RECENSIONE "Questa nostra stupida storia d'amore" di Mariana Zapata

Titolo: Questa nostra stupida storia d'amore
Autore: Mariana Zapata
Editore: Newton Compton
Genere: contemporary romance
Pagine: 416
Ebook: € 4,99
Data pubblicazione: 25 febbraio 2020

ORDER



Lenny ha chiuso con il passato. E soprattutto ha chiuso con Jonah Collins. C’è stato un tempo in cui credeva che fossero fatti per stare insieme. Ma poi lui è sparito. Non è servito a niente tentare di contattarlo con messaggi, e-mail o telefonate. Jonah non si è fatto vivo quando aveva bisogno di lui e adesso Lenny ha smesso di preoccuparsene. O di pensare ai suoi splendidi occhi... Ora è concentrata sulle cose che contano davvero. Come la palestra di suo nonno, che deve essere rimessa in sesto. L’ultima cosa al mondo di cui ha bisogno è che Jonah irrompa di nuovo nella sua vita come un uragano, sconvolgendo di nuovo ogni cosa. È finita tra loro e non c’è nulla che lui possa fare per convincerla del contrario. Pensava di essere stata molto chiara in proposito. E se invece lui non avesse ricevuto il messaggio?

Ha cominciato a creare storie d’amore praticamente il giorno stesso in cui ha imparato a scrivere. Quando era bambina rubava i libri dalla libreria di sua zia, ancora prima di capirne il senso. È nata in Texas ma vive in Colorado con suo marito e due alani giganteschi, Dorian e Kaiser. La Newton Compton ha pubblicato "L’infinito tra me e te", "Non so perché ti amo" e "Questa nostra stupida storia d'amore."


Buongiorno cari lettori, oggi vi vorrei parlare della nuova uscita di Mariana Zapata, intitolata "Questa nostra stupida storia d'amore". Il file ci è stato fornito dalla Newton Compton Editori


Lenny è la protagonista femminile di questo libro ed è una giovane donna forte e indipendente, che gestisce assieme al nonno la palestra di famiglia.

Ciò che il lettore scoprirà ben presto è che la nostra protagonista un anno e mezzo prima a Parigi ha conosciuto un giovane famoso atleta, Jonah, con il quale ha vissuto una breve, ma intensa, storia d'amore.
Storia che purtroppo si è interrotta nel peggiore dei modi, con Jonah sparito dalla faccia della terra successivamente a un infortunio.
Ma la vita di Lenny è stata inevitabilmente sconvolta da un evento inaspettato, un evento per il quale ogni lettore nota subito un importante dettaglio della giovane ragazza: la sua caparbietà.
Di fronte a ciò, infatti, Lenny non sorvola né tanto meno sparisce, ma si arma di ogni elemento possibile e utile per cercare di rintracciare Jonah, senza nessun esito positivo.
Lenny andrà così avanti con la sua nuova vita, fino a quando inaspettatamente Jonah le si ripresenterà davanti, dopo diciassette mesi di sparizione totale.
Lei ha tanta rabbia dentro, ma è forte e affronterà la situazione con maturità, senza segreti, né bugie.
Le cose da chiarire tra i due protagonisti saranno molteplici, il tempo da recuperare sarà tanto, i rapporti affettivi saranno messi a dura prova, così come sarà difficile poter avere la certezza di ciò che sarà il futuro.
Entrambi hanno la volontà di impegnarsi verso quel legame che sembra inevitabile, ma ci sono situazioni da ponderare e decisioni da prendere.

Considerazioni

Ho trovato una storia molto scorrevole nella lettura, complice una semplice e fluida scrittura, oltre che dialoghi naturali.
La storia viene raccontata dal solo punto di vista in prima persona di Lenny, caratteristica che riesce a creare sintonia tra il lettore e la protagonista femminile, oltre che poter conoscerla molto bene, con questa sua determinazione e forza; purtroppo però mi è mancata la stessa sintonia verso il protagonista maschile. Ho sentito, infatti, l'esigenza di conoscere le emozioni e gli stati d'animo anche di Jonah di fronte a determinate situazioni, cosa che il solo pov di Lenny non ha potuto completare.
Ottimi e rilevanti i personaggi secondari, sia per l'ironia e la spigliatezza, sia per il senso di famiglia che trasmettono.
Nel complesso va detto che è una storia abbastanza lineare e non è particolarmente brillante di colpi di scena, ma non è nemmeno particolarmente noiosa, nonostante ci sia qualche tratto più lento qua e là.
Consiglio questo libro a tutti coloro che sono alla ricerca di una lettura piacevole, nella quale poter trovare una dolce e combattuta storia d'amore, contornata da un pizzico di ironia.

Buona lettura!


Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni