RECENSIONE - "Cole" di Veronica Scalmazzi

Titolo: Cole
Autore: Veronica Scalmazzi
Editore: Self publishing
Genere: Contemporary romance
Pubblicazione: 12 dicembre 2019
Prezzo ebook: € 2,99
Libri autoconclusivi
Serie: Spin-off Destini incrociati
#1 Cuore contro Cuore - RECENSIONE
#2 Logan - RECENSIONE
#3 Remember Me - RECENSIONE
#4 Cole


Credevo di non essere fatto per l'amore, o almeno così pensavo. Poi, un giorno, un paio d'occhi azzurri come il cielo d'estate hanno varcato la soglia del mio Pub e tutto è cambiato.
Martina Bright.
Il mio paradiso e il mio inferno.
Con la sua lingua tagliente e il suo sguardo da guerriera ha scalfito le mie convinzioni, trascinandomi in un gioco fatto di passione e momenti rubati. Mi ha stregato e fatto perdere la testa, ma sono bastate due parole e l'incantesimo si è spezzato.
Mi chiamo Cole Tucker e sono il coglione numero uno di Portland.
Perché l'ho lasciata andare.
Perché ho rinunciato a noi, a ciò che eravamo insieme.
E, adesso, lei ha un'altra vita chissà dove.
Ma si sa... Il destino ha sempre un asso nella manica da giocare e io sono disposto a tutto pur di riaverla.
Perché lei è mia.
Perché lo è sempre stata e voglio che lo sappia.

Credevo che lui fosse quello giusto, ma mi sbagliavo.
In un attimo tutto il mio mondo è crollato e il mio cuore si è sbriciolato in una notte di maggio, per questo ho lasciato Portland per sempre.
Perché lui mi ha ferita.
Perché lui ha buttato via i miei sentimenti.
Perché il destino non era dalla nostra parte.
Mi chiamo Martina Bright e ho un problema: Cole Tucker è tornato nella mia vita e vuole rimanerci.
Buongiorno Librosi e Chiacchierini, ho letto in anteprima Cole di Veronica Scalmazzi che mi ha fornito il file per la lettura. Questo è il quarto spin-off della serie destini incrociati e vede come protagonisti Cole e Martina

Cole è un motociclista sexy, rude e premuroso quanto basta per renderlo il sogno proibito, il cattivo ragazzo capace di intrigare le donne. È il proprietario di una bar, attento ai bisogni altrui sia che si tratti dei clienti o delle sue dipendenti. Un amico presente e irriverente sul quale si può contare ma che sa scuotere e spronare quando la situazione lo richiede.
Di carattere schivo, preferisce i fatti alle parole ma ha un'allergia ai sentimenti. Tutto ciò l'ha portato a compiere un errore di valutazione che gli è costato caro: ha perso la sua persona speciale ancora prima di averlo capito lui stesso.

"Sto impazzendo ed è solo colpa sua. Sua e di come mi fa sentire quando stiamo insieme. Martina ha ribaltato la mia vita, l'ha messa sottosopra giorno dopo giorno. Il suo sorriso, la sua irriverenza e i suoi occhi vellutati di azzurro sono stati la mia disfatta. Ho cercato di resisterle, di non farmi trascinare dalle emozioni, ma è stato inutile. Martina ha vinto e io ho perso contro me stesso. E ora rischio di perdere anche lei."

Martina è un peperino, ha un carattere frizzante, un'amica pronta a sorreggere e ad aiutare. Una donna che vive la propria sessualità donando il cuore all'uomo che desidera. Un cuore che le viene strappato più e più volte, nonostante la sua giovane età ha fatto delle scelte che le ha imposto il destino. Martina ha perso in una sola sera le persone che più amava chi per la crudeltà del fato, chi per l'incapacità di accettare la grandezza di un sentimento.

"Ma non succede, non succederà mai. Né oggi e nemmeno domani. Perché il dolore che mi sta lacerando sta scavando un buco profondo alla ricerca di un posto dove attecchire e poter fare ancora più male. «Perché?» gli chiedo in un sussurro rubato al vento. «Perché?»«Non lo so, tesoro. Non lo so.» Mi stringe forte a sé."

I due fanno scintille sia che si tratti di sfiorarsi fisicamente sia che si scambino uno sguardo. Un momento è riuscito a rovinare la fiducia ma basta un attimo per capire che l'attrazione non è stata intaccata. Si rivedono, per caso, a distanza di un anno e il tempo viene annullato. 

"«Ho sempre avuto un motto nella vita» afferma Jay, distogliendomi dai miei pensieri. «Quando vuoi una cosa, vai e prenditela.» Mi dà una pacca amichevole sulla schiena, poi si mette in spalle la principessa di casa James e raggiunge gli sposi per congratularsi con loro. Vai e prenditela... Le sue parole si agitano nella mia testa come molle impazzite, mentre vedo Martina raggiungere Cassie. L'abbraccia forte, regalandole un sorriso colmo d'affetto. Un sorriso che non alimenta più le mie notti calde o i miei buongiorno."

Il desiderio di "casa" diventa tale che tutto il trascorso sembra annullarsi mentre il coraggio si acuisce fino a far sembrare gli ostacoli meno duri da superare. Ma lo saranno davvero?

Considerazioni

Questa è una storia delle seconde possibilità dove orgoglio, desideri e paure vengono a galla fino a mettere a nudo la vera natura dei protagonisti. Un libro che affronta il coraggio di cambiare e adattarsi alle mille vicissitudini, senza perdere se stessi ma riuscendo a crescere e a fidarsi dell'altro più per un istinto che nasce prima dal cuore e poi dalla mente.

"Non importa dove sei o cosa stai facendo, conta chi c'è al tuo fianco e ciò che stai sentendo dentro. Basta poco per regalarti il momento perfetto, quell'istante capace di restituirti il sorriso e farti sentire amato. La vera felicità è sentirsi a casa, sono minuscole frazioni di tempo che si imprimono nel tuo cuore e abbracciano la tua anima."

I protagonisti sono ben caratterizzati, hanno caratteri forti e sono capaci di tenersi testa a vicenda. Questo dà atto a tante scene in cui si stuzzicano a vicenda senza esporsi mai totalmente. A livello psicologico sono ben gestiti, grazie all'introspezione ne vediamo la debolezza, le insicurezze e i tormenti.
Narrazione a capitoli alterni e in prima persona, i dialoghi sono veloci e non vengono risparmiate le battute o qualche insulto tra amici o tra i protagonisti. Il tutto in un clima rilassato o teso in base alla situazione ma sempre molto contemporaneo e mai volgare.
Scene erotiche intense che rappresentano un giusto epilogo alle schermaglie tra i due.

"«Quanto credi di poter resistere?» la provoco carezzandole il collo con le labbra. «Il gioco del silenzio non ci porterà da nessuna parte.» Inspiro il profumo fruttato della sua pelle. È dolce, sensuale... Proprio come lo ricordavo. «Di sicuro mi porterà lontana dall'errore più grande della mia vita» sibila afferrando il suo drink. 
Mi blocco di colpo. Colpito dalle sue parole. 
Da una in particolare, arrivata al mio cervello come un treno in corsa e deragliato all'improvviso. Errore."

A fare da sfondo alle vicende di Cole e Martina ci sono tutti i personaggi che abbiamo già conosciuto nelle storie precedenti e nuove figure che si impongono con una forza che incanta. Ho adorato nuovi personaggi e hanno aggiunto una marcia in più a tutto il contesto. 
Nulla da segnalare a livello di editing e correzioni, il file risulta corretto.

Per tutto questo faccio di complimenti a Veronica Scalmazzi che come potrete vedere ci ha riservano delle sorprese anche nel finale.

Consiglio questa lettura a chi ama le storie contemporanee che affrontano un viaggio interiore che porta a ritrovarsi, e a tutti coloro che hanno adorato i libri della serie destini incrociati.

Buona lettura!
Monica S.


Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino

REVIEW TOUR - RECENSIONE - "Disgraceful" di Autumn Grey

RECENSIONE - "Deacon" di Veronica Scalmazzi