RECENSIONE "Sei tu ciò che non mi aspettavo" di P. Aram

Titolo: Sei tu ciò che non mi aspettavo
Autrice: P. Aram
Editore: Self Publishing
Genere: Erotico
Formato: ebook / cartaceo
Prezzo: 1,49€ / 12,49€
Data Pubblicazione: 04/05/2020
Pagine: 361
Serie: Fariba’s Series Vol.3 (Autoconclusivo)
ORDER


Lei è Rebi, una bionda tutta pepe sensuale, attraente, sfacciata e caparbia. Lui è Alex, un vigile del fuoco capace di far vibrare le donne come la corda di un violino con i suoi occhi ghiaccio e la sua bellezza mozzafiato. Lei vuole sedurlo, lei lo brama. Lui la odia, ma non riesce a resistere. Lei non conosce i segreti di lui. Lui ha perso la fiducia nella vita e nell'amore. Riuscirà Rebi a sfondare il muro di fuoco che lui ha innalzato? Il pompiere resterà a guardare o si opporrà? Una storia di amore passionale e difficile tra i due protagonisti testardi che non vorrebbero cedere terreno all'altro. Ma che saranno costretti a scontrarsi in battaglia per poter vincere la guerra. Tu su chi dei due scommetti?

Buongiorno cari lettori oggi voglio parlarvi del libro Sei tu ciò che non mi aspettavo di P. Aram, fa parte di una serie, tutti autoconclusivi, e questo è il terzo volume.
Qui troviamo Rebi una fotografa, una ragazza molto caparbia, sfacciata e combattiva, poi abbiamo Alex un vigile del fuoco dalla bellezza mozzafiato ma dal carattere cupo e misterioso. I due si conoscono per caso in un matrimonio, ma lui pur avendo una piccola attrazione per lei cerca di sfuggire a differenza di Rebi che è pronta alla caccia della sua preda.

 “Che ci fai qui?", ringhiai. Mi faceva perdere  sempre la pazienza, la stronza. “ Buongiorno a te”, mi rispose con un sorriso. La ignorai e presi a colpire il sacco ancora più forte, ancora con più foga. “Davvero? Credi che essere ignorata da te mi faccia voltare è andare via?”, domandò. Si, avrei voluto risponderle, invece sigillai la mia bocca. “Credi che mi perderei lo spettacolo dei tuoi muscoli che si contraggono a ogni colpo che infliggi? O della tua schiena sudata?”. 

Tra loro due nasce una guerra, Rebi lo vuole e non fa altro che inseguirlo, ma Alex no, lui purtroppo avendo un passato doloroso non vuole cedere perché non crede più nella vita e  neanche nell'amore. In questo passato di lui c'è un'altra donna, la sua ex, che ritorna prepotentemente nel suo presente e tra casini, incontri infuocati e avvenimenti disastrosi lui non sa in che direzione andare e si ritrova tra due fuochi,  ma sempre pronto a scegliere la sua ex. Mostrandosi costantemente come un uomo indeciso a differenza di Rebi che sa ciò che vuole.

 “Il mio cuore flagellato piangeva di troppe lacrime, che i miei occhi non sarebbero stati in grado di versare. I singhiozzi mi uscirono senza che io volessi. E le lacrime li seguirono a ruota. Il dolore, la disperazione, il vuoto,  il baratro, il nero più assoluto m’invasero. Io lo amavo. Cazzo! Lo amavo! E lui? Mi aveva abbandonata.

 “Non amavo Mel, lo sapevo per certo, io un tempo forse l'avevo amata per davvero e quello di adesso non era amore. Piuttosto c’erano attrazione sessuale e tanta compassione. Vederla triste mi faceva male, e a quanto pare io ero l'unico che aveva il potere di farla stare meglio.” 

Da qui in poi, si susseguiranno situazioni che lasciano con il fiato sospeso, tra le varie lotte tra i due, ma lascio a voi scoprire chi vincerà questa partita.

Considerazioni:
Onestamente quando ho letto la sinossi di questo libro non ero riuscita a capire ciò che dovevo aspettarmi... Questo tipo di sinossi porta curiosità e così è stato per me. Ho trovato una lettura scorrevole e una bella scrittura giovane e mai noiosa. Una buona storia di base, anche se a mio parere un po’ troppi dettagli ininfluenti riguardo la storia potevano essere magari sfoltiti, devo dire però che l'autrice è stata brava a tenere alta la tensione e la suspense del lettore fino alla fine, lasciandolo con il fiato sospeso.  L'unico chiamiamolo "problema" è stato con i personaggi, purtroppo non sono entrata in empatia con loro, perché se da un lato avrei potuto giustificare lui per il suo carattere al limite dell'arroganza, dell'eterno indeciso e molto duro anche nei modi di fare, lei non aveva nessuna giustificazione grave per il comportamento e le decisioni che sceglieva, diciamo che in alcuni momenti, mi sembrava più una bambina viziata e capricciosa e non la donna caparbia e sfacciata che sembrava essere all'inizio. Comunque non posso dire che tutto sommato la storia non mi sia piaciuta, e quindi la consiglio a tutti quelli che amano le storie d’amore passionali e difficili, condite da molti avvenimenti inaspettati, e da molte scene hot ben descritte e passionali. 
Non mi resta che augurarvi una buona lettura.



Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni