REVIEW PARTY - RECENSIONE "Into Deep" di Cristina Origone


Titolo: Into Deep
Autore: Cristina Origone
Editore: Dri Editore
Genere: Suspense
Collana: Romantic Suspense
Pagine: 222
Data di uscita: 9 marzo 2020
Formati disponibili: ebook 2.99/ cartaceo 15,99 € circa


Saint-Tropez, 2018

Cosa faresti se fossi inseguito dai pericolosi demoni del passato?
Tommaso, single incallito, è un uomo affascinante con una vita costellata di alti e bassi, in perenne lotta con i suoi fantasmi.
Luce è una donna all’apparenza sicura di sé, diretta e implacabile, e lavora come comandate sugli yatch di lusso.
Il loro è uno scontro burrascoso, che ben presto si trasforma in un incontro di anime in perfetta sintonia.
Luce, tuttavia, è sfuggente e nasconde un segreto che Tommaso è intenzionato a scoprire.
Qualcuno vuole qualcosa da lei.
Qualcuno che non si fermerà davanti a niente per raggiungere il suo obiettivo.
Cosa è realmente accaduto a Luce un anno prima?
Il passato e il presente collidono e, mentre combattono per far emergere la verità, Luce e Tommaso vivono una passione sconvolgente.


Cristina Origone è nata a Genova, dove vive e lavora insieme al marito. Scrittrice versatile, si è cimentata in vari generi, passando dal saggio semiserio “Come portarsi a letto una donna in 10 mosse” al thriller “Avrò i tuoi occhi” con Fratelli Frilli Editori. Suoi racconti sono presenti in diverse riviste e antologie, e nel 2010 ha vinto la XXI edizione del premio Writers Magazine Italia.
Nel 2016 ha esordito nel self publishing con “Tutto brucia tranne te”, ha pubblicato il thriller “Vite da difendere” e per Delos Digital il romanzo “Alice a testa in giù”. Per la collana Youfeel Rizzoli ha pubblicato “Chocolate Olivia“ e “Due fratelli per Giulia”.
Nel 2017 è stata finalista al concorso “Fai viaggiare la tua storia” e il romanzo “L'amore che non sei” è stato scelto da Libromania per la pubblicazione.
Nel 2019 ha pubblicato il romance “Una rana in valigia” nella collana Elit – Harper Collins Italia.

Buongiorno librose,
Sono qui a parlarvi del nuovo romanzo di Cristina Origone, "Into Deep" edito da Dri Editore. Romanzo che inaugura la collana Romantic Suspense. Ho subito espresso il desiderio di leggerlo alla CE, incuriosita dalla cover.
Appena letto il titolo mi sono messa a fare ipotesi a cosa potesse riferirsi. A libro finito posso dirvi che ha molteplici significati. Profondo come il mare, profonda come è la verità da scavare. "Nella profondità" chr nascondo i veri sentimenti ed è lì, nella profondità del mare dove Luce si sente sé stessa. 

Luce Castelli, donna all'apparenza sicura di sé e autoritaria, lavora come comandante nei yacht di lusso a Saint Tropez. Qualcosa successo un anno prima, l'ha cambiata, rendendola più fragile. Ora cerca di andare avanti, nascondendosi, passando inosservata. Solo quando si immerge nell'acqua si sente a  casa. Purtroppo il passato ritorna e il suo equilibrio vacilla. L'incontro casuale con Tommaso tira fuori il lato nascosto di lei e tra i due si crea un legame particolare. È qualcosa che va oltre all'attrazione fisica, che non manca, c'è qualcos'altro che li lega. I due hanno una missione da compiere e poi cosa succederà?

«Dolcezza, fragilità, comprensione, passione, amore.» Sgrana gli occhi. Io continuo: «Irruenza, imprevedibilità, coraggio, tenacia. Acqua… sei indomabile come le onde del mare. Tu sei tutte queste cose».

Tommaso ha seguito le orme di suo padre per diventare un giornalista, ma non sta funzionando. Si mette sempre nei guai e gli manca la passione. Vive una vita vuota, superficiale tra donne e alcol. Sin da piccolo la sua piccola "disabilità" gli ha creato disagio e lo ha reso insicuro anche se con le donne gli ha aperto la strada. Un evento inaspettato, gli farà comprendere ciò che vuole nella fare della sua vita. 

«E allora perché lo fai?» «Per te, Luce. Sei tu che mi ha spinto a guardarmi dentro, perché prima non ne avevo il coraggio. Mi faceva paura vedere tutto quello che non funzionava in me.
(...)
 ... e io non posso restare immobile ad aspettare che la mia vita cambi. Sono io che devo cambiare. So di essere migliore di quello che sono diventato e voglio dimostrartelo. Voglio essere degno di te e voglio giustizia. Non ti meriti quello che ti è successo.»


Due anime perse, che incontrandosi riscoprono la passione per il proprio lavoro e combattono per la verità, contro le ingiustizie, rischiando il tutto, anche la vita. 

Considerazioni
Lo stile di Cristina è più vicino alla narrativa, non si dilunga molto nella descrizione dei luoghi o sensazioni. Fornisce le informazioni necessarie per la trama, è realistica. Non si dilunga ad "abbellire" o enfatizzare situazioni. Va dritta al punto e la storia fila liscia come l'olio. Questo romanzo è un ibrido tra un giallo e un romance, ecco perché "romantic suspense" ( cosa ovvia, lo so). 
Il romanzo è a POV alternati, questo ci aiuta ad avere una visione ampia della storia. Lettura scorrevole e buon editing.
La scrittrice porta all'attenzione una realtà poco conosciuta. In un ambiente circondato da maschi come la marina, farsi strada per una donna non è facile. Consiglio la lettura a chi ama le protagoniste lottatrici e a chi ama il genere.

Buona lettura!
XoXo
Jenny


Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino