viviana e Luca non si vedono da dieci anni, da quell'ultima fatidica notte dopo la laurea. Luca lavora a Milano nella pubblicità, Viviana vive a Varese, entrambi non sono riusciti ad andare avanti con le proprie vite, bloccati dai ricordi. Uno in particolare, sotto forma di un vecchio biglietto sbiadito raffigurante la Beata Beatrix di Dante Gabriel Rossetti, si riaffaccia prepotentemente nel loro presente a ricordare un'antica promessa: se dopo dieci anni da quel patto Viviana, che aveva sempre desiderato visitare la Scozia, non avesse ancora compiuto quel viaggio, lo avrebbero fatto insieme. Così, in un suggestivo alternarsi di flashback che trascinano il lettore nella Londra di fine Ottocento, i due decidono di intraprendere quell'avventura. L'emozione è densa e palpabile, i non detti numerosi, il passato li unisce e li divide al tempo stesso. In un viaggio in cui le parole, i pensieri e i cuori si sfiorano, Viviana e Luca riescono a perdonarsi il passato e concedersi finalmente una possibilità di felicità.
Buongiorno a tutti,
vi voglio parlare de "Le possibilità sospese", un romanzo inedito di Valentina Piazza, edito ha HarperCollins nella collana Elit. Il file mi è stato fornito dalla CE.

Ogni volta che una sinossi è così dettagliata la recensione sembra facile, ma in verità non è così e la lettura che potrebbe sembrare già spianata invece può rivelarsi una vera sorpresa.
Questo romanzo parla d'amore, di occasioni perse, di incomprensione e di desiderio che porta all'infelicità, se non è appagato, ma parla anche di seconde possibilità e di presa di coscienza.

«Il passato fa parte di noi, non possiamo dimenticarlo. Forse bisognerebbe solo fare in modo che non ostacoli il presente.»

La narrazione è in prima persona e a pov alternati, nonostante sia un romanzo breve si hanno tutte le informazioni. I flashback sono in passato e assumono quell'atmosfera di tempi passati che hanno già fatto il loro percorso e lasciato un segno indelebile.

In qualche modo ero consapevole di stare per compiere una scelta che avrebbe cambiato la mia vita per sempre, poi mi decisi e oltrepassai la soglia in penombra, sparendo all'interno dell'aria calda e accogliente del locale.

Due storie che si intrecciano per similitudini, ma differenti per molti altri punti. L'autrice è riuscita a ricreare emozioni e stati d'animo in modo dettagliato, in un crescendo di sensazioni che invadono il lettore portandolo ad avvertirle a sua volta. Personaggi che si svelano attraverso l'introspezione e anche attraverso i dialoghi che risultano essenziali, ma di impatto.
Una scrittura veloce ed evocativa che risulta diretta e a volte investe letteralmente per la dura realtà.

Ci sono parole che colpiscono al cuore meglio del più infallibile tra i cecchini. Letali, precise, crudeli. Colpiscono, feriscono, uccidono.

I dialoghi sono adeguati al periodo in cui si svolgono e il cambio di scenario è palpabile.

Le possibilità sospese è un libro che parla di quelle occasioni che segnano nel profondo e da cui non ci si riesce mai a staccare completamente. Come quei ricordi che riaffiorano e portano a sorridere, o a incupirsi, per le sensazioni che riappaiono forti come nel momento in cui sono state vissute.

Questo gioco fra noi mi è mancato da morire, lui mi è mancato come l'aria quando ci si attarda troppo sott'acqua.

Parla del coraggio di cercare un cambiamento, di un salto nel buio, sapendo che dall'altra parte ci sarà l'ignoto. La decisione che potrebbe cambiare la vita e forse donare ciò che si desidera da sempre, ma non si ha avuto la forza di afferrare.

Ci salutiamo in punta di piedi, con la paura di rompere l'incanto che si è creato, con il non detto che è più forte delle parole frivole che ci siamo scambiati.

Faccio i complimenti a Valentina Piazza che è riuscita a trasportarmi nella psiche dei personaggi e a condurmi al loro fianco.
Il file che ho ricevuto è corretto e ben editato, cosa per cui ringrazio la Casa editrice.

Consiglio questa lettura a chi crede alle anime gemelle, alla forza del destino e al coraggio di affrontare le proprie paure anche quando sembra impossibile farlo.

...sembra allegra e spensierata, ma io so che non è mai così e basta, c'è sempre un lato oscuro nascosto, in attesa.


Buona lettura!
Monica S.

Commenti

  1. Ho letto la scheda di presentazione di Monica S., c'è scritto che è un operaio metalmeccanico. Ma è andato all'università? Insomma, se mi faccio consigliare un libro da qualcuno, vorrei che almeno abbia frequentato l'università. Almeno. Altrimenti tanto vale chiedere a qualche ubriacone in un bar.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha letto la mia scheda? La ringrazio per aver impiegato il tuo tempo in tale attività. No, non sono andata all'università cosa che immagino lei abbia fatto.
      Sarebbe carino non nascondersi dietro un nich e un profilo falso creato appositamente per attaccare me e le mie capacità di giudizio.
      Non ho neppure il vizio di bere e non sono un'ubriacona, la domanda che mi sorge è se dietro le sue offese gratuite si nasconde un odio verso il genere umano dovuto a disturbo psicologico o se mi vede come una nemica a prescindere.
      La ringrazio del tempo dedicatomi e della visualizzazione al blog. Buona giornata.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni