REVIEW PARTY - RECENSIONI - "Natale a Mistletoe Cove" di Holly Martin


Titolo: Natale a Mistletoe Cove
Autore: Holly Martin
Editore: Leone editore
Genere: Romanzo contemporaneo
Prezzo ebook: € 4,99
Prezzo cartaceo: € 12,66
Data pubblicazione: 7 novembre 2019
Pagine: 318
Serie: autoconclusivo

ORDER
L’amicizia tra Eden e Dougie è stupenda, anche se forse è qualcosa di molto più importante: i due si amano da sempre, eppure non hanno mai avuto il coraggio di confessarlo l’una all’altro. La svolta per il loro rapporto è il ritorno a Hope Island di Dougie dopo ben dodici anni. Finalmente riunitosi alla sua migliore amica, Dougie può raccontare a Eden la fantastica leggenda di Mistletoe Cove, legata a uno sfiatatoio magico in grado di realizzare tre desideri. Eden non può resistere alla tentazione, così desidera un milione di sterline, un Natale innevato e che Dougie la ami tanto quanto lei ama lui. Questo è l’inizio di una meravigliosa storia d’amore a cui la stessa Eden non può credere, convinta che i sogni non possano mai diventare realtà.

Buongiorno, in questa giornata di review party vi parlo di "Natale a Mistletoe Cove" di Holly Martin, edito da Leone editore che mi ha fornito il libro per la lettura.
Un romanzo a tema natalizio che ha tutte le caratteristiche delle favole.

Eden è una donna di trent'anni, è autonoma grazie alla sua caffetteria, dove passa le giornate tra un dolce e un sorriso. A questa attività ha affiancato il suo hobby: dipingere la ceramica. Un locale che per tutti gli abitanti dell'isola è un luogo di ritrovo. Tutti provano affetto e rispetto anche grazie alla sua indole altruista e disponibile. 

Dougie è il proprietario di un'azienda che progetta videogiochi, un lavoro che gli permette di vivere agevolmente e senza grandi problemi. Fisicamente prestante e con un fascino innato attira le donne di ogni età ma non si è mai montato la testa, restando il ragazzo semplice che a 17 anni ha lasciato l'isola per trasferirsi a New York.

I due ragazzi sono amici da sempre e la distanza non ha intaccato questo rapporto ma anzi lo ha fatto crescere e diventare più profondo.
Quando Dougie torna all'isola le cose sono destinate a cambiare e con la giusta spintarella da parte sua, l'amicizia evolve in amore.
Sembra che tutti facessero il tifo per loro e solo i due protagonisti avessero le idee confuse. Tra situazioni divertenti, scene da occhi a cuoricino e sesso bollente i dubbi, che questo amore non sia vero ma solo un momento di avvicinamento, mettono radici e rischiano di tornare al punto di partenza ma col cuore spezzato definitivamente.

Considerazioni

Il romanzo di per sé non sarebbe male se preso come lettura leggera per passare delle ore in tranquillità. Il problema è che i protagonisti sembrano diciassettenni immaturi con gli ormoni in subbuglio. Mi spiace infinitamente perché ho sperato fino alla fine che si dimostrassero per i trentenni che sono. Tra i dubbi, i ripensamenti e la paura che l'amore non sia vero ma frutto di una qualche magia dell'isola, ho arrancato fino alla fine sperando che un colpo di scena scuotesse tutto.
L'aria che si respira nell'isola è quella dei luoghi isolati dove tutti sanno tutto di tutti, tranne gli interessati che sembrano vivere in un mondo a parte perché sono gli unici a non avere le idee chiare. 
Una storia arranca e non decolla mai anche a causa dei dialoghi semplici e ripetitivi, narrazione con molte descrizioni, anche troppe a tratti.

Personaggi secondari che non aggiungono nulla alla storia principale, durante i dialoghi mi sembrava di essere tornata a scuola quando si parlava dello sguardo scambiato col ragazzo più bello.
Ci sono delle confidenze padre figlio che arrivano con 10 e più anni in ritardo, semplificate anche queste visto che gli strascichi hanno reso il protagonista timoroso verso l'amore.
I genitori di Eden invece sembrano degli hippy e mi meraviglio come i figli gli siano sopravvissuti.
A complicare la lettura sono stati anche i refusi e alcune frasi tradotte forse letteralmente perché ho faticato a comprenderne il senso.
Nell'insieme carino ma non mi ha coinvolta.

Se vi piacciono le storie incentrate sul Natale e dove tutto sa di cioccolata calda e biscotti appena sfornati questa è la storia che fa per voi.

Vi invito a seguire le recensioni di tutti i blog partecipanti al review party.

Buona lettura!
Monica S.

Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino

REVIEW TOUR - RECENSIONE - "Disgraceful" di Autumn Grey

RECENSIONE - "Deacon" di Veronica Scalmazzi