RECENSIONE "Per un tuo bacio" di Blue Chastain

Titolo: Per un tuo bacio
Autore: Blue Chastain
Editore: self
Genere: contemporary romance
Prezzo ebook: € 0,99
Prezzo cartaceo: € 9,99
Data pubblicazione: 27 aprile 2020
Pagine: 390
autoconclusivo
ORDER

Nick ha faticato parecchio per sganciarsi dai bassifondi in cui è nato, sfruttando il suo fascino non meno della sua intelligenza. È convinto di avere finalmente raggiunto il traguardo quando Jackson Lee lo vuole a capo della sua prestigiosa catena alberghiera, poiché il vecchio ha solo una figlia, Arienne, che non ha alcuna intenzione di impegnarsi nella gestione degli Excelsior Lee.
Ed è proprio per colpa di quella ragazzina bellissima e viziata che va tutto in fumo e Nick è costretto a fuggire da New York con la coda tra le gambe, accusato di colpe che non ha commesso, solo per un bacio.
Dopo anni di rancore e pianificazioni è pronto per la vendetta: Arienne pagherà per quello che ha fatto e dovrà dargli gli hotel e tutta se stessa, aprendogli le porte dell’alta società.


Cari lettori, oggi vi parlo di Per un tuo bacio di Blue Chastain, un romanzo che vi incuriosirà con lo scorrere delle pagine.
La cover potrebbe apparire un po’ anonima perché non lascia intuire molto del romanzo, sebbene il protagonista maschile, Nick Ryan sia affascinante e sempre ben disposto ad ammaliare Arienne. Ma nella storia raccontata dalla Chastain c’è molto di più rispetto alle numerose scene di sesso.
Entrambi i protagonisti, come spiega la trama, hanno dei segreti da nascondere; ferite che graffiano ancora la loro anima più della propria pelle.
Tuttavia, grazie a queste verità taciute il rapporto tra i due cambia lentamente tanto che i progetti iniziali si modificano, come accade a un cubetto di ghiaccio che diventa addirittura vapore acqueo. E tutto per un bacio, che riconduce a un altro di tanto tempo addietro.
Una relazione, quella di Arienne e Nick, che nasce sotto il peggiore degli auspici, decisa quasi a tavolino, che rivela sorprese continue.
Ma chi è Arienne? In molti la considerano soltanto la figlia del noto proprietario di una lussuosa catena di alberghi, una ragazza che si vede poco in giro e per questo la sua figura è avvolta quasi nel mistero.

Era due persone diverse, lo sapeva benissimo,  Arianna e il Minotauro insieme: bellezza di facciata, la mostruosità nascosta.

Sarà poi vero? O è lei che si vede un mostro? E come può piacere a un uomo come Nick, il cui ricordo l’assilla da anni?

Dominick Ryan è uno che si è costruito da solo, vuole il successo, anche se ha tantissimi difetti, cresciuti con lui e annidati nel proprio animo, ma non si ferma là dove lei teme. Forse è questo che lo fa amare nonostante sia un tipo detestabile, o almeno per certi comportamenti, a mio parere, lo è stato. Il suo carattere è un insieme di alti e bassi, che tiene in pugno il lettore.
Interessante il cambiamento di Arienne che si fortifica proprio con i numerosi scontri inevitabili in una coppia, e soprattutto in una come la loro. Una donna che cresce grazie ai sentimenti per un uomo che non ha mai conosciuto l’amore. Ma è vero che se non si è mai stati amati non si può amare? A differenza del suo compagno, la protagonista è cresciuta nell’amore ed è l’unica che può scalfire e far crollare le convinzioni di Nick. O almeno ci prova…
No, non aggiungo altro per non rischiare di parlare troppo e togliervi il gusto della scoperta.

Considerazioni
Nell’insieme il testo ha un buon editing, tuttavia (per mero gusto personale) ho riscontrato soprattutto nella prima parte del romanzo la ripetizione di alcuni concetti ben chiari al lettore. Alcuni atteggiamenti di entrambi i protagonisti risultano portati un po’ all’esasperazione rendendoli poco credibili, cosa che scema, rispetto alla prima, nella seconda metà della storia, dove spariscono anche i vari tira e molla di pensieri, emozioni, pianificazioni ripetute. Infatti, a poco a poco diventa particolarmente realistico soprattutto il personaggio di Arienne, che scopre il mondo, stupendosi di fronte a quanto si era privata nel tempo.
A mio avviso, resta troppo in ombra il passato di Nick: l’autrice avrebbe potuto raccontare di più e permettere al lettore di immergersi nella storia e nel cuore del protagonista, comprendere meglio il suo pensiero o i suoi comportamenti. Ma probabilmente è solo un mio gusto personale.
D’altro canto ho, invece, amato i personaggi secondari, soprattutto Xander e Klaus, ognuno con una caratterizzazione precisa e differente.
Nell’insieme, pur avendo apprezzato molto di più la seconda parte della storia, ritengo che Per un tuo bacio sia un romanzo intrigante e complesso, che mostra quanto sia fondamentale la sincerità sopra ogni cosa per far funzionare un’unione. Rimandare le spiegazioni o le verità prosciuga la fiducia, troppo complicata da recuperare poi, un monito che vale per chiunque e in qualsiasi rapporto, relazione di coppia o di amicizia che sia.
Un romanzo che consiglio a chi ama i romanzi corposi, a chi piace restare incollato alle pagine, a chi cerca una lettura che va oltre la sola storia d’amore, ma anche a chi adora scene erotiche e piccanti.

Buona lettura.
Lya


Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni