RECENSIONE - "Ultimo respiro" di Robert Bryndza

Titolo: Ultimo respiro
Autore: Robert Bryndza
Editore: Newton Compton
Genere: Thriller
Data Pubblicazione: 1 Giugno 2020
Pagine: 353
Prezzo cartaceo: € 9,40 - 12,90
Prezzo ebook: € 2.99



Un’indagine della detective Erika Foster
Il corpo di una donna viene ritrovato in un cassonetto, con gli occhi spalancati e i vestiti ricoperti di sangue, e la detective Erika Foster è tra i primi a giungere sulla scena del crimine. Il problema è che questa volta il caso non è suo.
Mentre tenta di assicurarsi un posto nella squadra investigativa, Erika non può fare a meno di notare che le caratteristiche del ritrovamento ricordano un omicidio irrisolto avvenuto quattro mesi prima. Il cadavere di un’altra donna, abbandonato in un luogo analogo, presentava una ferita identica: un’incisione fatale sull’arteria femorale. Nell’ombra c’è un assassino che adesca le sue vittime online, nascondendosi sotto una falsa identità. Le sue prede sono donne giovani e attraenti. Quando un’altra ragazza scompare, per Erika e la sua squadra ha inizio una corsa contro il tempo sulle tracce di un individuo terribilmente sadico. Ma come si può catturare un killer che non sembra nemmeno esistere?

ROBERT BRYNDZA, dopo anni dedicati alla scrittura, si è conquistato una fama incredibile con il suo thriller d’esordio, La donna di ghiaccio, che in pochi mesi ha scalato le classifiche ed è in corso di traduzione in 28 Paesi. I romanzi incentrati su Erika Foster sono bestseller internazionali che contano oltre 2,5 milioni di copie vendute. Dopo La donna di ghiaccio e La vittima perfetta, La ragazza nell’acqua è il terzo romanzo della serie. Robert è inglese e vive in Slovacchia con suo marito Ján. Per saperne di più: robertbryndza.com


Ben tornati, ho letto in anteprima "Ultimo respiro" di Robert Bryndza edito dalla Newton Compton che ci ha fornito il file.
Questa è l'ennesima indagine in cui Erika Foster si trova a dover risolvere un mistero fitto e inquietante.
Le storie sono tutte autoconclusive quindi non per forza vanno lette tutte, ma una volta iniziato dubito che riusciate a non farlo.

Una serie di omicidi macabri ed efferati la portano a sgomitare per tornare a dirigere le indagini.

"«Sarebbe fantastico se riusciste a prenderlo», disse Doug, il volto velato da una cupa tristezza. Erika annuì. «Ci riuscirò. Ci riesco sempre».

Chi segue la serie fin dall'inizio ha avuto modo di conoscere Erika, per chi non la conosce ecco un piccolo riepilogo: una detective di circa 40anni, una donna dura e fredda che porta avanti ogni indagine come se fosse la sua sola ragione di vita. Segnata da una vita difficoltosa e dalla morte prematura del marito, Erika, non ha nulla da perdere e si batte contro ogni limitazione e ostacolo senza valutare contro chi si pone o con chi si schiera. Questa cosa l'ha penalizzata molto sia sul piano professionale che personale.

"Era disposta ad andare fino in fondo? La sera prima aveva detto che non le importava del grado, ma si era forse fatta troppe speranze? Era davvero possibile lavorare con Sparks su quel caso? Una domanda che l’aveva tenuta sveglia quasi tutta la notte. Ma poi aveva ripensato a Lacey Greene e Janelle Robinson, gettate via come sacchi di immondizia…"

In questo capitolo l'ho trovata più matura e pronta a riflettere su entrambe le situazioni della sua vita, non che questo le impedisca di impuntarsi, ma almeno ragiona sulle conseguenze.
Per la prima volta la troviamo a dismettere i panni della detective per indossare quelli della donna che tanto accanitamente ha cercato di reprimere. Ne viene fuori una persona segnata, con qualche fragilità e insicurezza che l'hanno portata a lottare per raggiungere ogni obiettivo.  Una sensibilità e un bisogno di ritrovare quel legame e quella protezione che le sono stati tolti brutalmente, deve scendere a patti con sé stessa per ritrovare il piacere di un abbraccio che riscalda grazie ai sentimenti reciproci.
Volti conosciuti e nuovi arrivi si alternano durante tutta la storia, qualche vecchio equilibrio salta e le carte in gioco si mescolano in una partita complessa che rischia di trasformarsi in una perdita totale di fiducia.

"«Per noi è comunque importante. Quando voi mentite, ci impedite di fare al meglio il nostro lavoro. Niente più segreti, vi prego. Prometto che riuscirò a trovare il colpevole, ma ho bisogno di totale onestà e apertura da parte vostra»."

In tutto ciò un criminale sfuggente che colpisce uscendo dal nulla e torna nella sua tana lasciando un corpo martoriato,  in un cassonetto.
Il resto lo lascio scoprire a voi.

Considerazioni

Il doppio filo della narrazione ci mostra sia la parte investigativa che quella thriller grazie al pov dell'assassino.
Una visione completa che mette il lettore in una zona comfort che però nulla toglie alla lettura in fatto di adrenalina.
Il killer è caratterizzato abbastanza bene anche se alcune scelte restano lacunose, ma ormai lo sapete che sono pignola.

"Era stato così coraggioso quando aveva rapito quelle donne ma, ora che se n’erano andate, non aveva più una briciola di audacia ed era tornato a essere il piccolo perdente debole, insignificante e pauroso di sempre."

Buona la scelta di usare per la narrazione la terza persona al passato, per il genere e per le dinamiche credo sia la più appropriata. I pov si alternano con capitoli brevi e intensi, ai due già citati si aggiunge quello della vittima che dà un valore aggiunto.
I colpi di scena sono intensi e veloci sembra di essere in un vortice dove le direzioni cambiano repentine.
Il libro mi è piaciuto molto e la lettura è stata senz'altro una bella esperienza, purtroppo devo segnalare la presenza eccessiva di refusi che mi hanno realmente disturbata. La traduzione tutto sommato è ben fatta, ma consiglierei alla casa editrice una rilettura per dare ai lettori un buon prodotto.
Per tutto questo mi trovo a dover fare una media tra la storia che meriterebbe un 4 pieno e gli errori che proprio non ci sarebbero dovuti essere. Do un 3 bella storia ma da rivedere la correzione.
Lo consiglio a chi segue la serie e a chi apprezza la scrittura dell'autore.
Se cercate un thriller intenso e completo vi suggerisco di leggere questo libro.



Buona lettura!
Monica S.


Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni