RECENSIONE "Briseide. La figlia del sole" di Francesca Redeghieri

Titolo: Briseide. La figlia del sole
Autrice: Francesca Redeghieri
Editore: Emma Books
Collana: Vintage
Uscita: 31/07/2019 - In tutte le librerie digitali
Prezzo e-book: € 3,99
Serie: Amazzoni #3
#1 Amistad - La figlia della luna
#2 Castalia - La figlia del corvo
#3 Briseide - La figlia del sole


Anno 218 a.C. Gli scontri tra Roma e Cartagine continuano senza sosta e, nonostante le innumerevoli vittorie, Annibale è costretto a chiedere l’aiuto del re macedone Filippo. Del compito incarica Briseide e Random. L’una è un’amazzone impavida, costretta da un’antica maledizione a separarsi dalla sorella guerriera Amistad, l’altro un mercenario dall’oscuro passato. Luce accecante e pura contro il buio più profondo. Legati da una forte attrazione, valicheranno i confini tra bene e male e l’amore, quello vero e intenso come un raggio di sole, si imporrà con la sua forza, mentre da lontano le ombre di un passato mai dimenticato si addensano portando con sé l’eco di un vecchio nemico.

Buongiorno a tutti, ho il piacere di parlarvi di un libro che non avevo messo in conto di leggere ma che si è rivelato una buona lettura.
Briseide - la figlia del sole è uno storico che intreccia fatti reali e figure leggendarie, l'autrice ha saputo amalgamare i due elementi in modo da dar vita a una bella storia.

Briseide è ingenua, pura nei sentimenti e convinta che in ogni essere ci sia del buono, questa sua natura ottimista la rende vulnerabile sotto molti punta di vista. Questo suo animo innocente sembra essere in contrapposizione col suo essere un'Amazzone. In realtà non è così perché all'occorrenza riesce a tirar fuori una grinta e a farsi valere.

"Alzò appena gli occhi su di lui e vide due pozze scure e lucenti adombrarsi di una cupa malinconia: era oscurità, era mistero, era come la notte più buia, senza nemmeno una falce di luna a illuminarla. Ma mai per un solo istante aveva dubitato di lui."

Random è un mercenario, un uomo senza scrupoli disposto a vendersi a chi lo paga di più. 
È questa l'immagine che vorrebbe dare di sé ma nell'evolversi della storia si svelerà per l'uomo che realmente è. Un passato tremendo il suo che l'ha ferito fisicamente e gli ha estirpato la fiducia nel prossimo e i sentimenti.

"Briseide ebbe un tuffo al cuore, perché nonostante quel taglio netto che gli deturpava il viso, per lei non esisteva niente di più bello. Io ti vedo gli aveva detto tante volte, e come allora trasse piacere da quelle parole che erano incise sul suo cuore."

Una maledizione che per secoli si ripete e vede sempre la stessa storia ripetersi fino all'infinito è il filo conduttore della vita di Briseide e della sua gemella Amistad. Una vita che si intreccia con quella di Random che suo malgrado si sente attratto da questa donna così contraddittoria e che riesce a confonderlo.

"La loro vita da guerriere richiedeva continuamente sacrifici: fino a poco tempo prima lei aveva creduto che le uniche a dover rischiare qualcosa fossero solo lei e Amistad, ma a quanto pare si era sbagliata. Erano tutti foglie nel vento e bastava un soffio di vento per strapparle a forza dai rami di un albero.

Tra intrighi, segreti, alleanze e tradimenti si assiste all'evoluzione di un sentimento che, seppur negato con ogni fibra, cresce giorno dopo giorno e da un interesse divampa in passione per poi trasformarsi nella luce capace di illuminare l'oscurità più tetra.

Considerazioni

Nonostante ci si trovi in un periodo di guerre e i fatti siano riportati con dovizia di particolari, questo libro è prima di tutto una storia d'amore, del suo percorso di nascita, accettazione e capacità di far riconsiderare le proprie priorità.
Briseide è fantastica grazie alla sua forza di carattere e capacità di affrontare le problematiche che trova lungo il cammino. Questo connubio di ingenuità e caparbietà la rendono un'eroina di tutto rispetto e fa sì che si riesca a entrare nella sua logica di pensiero.
Random, uomo alpha, combattente disposto a vendersi, temibile sì ma l'ho trovato logorroico, a tratti ridondante, nell'opporsi con la scusa del suo passato a questo sentimento che prova.
Una storia che si legge velocemente e che regala parecchie emozioni, le descrizioni sono crude ma in linea con ciò che viene vissuto: una guerra.
Scene intime molto sensuali e carnali, legano alla perfezione fisicità, sensazioni e sentimenti, sena mai sfociare nella volgarità.
Un finale che riserva molte incognite e riesce a mantenere viva l'attenzione del lettore fino all'ultima pagina, narrazione in terza persona e pov alternati sono, a mio avviso, il punto di osservazione migliore per un libro di questo tipo.
Ottimo il lavoro di editing e correzione, cose che apprezzo moltissimo durante la lettura. 
Faccio i complimenti all'autrice per aver dato vita a questa storia riuscendo a fondere due elementi che sembrano agli antipodi ma che in realtà coesistono.
Lo consiglio a tutti i lettori che cercano storie intriganti che non risparmiano colpi bassi ma che vedono l'amore trionfare.

Buona lettura!
Monica S.


Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni