RECENSIONE - "Il lord delle brughiere" di Francesca Cani

Titolo: Il lord delle brughiere
Autrice: Francesca Cani
Editore: self publishing
Genere: regency - romanzo rosa storico
Prezzo ebook: € 2,99 e KU
Prezzo cartaceo: € 12,90 - € 19,90
Data uscita: 28 febbraio 2023
Pagine: 306
Serie: La confraternita dei leoni #8





Mio personale miracolo.
Mia alba alla fine di un buio inverno.
Neve fresca sul mio cuore fatto di spine.

1822. Il passato pesa come un macigno, ma non conta più: Lawrence è il nuovo duca di Somerset.
Per metà scozzese, ha ereditato i capelli rossi, la stazza e il temperamento dagli antichi Highlander. Insofferente alle regole del ton, irriverente e incapace di provare amore, non cerca una moglie più di quanto non desideri una ferita infetta.
Eppure per essere riabilitato gli serve un vero matrimonio, per ordine del re.
Lady Evangeline Heather Scott è una giovane pittrice dalla lingua svelta e dagli ideali moderni. Ha raggiunto la maggiore età e per la legge è libera, o quasi. Maldestra e sincera, possiede un vera predisposizione per cacciarsi nei guai e per scivolare nei momenti meno opportuni.

Lei è la vittima perfetta dell’inganno, ma sulla brughiera si può cadere…
Perché sulla brughiera si ama e si desidera in modo diverso, più intenso.
Alla brughiera non si può mentire e nemmeno nascondere segreti.

Buongiorno a tutti,
Con molto piacere vi parlo di un libro che ho letto con kindle unlimited, si tratta de il lord delle brughieredi Francesca Cani,  capitolo conclusivo della serie La confraternita dei leoni.

Lawrence ha visto la natura più oscura dell'animo umano e a sua volta ha fatto di tutto. Irriverente verso le regole dell'etichetta, insofferente agli obblighi del titolo e restio a provare sentimenti, è un uomo che ha chiuso il suo cuore a ogni forma di emozione. Per alcuni un diavolo, per altri un reietto che non dovrebbe avere il ruolo che il titolo gli garantisce. Lui stesso non crede di potersi riscattare, ma nonostante questo lavora per dare lustro al castello e riportarlo all'antico splendore anche in memoria di una madre che ha amato e odiato in egual misura. Gli stessi Leoni hanno molto da rinfacciargli e conti in sospeso che richiedono di essere appianati a ogni costo.

«Non tutti i fidanzamenti finiscono con i fiori d’arancio e non tutte le promesse sono indissolubili. Le giovani
donne vengono ingannate da uomini come voi, Vostra Grazia. E l’amore, ammesso che esista davvero, è così
raro che sono certa me ne sarei accorta se mi avesse sfiorata.»

Evangeline è un'anima candida e pura, desidera essere libera e affrancarsi dal ruolo di donna obbligata a sposarsi e a farsi mantenere. Completamente ingenua e per nulla preparata alla slealtà dell'uomo, ha perso parte del suo romanticismo quando il suo sogno d'amore è naufragato nel peggiore dei modi.
Ha una mente aperta, la lingua affilata e poca grazia, di fatti inciampa sui suoi stessi piedi riuscendo a mettersi nei pasticci più improbabili. Un'artista nell'anima, attenta ai dettagli e con la predisposizione a osservare il prossimo al punto da riuscire a coglierne la vera essenza.


«Veniamo a noi, Lady Evangeline, siete davvero una strana creatura con la veste da camera e i piedi nudi, la
matita in una mano e i fogli con gli schizzi nell'altra» sussurrò e, senza potersi fermare, le si avvicinò fino a
sentire il suo profumo fresco di bucato e fiori.

Sulla carta sono quando di più distante ci possa essere, ma Lawrence deve riscattarsi e dimostrare la propria fedeltà al re; Evangeline si trova al posto giusto nel momento sbagliato. Questo fa sì che le loro vite si intreccino in un modo infausto. Oltre al destino, a giocare con le loro vite, c'è un'antagonista che manovra nell'ombra per ottenere la vittoria a discapito di tutto.
Evangeline e Lawrence si troveranno a lottare su più fronti, uniti e al contempo contrapposti perché nessuno dei due vuole realmente rinunciare ai propri programmi. 

«Credo proprio di no. Ricapitolando: avete avuto un passato infelice, ora siete indipendente, non avete paura della brughiera e i segni della guerra sul mio corpo non vi fanno urlare. Siete finta, Lady Evangeline?»

Considerazioni

Quando si ha a che fare con un personaggio totalizzante e complesso come Lawrence, non deve essere facile per l'autrice inglobarlo in una storia. Non si può parlare solo di lui, ma bisogna dare spazio a ogni personaggio primario e secondario, portare avanti le vite di tutti, spiegarne le motivazioni, svelarne i segreti, far luce sui complotti e dar loro un'anima attraverso l'introspezione e gli aspetti psicologici. Inoltre c'è da far evolvere la storia d'amore che è parte integrante di un romanzo regency. L'onere di questo volume era anche dare una degna fine all'intera serie. Mi permetto una riflessione: che faticaccia!

Francesca Cani è riuscita a legare tutti questi elementi in modo egregio dando lo spazio giusto a ogni aspetto che ho elencato sopra. Inoltre ha plasmato il tutto in modo che fatti storici reali si incrociassero, su più fronti, con la storia di fantasia. 

"Ora capiva l’incisione nell’anello nuziale di suo padre. Forever. Per sempre è un’unità di misura con cui poteva
confrontarsi, ora, mentre in passato era stato solo il sogno infantile e romantico di una giovane che nulla sapeva
dell’amore vero."

La narrazione mi ha portata subito a un livello di interesse molto alto e fatto sì che mi trovassi davvero concentrata a cogliere ogni dettaglio e risvolto.
Un romanzo elettrizzante e una storia molto dinamica mi hanno spronata a leggere il libro in una manciata di ore. Il finale perfetto per una serie che non è nata sotto i migliori auspici.
La scrittura è passionale, molto evocativa, ricercata e ricca di metafore che richiamano la prosa poetica.
Tutto questo mi porta a fare i complimenti a Francesca Cani per quanto ha fatto. Estendo i miei complimenti a tutte le autrici della serie per aver dato luce a la confraternita dei leoni e per non aver mollato.

"Eppure, quella fame di carezze era un buco che risucchiava i sogni, 
rendeva il presente incerto e il futuro ancora
più scivoloso e precario."

A voi lettori consiglio la lettura di questo libro e dell'intera serie che vi porterà sì nel periodo Regency, ma vi permetterà di conoscere uomini e donne capaci di lottare per i loro ideali, per la famiglia, per l'amore e per l'amicizia.

Buona lettura!
Monica S.


Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE "Deviant" di Ellie B. Luin

RECENSIONE - Il narratore di storie, di Rita Nardi

RECENSIONE - La sposa gitana, di Carmen Mola