RECENSIONE - " Ci vediamo presto" di Lucrezia Scali

Titolo: Ci vediamo presto
Autore: Lucrezia Scali
Editore: Newton Compton
Genere: Contemporary romance
Prezzo ebook:  € 3,99
Prezzo cartaceo: € 8,42
Pagine: 320
Uscita: 28 novembre 2019
Serie: Sequel di "La distanza tra me e te"
autoconclusivo

ORDER
Che cosa è successo a Isabel e Andreas? La loro sembrava una favola: una lei, un lui e Facebook a fare da Cupido. Ma a un certo punto Isabel ha fatto una scelta e ora deve imparare a convincerci, anche se gli occhi azzurri di sua figlia sono lì a ricordarle ogni giorno a cosa ha rinunciato. E lo sa bene anche Andreas che, da quando il suo cuore si è spezzato, ha reagito nell’unico modo che conosce: alzando un muro per non innamorarsi mai più. Finché un giorno vede che il profilo Facebook di Isabel è tornato di nuovo attivo: in un attimo, il passato riemerge a tormentarlo. Andreas è deciso a riprendersela, a qualsiasi costo. Ma non può certo immaginare che la donna che ha tanto desiderato nasconda un segreto. Così grande da mettere tutto in discussione. La distanza tra loro è davvero incolmabile?

Buongiorno a tutti cari lettori, oggi vorrei parlarvi del libro "Ci vediamo presto" scritto da Lucrezia Scali, edito dalla Newton Compton che ci ha fornito il file per la lettura.

Questo romanzo è il seguito di "La distanza tra me e te", uscito nel 2016 e di cui ammetto di essermi dimenticata la trama, ma dopo una rilettura della recensione che lasciai ai tempi, sono riuscita a rispolverare un po' la storia di base.
Non è essenziale il recupero del precedente libro, ma è comunque fortemente consigliato, perché già l'inizio si apre su Isabel, giovane protagonista che si trova in treno, assieme alla sua cagnetta Frida, a un passo dall'abbandonare la sua vita di tutti i giorni per fare una "pazzia": andare da Andreas.
Vi chiederete quale pazzia possa mai essere questa, ma vi svelerò che Andreas è l'amante, colui che ha fatto breccia nel cuore di Isabel e con il quale la ragazza ha tradito il suo fedele e innamorato marito Mattia.

Se non fosse che, all'ultima semplicissima fermata che mancava per ricongiungere Isabel e Andreas, la ragazza viene investita da un grandissimo senso di colpa e decide di tornare indietro.
Da qui Isabel cercherà di riprendere la sua quotidianità, bloccando ogni contatto di Andreas e recitando il ruolo della normale moglie con Mattia. Ma la ragazza ben presto scoprirà una notizia che le cambierà il futuro, combattendo fin da subito con la decisione di dire la verità o di convivere con le bugie, scegliendo quest'ultima opzione.
Bugie che prima o poi verranno svelate e tutto verrà messo in discussione, ma chissà che, grazie anche a un personaggio secondario, il vero amore finisca per trionfare!

Considerazioni

Cari lettori, ho cercato di stare molto sul generico perché ogni informazione in più è una possibile anticipazione, ma vi posso sicuramente dire che nella storia avranno un ruolo fondamentale i segreti e le menzogne che ognuno di noi come lettore può trovare condivisibili o meno.

È una storia senza dubbio molto scorrevole, ma l'ho trovata fin troppo lineare e ripetitiva negli stessi avvenimenti e nei comportamenti dei protagonisti.
Protagonisti che, nonostante le loro età, ho trovato poco maturi, ma soprattutto Isabel si è confermata un personaggio poco apprezzabile, passando da presuntuosa e supponente nel precedente libro, a egoista e irresponsabile in questo libro.

Ottime invece, la scrittura semplice e fluida, oltre che la narrazione in prima persona dal punto di vista di entrambi i protagonisti, che aiuta a entrare un pochino di più nei loro pensieri e stati d'animo.
Consiglio questa storia a chi è alla ricerca di una storia poco impegnativa, ma fatta comunque di difficoltà, indecisioni ed errori che ognuno di noi potrebbe incontrare nel proprio percorso di vita.

Buona lettura e tanti Auguri di Buone Feste a tutti voi!

Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni