RECENSIONE "Strada verso il nulla" di M. Robinson

Titolo: Strada verso il nulla
Autore: M. Robinson
Genere: Contemporary Romance
Editore: Quixote Edizioni
Data Pubblicazione: 19 Luglio 2019
Formato: Ebook e Cartaceo 
Prezzo: 4.99 / 13.14
Pagine: 350




Un libro profondo, avvincente ed emozionale che ti farà desiderare di averne sempre di più. I limiti saranno superati, l’amore sarà sempre in bilico, i cuori saranno spezzati, vite saranno spezzate ed emozioni profonde ti scorreranno nelle vene.

Una volta ho letto che ogni guerriero spera in una morte onorevole, e l’avrebbe trovata. Sono sempre andato a cercare la mia fine, ma nemmeno il Tristo Mietitore mi voleva.
Sono stato addestrato per uccidere. Sono stato addestrato a non chiedere il perché. A prendere ordini e a marciare dritto.
Vita o morte.
Uccidi o muori.
E non sto parlando solo della vita militare. Sto parlando della vita che mi ha portato su una strada verso il nulla.
La mia vita.
Ho combattuto per i miei fratelli.
Ho combattuto per la mia famiglia.
Ho combattuto per il mio paese.
E ho combattuto per lei…

Non mi ero mai reso conto che avrei anche potuto morire per loro…

Buongiorno cari lettori, 
oggi voglio parlarvi del nuovo libro di M. Robinson, l'autrice del nostro El Diablo colui che ha segnato il nostro cuore dark nel profondo. "Strada verso il nulla" ci condurrà tra l'ambiente dei Bikers, per chi ama i motociclisti e tutto ciò che ruota intorno a loro. 
Per leggere questa nuova serie dovrete completamente distaccarvi da ciò che era l'ambiente di Martinez. Nonostante sia stata molto felice di ritrovarlo tra alcune di queste pagine, la storia prende tutta una direzione diversa. Creed è un ragazzo cui il destino è già segnato dalla nascita, figlio del Presidente del club dei Devil's Rejects, è destinato a seguire le orme del padre e a diventare presto il vicepresidente del club. Un club fatto di traffici illeciti e loschi di cui lui non è completamente a conoscenza. Presto si renderà conto che il fascino cui subiva da giovane verso i bikers non sarà abbastanza, oltre la facciata da ragazzacci intoccabili c'è tutto un mondo fuorilegge che più di una volta lo priverà delle persone che ama e lo porterà a compiere azioni contro la sua volontà.

La vita di Creed non è mai stata semplice, si ritrova a fare da padre ai due fratelli minori e ad accudire una madre che giorno dopo giorno si lascia sempre più andare, tutto questo a causa di un padre assente che vive esclusivamente per il club mettendo in secondo piano tutto il resto.

Tutta una serie di circostanze ed eventi spiacevoli segneranno la vita di Creed e lo porteranno a cercare una strada lontano da tutto, portandolo persino ad arruolarsi nell'esercito insieme al suo migliore amico. L'unico posto dove tutto ciò che ha imparato da piccolo, quando da subito gli hanno messo un'arma tra le mani, lo fanno sentire utile e lui è il migliore in quello che fa.

"La morte lascia un dolore nel cuore che nessuno può guarire. L'amore lascia un ricordo che nessuno può rubare".

Ma la strada lo rincondurrà nuovamente indietro, alle sue origini.

In tutto questo lungo percorso e arco temporale in cui viene raccontata la storia, Mia Ryders è solo una piccola bimba di 8 anni quando incontra Creed, il migliore amico di suo fratello. Una ragazzina tosta già dalla tenera età, cresciuta in una famiglia molto protettiva, circondata da tanti fratelli. Con il suo carattere tutto pepe è l'unica a riuscire a strappargli un sorriso e ad alleviare per qualche istante le pene del suo cuore. Inizia con lui una corrispondenza mentre è in missione e un continuo scambio di patch insolite per la pettorina da motociclista di Creed. Quella ragazzina sarà per lui un raggio di sole nel fango in cui risiede. Ciò che non sa è che già dalla sua tenera età lei si insidierà nel suo cuore.

"Era entrata nella mia vita come un cazzo di uragano, distruggendo ogni cosa nella sua scia. Una ragazza dal lato giusto dei binari, che per qualche ragione non avrei mai potuto fottere".

Un racconto duro, forte e schietto, come è nello stile della Robinson, qualcuno potrebbe definirlo volgare ma è l'unico vero stile che si può aspettare nel contesto in cui è rappresentato.
Un dark romance dalle tinte forti che sicuramente ci riserverà grosse sorprese e altra violenza anche nel secondo numero, in attesa spero... del tanto atteso lieto fine per un ragazzo che ha finora ricevuto solo il peggio che la vita potesse riservargli.

"Le pareti mi si stavano chiudendo attorno e io non avevo nessuna via di uscita. La mia vita stava correndo su una strada verso il nulla. I miei demoni non mi lasciavano mai da solo, erano i miei cazzo di compagni, sempre seduti accanto a me, aspettando che il tumulto della devastazione prendesse il sopravvento. Altre vita. Altro sangue. Altra cazzo di morte".

Consiglio la lettura a chi ama il dark romance, l'ambiente dei bikers e gli amori difficili e viscerali.

"Al diavolo gli stronzetti che non combattono per te. Un giorno incontrerai un uomo che ti amerà e te lo dimostrerà. Togliendo di mezzo chiunque gli sbarri la strada. E sarà un bastardo fortunato ad averti al suo fianco" "Lo pensi davvero?" " Lo so per certo. Hai solo quindici anni, dolcezza, hai una vita intera davanti".

Buona lettura.



Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni