REVIEW PARTY - "The Outbreak" di Francesca C. Cominelli


Titolo: The Outbreak
Autrice: Francesca C. Cominelli
Editore: Self publishing
Genere: Chicklit
Data di uscita: 18 marzo 2020 - 25 maggio
Prezzo ebook: € 2,99 + KU
Prezzo cartaceo: € 15,00 + omaggio

ORDER

Pagina autrice
Instagram
Gruppo Facebook


Fanny King è una producer ventinovenne ossessionata da unicorni e paperelle di gomma. È incastrata in una relazione senza sbocchi e - cosa peggiore - alla Owl, il canale per cui lavora, nessuno la considera all’altezza del suo ruolo.
Un giorno, però, grazie a un quadernetto fucsia e il ritorno di un uomo dal suo passato, le cose cambiano drasticamente, ma Fanny non capisce se per il meglio o peggio di prima.
Nathan Cohen, il miglior Executive Producer sulla piazza, torna alla Owl dopo essere sparito da Los Angeles e dalla vita di Fanny per sei anni.
Sei anni in cui la ragazza si è rifatta una vita, ha una relazione con la stella delle soap di Hollywood, Troy Jones, ma le manca l’entusiasmo, la scintilla che l’ha fatta innamorare.
Scintilla che l’intrigante e irriverente Cohen sembra farle riaccendere (o scoppiare) con un solo sguardo.
Riuscirà Fanny a resistere alla tentazione dell’Executive Producer o scoppierà con tutte le paperelle?

Francesca C. Cominelli, Chicca per gli amici, è una sognatrice, nata nel 1993 in un piccolo paese tra le montagne della provincia di Brescia, insieme al suo amato cowboy.
Le sue più grandi passioni sono sempre state l’equitazione e la lettura.
È cresciuta con i libri, sono sempre stati una via di fuga, un momento in cui si poteva estraniare dalla realtà e vivere in un mondo diverso; d'altro canto, scrivere le ha permesso di liberare la mente e sfogarsi, mettere nero su bianco i suoi pensieri e creare un mondo tutto suo. È grazie ai suoi sogni e alla sua determinazione se è arrivata fin qui.
Dopo Proibito, Francesca ritorna in piazza con un romanzo diverso rispetto al solito. The Outbreak è una commedia romantica, con cui l’autrice vuole portare un po’ di frizzantezza e comicità e, perché no, anche un po’ di spensieratezza per i suoi lettori.

Buongiorno Lettrici, 
oggi ho il piacere di parlarvi del nuovo romanzo di Francesca C. Cominelli "The Outbreak", per tutte noi che la conosciamo la "coloratissima" Chicca. Perché questo aggettivo? Il motivo è semplicissimo: è un'amante di unicorni, con la loro criniera arcobaleno, glitter e brillantini. Ma torniamo a noi e parliamo del suo romanzo.

Fanny è una ragazza di ventinove anni, vive a Los Angeles con il fidanzatino d'America nonché stella del momento nel mondo delle soap, Troy Jones. Anche se niente è come sembra e anche la loro relazione non è la favola che tutti si aspetterebbero. Ha un amore sconsiderato per gli unicorni e le paperelle di gomma (scoprirete leggendo il motivo). Lavora presso la Owl, un canale televisivo, dove però ancora non ha trovato il suo posto. 

"Ho ventinove anni, una passione smodata per gli unicorvi – è una vera ossessione – e un fidanzato di successo che sembra non accorgersi di quanto la nostra storia stia affondando, una vita da red carpet, ma non ho ottenuto ancora nulla dal lavoro."

Fanny è anche una ragazza molto maldestra e si dimentica facilmente tutto in giro. Un giorno questa sua sbataggine le è stata d'aiuto. Infatti il suo capo trovando un quadernino rosa glitterato legge al suo interno, oltre che gli sfoghi sui vari colleghi, trova un'idea davvero originale per un probabile reality show The Outbreak. Dato il potenziale di tale progetto, il signor Dornan decide di investire e ad aiutare Fanny in questa nuova avventura ci sarà lui, Nathan Cohen, il miglior executive producer del momento. 

"Il mio cervello ha smesso di ascoltare Luis Dornan dopo che ha pronunciato le parole Nathan e Cohen, e la sua presenza si è fatta più opprimente nella stanza."

I due si conoscono già. Nathan infatti era l'assistente del professore di Fanny, sparito dalla sua vita e da Los Angeles la bellezza di sei anni fa. Fanny è devastata da questo colpo di scena che ha avuto nella sua vita, era follemente innamorata di Nathan, credeva davvero che lui potesse essere quello giusto e poi una sera l'ha abbandonata senza spiegazioni. Ora è tornato pronto a farle riaccendere quella scintilla che non vede più nei suoi occhi, ma Fanny sembra non abbia alcuna intenzione di ascoltarlo. 

"Abbasso lo sguardo e mi accorgo solo ora di avere i calzini spaiati. Sorrido e non posso fare a meno di pensare quanto io e Nathe sembriamo questi calzini. Non dovremmo avere nella a che fare l'uno con l'altra, ma, proprio come questi due calzini diversi con combinazioni di colori perfette, insieme stiamo benissimo. Ma restano comunque due calzini spaiati".

Fanny cederà alla tentazione di scoprire la verità? Nathan riuscirà a riaccendere quel fuoco? Cosa decideranno di fare?

Non mi resta che lasciare a voi il piacere di scoprirlo e di leggere questo romanzo e augurarvi Buona Lettura!


CONSIDERAZIONI

Quando mi hanno proposto di leggere questo libro ne sono stata felice, avevo letto già altri libri di Chicca (la chiamerò così, non riesco proprio a chiamarla Francesca :) ) e mi erano piaciuti. Inoltre conoscendola e seguendola sui social mi ero incuriosita molto a "The Outbreak". Purtroppo ho avuto qualche intoppo con l'ebook che mi era arrivato, trovando problemi di conversione che mi hanno disturbata un po' nella lettura, ma che fortunatamente non me l'hanno impedita. La storia è molto bella, articolata e ben strutturata, mai banale o scontata. Oltre ai due protagonisti, anche i protagonisti secondari hanno avuto un ruolo importante nelle loro vite e nella storia.
Dal punto di vista più tecnico, il libro è scritto in prima persona alternando capitoli e pensieri dei due protagonisti principali, per riuscire ad avere una visione completa della storia. Le descrizioni dei vari personaggi sia principali che secondari sono molto esaustive e non superflue. 
Per concludere il libro mi è piaciuto molto e vorrei fare il mio più grande in bocca al lupo a Chicca e ovviamente a Fanny e ...!


Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino