RECENSIONE - "La Profezia di Adamanthia" di Debora Paolini

Titolo: La Profezia di Adamanthia
Autore: Debora Paolini
Editore: Self
Genere: Fantasy
Prezzo ebook: € 3,99
Prezzo cartaceo: € 12,99
Data pubblicazione: 8 /10/2019
Pagine: 430
Serie: La Rosa degli Ashtah (volume due di due)
#1 La prescelta - RECENSIONE
#2 La profezia si Adamanthia
«L’oscurità è madre feconda e premurosa, generoso è il suo ventre nell'accogliere il seme del male. Uccidi uno dei suoi figli, e lei altri mille ne partorirà, pur di raggiungere il suo scopo.»

Il tiranno è stato sconfitto, i pianeti dell’Alleanza possono così dare il via al processo di ricostruzione. Sulla Terra, intanto, fervono i preparativi per una festa grandiosa, durante la quale Sheila e Jean-Claude intendono condividere una notizia importante.
Quando nessuno immagina che gli eventi possano precipitare di nuovo, Prescelta e Custode entrano in possesso di un cristallo che racchiude in sé prova certa dell’esistenza di un traditore pronto a fare qualsiasi cosa, pur di eliminare ciò che è nato dal progetto genetico.
Chi è preda? E chi il vero predatore? In un fitto intreccio di segreti, intrighi e tradimenti, Sheila giungerà nel luogo dove il suo destino è stato predetto fin dall'inizio dei tempi e lì sarà costretta a mettere in discussione se stessa, le proprie convinzioni e i desideri più profondi. Tutti dovranno farlo.
In un’ambientazione fantasy in cui si fondono mitologia, spiritualità e ufologia, si muove la storia di un amore appassionante, di un’amicizia unica, di legami forti, eppure messi a dura prova dal perenne scontro tra luce e oscurità, che da sempre si consuma nell'universo così come nello spirito di ciascuno dei suoi numerosi abitanti.

Cari lettori, ben trovati. Ho letto per voi il secondo e conclusivo volume della serie “La Rosa degli Ashtah” di Debora Polini, dal titolo “La profezia di Adamanthia”. 
Siamo di nuovo insieme a Sheila e Jean Claude. La loro vita piena di gioia viene subito turbata. Sheila è sempre nel mirino e sembra impossibile schivare tutti i pericoli a cui è esposta.

«Cosa sono io, per voi? Una risorsa, o un pericolo?» «Entrambe le cose; lo abbiamo già stabilito, mi pare.»

Il rapporto tra Sheila e Jean Claude è messo in discussione e risente delle situazioni traumatiche a cui sono sottoposti. 
Inoltre, alcuni eventi sospetti fanno dubitare i nostri protagonisti della lealtà di alcuni compagni.
Intrighi, rivelazioni e giochi di potere si fondono in un intreccio complesso che porta 
all’ultimo atto.

“Jean-Claude era ancora una statua di granito: con lo sguardo fisso su un punto indefinito, sembrava che avesse smesso di respirare; persino le palpebre erano ferme come in una fotografia. Solo le lacrime che solcavano le sue guance si sottraevano a quell’immobilità assoluta.”

Considerazioni

Questo volume è sullo stampo del precedente. Ho trovato la trama complessa, caotica e leggermente ridondante, considerando anche il libro precedente. Ci sono molti personaggi che ho fatto fatica a seguire. La costruzione del mondo sovrannaturale, le sue storie e gerarchie sono elementi interessanti, ma nel complesso poco chiari.
La narrazione in terza persona, in questo caso, risulta poco coinvolgente. Le parti descrittive e narrative sono poche paragonate ai dialoghi, che la fanno da padrone rendendo il tutto poco scorrevole, soprattutto perché vi partecipano più personaggi contemporaneamente e questo rende difficile seguirli.
Nonostante alcuni avvenimenti tragici e intensi, non sono riuscita a connettermi con i personaggi e a emozionarmi durante la lettura.
Il voto finale che sento di dare al libro, purtroppo è 2,5/5. Lo consiglio però a chi aveva apprezzato il primo volume ed è curioso di sapere come va a finire.

Buona lettura.

Commenti

  1. Ti ringrazio per avermi dedicato del tempo. Farò tesoro del tuo parere.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

RECENSIONE "Deviant" di Ellie B. Luin

RECENSIONE - Il narratore di storie, di Rita Nardi

RECENSIONE - Daisy Haites. Spara dritto al cuore, di Jessa Hastings