REVIEW PARTY- RECENSIONE IN ANTEPRIMA "Burning Sand" di Bianca Ferrari


Titolo: Burning Sand
Serie: Flames Series #1
Autore: Bianca Ferrari
Editore: Self publishing
Genere: Military Romance, Contemporary Romance, Angst
Prezzo ebook: 2,99 € +KU
Prezzo cartaceo: 13,99€
Data di uscita: 25 febbraio 2020
ORDER
Il secondo volume – Bloody Sky – verrà pubblicato il 25 marzo 2020

Iraq 2018.
Sabbia, caldo, polvere da sparo.
Il Navy SEAL Alexander Lewis sa di essere all'inferno, eppure non ha paura. Determinato e ostile, non perde mai il controllo. L'unica cosa che conta per lui è "servire e proteggere". Di sicuro non perdere tempo per fare da autista all'ennesimo volontario ingenuo e impreparato, convinto di fare la differenza.
Quello che Alexander non sa è che il chirurgo Richardson è una donna e non è né ingenua né impreparata. 
E gli darà del filo da torcere.
Skylar Richardson ha un conto in sospeso con il karma: per questo è partita, lasciando la sua vita perfetta e il suo futuro sposo. L'Iraq non le fa paura, così come non la spaventa il soldato Lewis, gelido e scostante, capace solo di respingerla e giudicarla. Eppure, è a suoi occhi d'acciaio che Skylar torna sempre. Per capirlo. Per capire se stessa.
Il loro incontro è fiamme, sfida e orgoglio. Un uragano capace di cambiare forma ai loro desideri.
In un paese arido, le vite di Skylar e Alexander si sfiorano e collidono, si intrecciano e si strappano, in un turbine di eventi che ha la stessa ferocia della guerra e dell'odio.
E, soprattutto, dell'amore.


Buongiorno Librosi,
Sono tornata con una recensione scritta e oggi ho il piacere di parlarvi del nuovo romanzo di Bianca Ferrari, Burning Sand. Già dal titolo, "Sabbia cocente/ardente/che brucia" si capisce che è ambientato nei paesi arabi, e sapete quanto sono incuriosita dall'argomento. Inutile dirvi che l'aggettivo "burning" si riferisce alla passione che scatta tra i protagonisti. Primo libro che leggo dell'autrice.

Lei scappa da un futuro radioso e già scritto. Scappa dalla sua comfort zone e si tuffa nel rischio, nell'imprevedibilità e nel pericolo. Ma questa non è l'unica ragione che la porta in Iraq. Crede che questa esperienza colmerà il vuoto che sente dentro. E' venuta con l'idea di aiutare chi è in difficoltà ed è convinta di poter fare la differenza, ma sarà davvero così?
Lui, un soldato sempre obbediente e super efficiente, vive per i suoi compagni e crede molto in quello che fa.
Due persone dedite al proprio lavoro, due persone che si scontrano, che fanno scintille insieme ma hanno due vite così diverse...

«È colpa mia se invece di mancarmi casa mia e la mia famiglia mi manchi...» «Cosa?» «Niente, Alexander, niente di niente.» «Cosa ti manca? Chi?», incalzò lui. «Non voglio dirlo. Non voglio che sia reale.» 

Spesso prendiamo decisioni anche per gli altri, credendo di fare la cosa giusta. Spesso ci annulliamo, solo per rendere felice chi amiamo. 
Ma speriamo che arrivi qualcuno o qualcosa che ci tolga il peso di questa decisione e ci faccia sentire più leggeri.

Considerazioni
Lettura scorrevole, verso la fine l'ho trovato un pò frettolosa.
Si inizia con le battute, battibecchi che fanno sorridere e piano piano "l'affar s'ingrossa" le emozioni si fanno più forti, ti commuovi, sale l'angoscia, e poi ti arrendi anche se non vorresti. 
I concetti in gergo militare come frog man e swim pair vengono ripetuti spesso. 
Presenti alcuni vocaboli in lingua araba a cura di traduttori e questo aiuta a renderlo più realistico.
Il rapporto che Alex ha con Sky e quello che ha con la sua squadra sono quasi sullo stesso piano, non c'è una prevalenza. Avrei voluto che lei fosse irachena, da accentuare così l'elemento forbidden, ma anche senza, l'autrice ha saputo rendere accattivante la storia.
Il romanzo finisce con un cliffhanger, e sono contenta che l'autrice non ci farà aspettare troppo. Ovviamente sono curiosa di leggere il sequel.
Consiglio la lettura a chi ama l'angst, l'ambientazione e la penna dell'autrice.

Buona lettura!
XoXo
Jenny



Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni