RECENSIONE "Mentre la vita corre" di Beatrice Mariani

Titolo: Mentre la vita corre
Autore: Beatrice Mariani
Editore: Sperling & Kupfer
Prezzo ebook: 9.99 €
Genere: Narrativa contemporanea

ORDER

Elisa e Stefano, romani, quarantenni già da un po', si svegliano ogni mattina con un solo scopo: portare avanti le proprie famiglie complicate. Si incontrano sul lavoro per caso, complici una collega in ferie e delle tabelle da compilare in fretta. Finiscono a letto senza farsi domande e soprattutto senza nessun piano per il dopo. Entrambi già feriti dalla vita, sono immersi e sommersi in una quotidianità senza respiro. Per lei: un ex marito difficile da odiare anche se ha messo incinta un'altra donna, due figli piccoli, una madre invadente che dispensa consigli non richiesti e una montagna di sensi di colpa. Per lui: una figlia adolescente tanto ribelle quanto bisognosa di affetto, un'ex moglie rancorosa e una carriera di successo e fatica nella quale dimenticare tutto quello che non va, compreso se stesso.
Troppo pericoloso mescolare questi due mondi già in equilibrio precario: il rischio di esplosione è altissimo. Nel tentativo di dimenticarsi, finiscono però per avvicinarsi sempre di più. L'esistenza, si sa, ama i colpi di scena e li aspetterà al varco con tragedie inaspettate e cambiamenti repentini.

Un romanzo delicato e contemporaneo che racconta di noi e delle nostre fragilità, di quanto sia difficile dare una seconda chance alla vita quando il passato pesa come un macigno. Una possibilità, forse l'unica, c'è. Ed è l'amore.
Buongiorno Librose,
Oggi vi parlerò del nuovo romanzo di Beatrice Mariani, "Mentre la vita corre", edito Sperling & Kupfer. Ringrazio la CE per la copia arc. 
Il romanzo ci immerge tra gli squarci della vita di due persone che nonostante tutto cercano di fare del loro meglio per i figli. I nostri protagonisti hanno chiuso le porte all'amore. Hanno avuto la loro possibilità di essere felici e hanno fallito. Ora gli rimangono il lavoro e i figli.  
Nonostante l'immagine idilliaca la  famiglia è rovinata, ma cercano di crescere al meglio i figli proteggendoli da possibili traumi. Dopo un amore finito, rimane comunque un legame e a maggior ragione se si è genitori. Spesso ci si annulla per la felicità dei figli, ma non ci accorgiamo che stiamo dando un esempio sbagliato e nel frattempo soffriamo. 

"Cos'è l'amore? L'aveva mai provato? Ci poteva essere spazio per qualcosa di così grande, di così importante? Non era oramai tardi ?"

Elisa e Stefano, divorziati dai rispettivi coniugi, si destreggiano tra figli e lavoro. Si incontrano per caso al lavoro e tra i due nasce una sintonia. Lei all'inizio è repentina a lasciarsi andare ma poi comprende che non riesce a resistergli e così finiscono a letto. Lui, dopo il divorzio ha avuto solo "relazioni" di una notte e via. Due persone con fallimenti e sensi di colpa alle spalle, non hanno molto da offrire all'altro se non la piacevole reciproca compagnia, in quel poco tempo che riescono a ritagliarsi. Anche così, in una "relazione" senza impegno, i sentimenti si fanno largo ed è facile rimanere feriti. Sapranno darsi una possibilità di essere felici di nuovo e di vedere cosa c'è di buono nella loro vita incasinata?

Considerazioni

È il primo libro che leggo dell'autrice. Romanzo scorrevole in terza persona. L'ho letto in due giorni. Questa storia mi ha fatto riflettere su quanto difficile, doloroso e delicato possa essere riconciliare il rapporto figli-genitori dopo una separazione. I protagonisti sono ben costruiti e sono entrata facilmente in sintonia con loro. I personaggi secondari hanno un ruolo non indifferente nella trama e infatti occupano un bello spazio. Personalmente avrei preferito meno.
I flashback continui durante la narrazione mi hanno un po' "stordita". L'autrice chiude il romanzo in un modo che non mi ha soddisfatto del tutto. Indirizza i protagonisti verso una via ma poi lascia che sia il lettore a proseguire con l'immaginazione. Avrei preferito che proseguisse. Consiglio la lettura a una fascia adulta di lettori, data la tematica, potrebbe apprezzarlo di più. Ciò non toglie che lo possano leggere tutti.

Buona lettura!
XoXo
Jenny


Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino