PRESENTAZIONI - Self + CE

Titolo: Ti avrei chiamata Nina
Autore: Caterina Falchi
Editore: Alcheringa Edizioni
Prezzo cartaceo: € 9,50
Data pubblicazione: 31 ottobre 2019
Pagine: 50
ORDER 

 Supponiamo che tu sia una ragazza media italiana di poco più di 30 anni.
Hai terminato gli studi, hai un lavoro, dopo qualche storia sbagliata hai trovato l’uomo della tua vita, te lo sei sposato e non vedi l’ora di metter su famiglia con lui.
Direi che c’è tutto.
Iniziate la caccia alla pennuta ma, ahimè, qualcosa si inceppa.
La pennuta non ne vuole sapere di volare sopra la vostra testa e consegnare alla vostra porta uno zuccheroso boundle of joy.
I mesi passano, nulla succede, la tua vita cambia, il dolore si impossessa di te. 
Un turbinio di emozioni e di sentimenti fino ad ora sconosciuti ti sconquassano per bene il cuore e ti stropicciano l’anima.
Quel fagottino non vuole arrivare, nonostante i tentativi mirati, nonostante le cure ormonali, nonostante le preghiere silenziose bagnate da lacrime calde.
E tu ti senti tremendamente sola e tremendamente inutile come donna.
Il tuo utero piange, è vuoto.
Con un estremo rispetto verso la vita ma con un tocco di ironia che fortunatamente mi ha salvata in più di un’occasione, ho voluto mettere su carta la mia esperienza di “Donna di coppia diversamente fertile”.
Un’esperienza forte, a volte lancinante, a volte anche divertente, ma che mi ha cambiata per sempre.
L’ho scritta come terapia, ho sentito l’esigenza di parlarne per guarirne, ho dovuto farlo per salvarmi.
E con me tutte le altre donne che di questa cosa non ne parlano, che per questa cosa soffrono e si sentono sole nel loro dolore di donne a metà.
Perché il diventare madre, nonostante tutto,  non è assolutamente scontato.



Nata quarantanove anni fa nella provincia di Gorizia, ho in tasca una laurea in lingue e letterature straniere e lavoro nell’ufficio vendite di un’azienda locale.
Una vita apparentemente tranquilla, condita da libri, musica, danza, fotografia e un’irresistibile voglia di scoprire sempre cose nuove.

Inizio a scrivere nei primi anni duemila.
Scrivo favole per bambini che vengono pubblicate on line nel sito di Mammafelice (www.mammafelice.it).
Con “La saponetta magica” partecipo nel 2009 ad un concorso indetto dalla casa editrice Edigiò che vinco e mi aggiudico la pubblicazione del testo.

Due favole vengono pubblicate nei progetti di raccolte natalizie di Barilla (2011 e 2012) e alcuni miei articoli vengono pubblicati nel sito che si occupa di libri, Zebuk (www.zebuk.it).
Inizio a frequentare corsi di scrittura creativa e dalle favole passo a racconti che vengono inseriti in diverse raccolte edite da Alcheringa Edizioni (2013, 2014, 2015), e da Delos Books (2013 e 2014).

Vicende familiari mi fanno infine arrivare a questo lavoro nato proprio per cercare di guarire da una mancanza profonda con la quale devo convivere.
Come già scritto nella sinossi, la scrittura, specialmente in questo caso, è per me terapeutica e se non avessi messo su carta le mie emozioni, molto probabilmente starei ancora parecchio male.
Ho scritto per me, ma ho anche scritto per tutte quelle donne che si sono trovate nelle mie stesse condizioni e si sono sentite sole, perché di gravidanza  si parla moltissimo, ma di mancata gravidanza non se ne parla, a mio avviso, ancora abbastanza.
A tratti ho scritto con leggerezza, a tratti con profonda tristezza perché un percorso di questo tipo è fatto da mille emozioni, da grandi speranze e purtroppo da pesanti fallimenti.
Sta a noi trovare la chiave per superare un’esperienza del genere o almeno per conviverci quasi serenamente dando fondo a tutte le nostre risorse emotive senza perdere la voglia di scoprire cosa ci sarà ancora per noi lungo il cammino.
Riferimenti social/web:
Su Facebook sono presente con la pagina “Ti avrei chiamata Nina”
In rete sono presente con il mio sito www.caterinafalchi.com


Titolo: Uno
Autore: Jane Blythe
Editore: Hope Edizioni
Serie: Conta fino a dieci #1 
Data di uscita: 20 aprile

Per salvare la donna che ama, lui deve lasciare a piede libero un assassino.
La vita di Annabelle Englewood si sta sgretolando attorno a lei. Tutta la sua famiglia è stata trucidata; lei è accusata di aver commesso quel crimine e il detective che lavora al caso le fa provare cose che non vuole provare, sfidando la sua convinzione di non essere degna di essere amata. 
Il detective Xavier Montague sa bene che non deve farsi coinvolgere da una donna su un caso a cui sta lavorando. In particolar modo da una donna che è emotivamente vulnerabile. Eppure, contro ogni logica, è attratto da Annabelle, ma la sua attrazione proibita lo obbligherà ad affrontare il momento più buio della sua vita.


Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino