RECENSIONE "Ricco e Ribelle" di Vi Keeland e Penelope Ward

 

Titolo: Ricco e ribelle

Autori: Vi Keeland e Penelope Ward

Prezzo ebook: 5.99 €

Editore: Newton Compton 

Genere: Romance

Serie: Rush Serie #1

ORDER



Istruzioni per rovinare una bellissima vacanza negli Hamptons: innamorarsi dell’unico tizio che indossa una giacca di pelle, con la barba lunga e gli occhi profondi. Quello che non c’entra niente con tutta la gente alla moda del posto. Esattamente: l’ uomo che alla fine della stagione non potrai avere. Fatto. Il mo­tivo? Il tizio in questione è il tuo capo, sexy e tatuato. Ed è insopportabile. O almeno così mi sembrava. Tutto è co­minciato quando una sera mi ha or­dinato di salire sulla sua macchina per riaccompagnarmi a casa, perché non voleva che andassi a piedi, al buio. È cominciata così. E poi, un po’ alla volta, alcune delle sue difese hanno iniziato a crollare. Non mi sarei mai aspettata che noi due, opposti all’apparenza, ci saremmo avvicinati tanto. Non dovevo innamorarmi di lui, soprattutto perché ha chiarito da subito che non voleva impegnarsi. E così, con il passare del tempo, la mia estate è diventata molto più interessante. E complicata. Tutte le cose belle hanno una fine, no? La nostra non so proprio come immaginarla.




Buongiorno lettori, non so voi ma Vi Keeland e Penelope Ward sono due autrici che stra-adoro e quando il libro in questione è creato da entrambe si può immaginare che ne verrà fuori qualcosa di scoppiettante ed altamente erotico e divertente.

La Keeland e la Ward sono delle artiste nel creare dei personaggi maschili del tutto credibili. Fenomenali nei maschi Alfa, belli, testardi e dal linguaggio scurrile. E il nostro Rush non è da meno. Un tipo silenzioso, maniaco del controllo, irascibile, tatuato, dall'aspetto poco raccomandabile ma sexy da morire. Ed è proprio questa l'impressione che ha Gia la prima volta che lo vede seduto al bancone del bar, mentre non le toglie gli occhi di dosso. E a ogni errore, ogni inesattezza dovuta alla sua poca esperienza, Rush sembra diventare sempre più nero. 

"Sentendomi ancora addosso il suo sguardo, lanciai un'occhiata dietro le mie spalle al cliente ribelle e vidi che mi stava fissando. Non ebbe nemmeno la cortesia di far finta di guardare altrove quando lo beccai in flagrante. 
-Sono sei dollari-, dissi mettendo giù il boccale.
- Otto-.
- Scusa?-
- La birra costa otto dollari, non sei-, disse infastidito.
- Ah, bene. Mi correggi perché vuoi pagare di più?-.
Il buttafuori gigantesco si avvicinò al banco e si fermò vicino al mio cliente.
[....] Strabuzzai gli occhi.
- Hai detto... capo?-
Il tipo duro continuava a fissarmi.
-Giusto, Gia. Lo stronzo sono io. Questo posto è mio-.
La bocca accennò un sorriso che sembrava tutt'altro che felice. 
-Ora levati dalle palle, vattene dal mio bar e di' alla tua amica che è licenziata-."

A primo impatto, nonostante sia un gran figo, si intuisce quanto sia un tipo da cui stare lontani, però Gia è una calamita per le disgrazie e gli incontri sbagliati e dopo una serie di scontri con il grande capo inizia a intuire che oltre la corazza da stroxxx c'è molto di più, qualcosa che difficilmente mostra agli altri.

Anche Rush capisce che quella ragazza è diversa da tutte le altre che ha frequentato. Lui che è abituato a storie senza possibilità di relazione, intuisce subito che Gia non è una ragazza da una botta e via ma che sogna il principe azzurro e questo lo porta a sfuggire costantemente dalle avances della ragazza, nonostante ne sia attratto come non mai.

Sarà una lunga caccia tra loro due, dove a ogni avvicinamento c'è una fuga e un allontanamento. I battibecchi, le avventure e gli episodi saranno esilaranti e divertenti ma anche ricchi di romanticismo, dove pezzo dopo pezzo scopriremo che Gia e Rush sono più simili di quanto credono, due anime che hanno sofferto tanto nella vita e che insieme potrebbero sentirsi al completo, ma entrambi hanno troppo timore di ritrovarsi con il cuore a pezzi e proprio quando la storia pare aver tolto i freni, l'impensabile gli crolla addosso come un macigno.

"Prima di parlare mi esaminò il volto. 
-Quando hai paura di innamorarti di qualcuno, di solito è perché sei già cotto da un pezzo, tesoro-."

Riusciranno i due protagonisti ad affrontare le loro insicurezze e a combattere per i loro sentimenti? Questo lo scoprirete solo leggendolo. Io posso assicurarvi che è una storia che merita. Che vi permetterà di evadere, di sognare e anche sorridere, con un colpo di scena finale da lasciare senza fiato. Purtroppo per avere l'epilogo della storia dovremmo attendere il secondo volume, infatti, a differenza delle altre storie di questo duo, questa è una serie. Mi auguro non ci facciano attendere troppo per scoprire il finale di questa storia che ormai ha preso il largo nei miei pensieri.

Buona lettura.



Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni