RECENSIONE "Priest - Un Prete" di Sierra Simone


Titolo: Priest- Un prete
Autore: Sierra Simone
Editore: Hope Editore
Prezzo ebook: 2.79 €
Data pubblicazione: 27/02/20
Genere: Romance

ORDER



Ci sono molte regole che un prete non può infrangere. Un prete non si può sposare. Un prete non può abbandonare il proprio gregge. Un prete non può abbandonare il suo Dio. Sono sempre stato bravo a seguire le regole. Fino a quando non è arrivata lei. Da allora, ho appreso nuove regole. Mi chiamo Tyler Anselm Bell. Ho ventinove anni. Alcuni mesi fa, ho infranto il voto di castità sull’altare della mia chiesa e, Dio mi perdoni, lo rifarei. Sono un prete e questa è la mia confessione.

Per la tematica affrontata è consigliata la lettura ad un pubblico adulto e consapevole.

Cari lettori, oggi sono qui a parlarvi di un libro di cui ho sentito tantissimo parlare e che incuriosita non vedevo l'ora di leggere. "Priest" di Sierra Simone, tradotto per noi dalla Hope Edizioni.

Priest è il forbidden per eccellenza, quanto di più proibito e blasfemo che potrete leggere, o meglio che io abbia mai letto. Tyler Anselm Bell è un giovanissimo prete di soli 29 anni, con il suo sorriso illumina non solo la navata della chiesa ma anche molti cuori. Con la sua missione nel riuscire a riportare la fede nei cittadini del suo paese, abbraccia la fede, diventando lui stesso il tramite e colui pronto a ridar fiducia nella chiesa e in Dio. Scelta insolita visto il dolore che proprio la chiesa ha causato alla sua famiglia, strappandogli sua sorella maggiore alla vita, per un dolore troppo grande da riuscire a sopportare. Eppure Tyler non ci sta, convinto che non tutta la chiesa è marcia, decide che lui stesso sarà l'eccezione alla regola. Inizia a studiare, laureandosi in teologia con i migliori voti e infine indossa la toga e presta servizio proprio nella chiesa del suo paese, coprendo quel ruolo che è stato simbolo di vergogna e odio da parte dei cittadini. Tutto con lui cambia, gli anziani e i giovani ritrovano la fiducia e la fede persa e partecipare alle sue omelie e ai suoi eventi diventa un impegno al quale non possono mancare. Padre Bell riporta in quella cittadina, che era stata sommersa dal buio, la luce che mancava da tempo.

Ma tutto cambia il giorno in cui in città arriva lei. Poppy Danforth, che in cerca di quella pace interiore persa, si avvicina proprio alla chiesa di Padre Bell. Ascoltare le sue confessioni "carnali" diventano per Tyler ossessione e turbamento. Quella voce e quella labbra rosse diventano per lui il tarlo che tormenterà da quel momento tutte le sue notti.

"Mi passai una mano tra i capelli e presi un respiro profondo. Una donna, per quanto attraente, non avrebbe fatto crollare tutto ciò che ritenevo sacro del sacerdozio. Non avrebbe distrutto tutto quello che avevo creato con tanta fatica".
Ma l'ossessione per quella donna inizia a far crollare tutte le sue barriere, arrivando a domandarsi come possa l'amore tra uomo e donna essere considerato immorale. Assisteremo a tutti i turbamenti di Padre Bell, all'amore che cresce di pari passo alla passione per Poppy Danforth, senza mai mettere da parte l'amore che prova per Dio. Capisce che ciò che sta nascendo non può esistere alla luce del sole ma sa anche che non è disposto a lasciare andare l'unica donna che ha risvegliato in lui sentimenti che credeva estinti.


Ci ritroveremo di fronte a un amore immorale e perverso, dove tutto ciò che è sacro si scontra con il profano. I loro rapporti oltre che fortemente passionali, saranno oltre ogni moralità. Un racconto che può piacere a chi cerca amori travolgenti e storie forti, senza dimenticare mai che si tratta di un libro di fantasia e come tale deve restare. Assolutamente sconsigliato a chi fortemente cattolico e che non approverebbe un racconto del genere dove entra in ballo la religione e la sacralità.

"All'improvviso ero ossessionato dall'idea di sbavare quel rossetto rosso, ancora perfetto alle tre del mattino, come se l'avesse riapplicato per venire da me. Sì, una volta finito con lei, quel colore, applicato con cura, sarebbe stato ovunque, per quanto l'avrei marchiata e presa".

Saremo partecipi dei tormenti interiori di Padre Bell, spesso mi sono trovata anche d'accordo e ho cercato di capire la sua mente in parte razionale. Alcune scene sono state veramente forti e a limite della decenza, eppure è stato nonostante tutto capace di farci vedere il suo punto di vista. Lui non vede l'immoralità in certe azioni, considerando Poppy come sacra, lui non solo la ama ma la venera e la vede come qualcosa di puro da consacrare che non va contro tutto ciò che rappresenta il Padre. Il suo animo nobile e gentile la rendono ai suoi occhi ancora più speciale. Insieme possono parlare di tutto persino dell'amore per Dio. Non pensiate che non vedano il peccato o sbagliato in ciò che fanno, ma le domande sono tante. Tipo: è realmente sbagliato agli occhi di Dio l'amore tra un uomo e una donna o lo è piuttosto agli occhi degli uomini, chi può decidere realmente dove sta il giusto o il sbagliato? Perché ogni volta che Poppy è presente, Tyler sente la presenza del Padre come se lei non fosse arrivata per caso ma per una precisa ragione, proprio per lui. 

Come potranno andare avanti le cose? Per Padre Bell è impensabile abbandonare il Signore e tutto ciò che ha creato con difficoltà e fatica, ma anche perdere Poppy è impossibile. Come potrà decidere tra la donna che ama e il suo Dio? Ma allo stesso tempo come potrà far coincidere le due cose senza perseverare nel peccato? Non vi resta altro che leggerlo per scoprirlo. 
Vi consiglio solo di lasciare da parte i pregiudizi se decidete di intraprendere questo viaggio o non riuscirete ad assaporare quella che è una bellissima storia d'amore a tutti gli effetti.

Buona lettura.





Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino