REVIEW PARTY - RECENSIONE "The Bachelors - Tre scapoli cercano moglie" di E. S. Carter


TITOLO: The Bachelors - Tre scapoli cercano moglie
AUTORE: E.S. Carter
EDITORE: Queen Edizioni
GENERE: Romanzo Rosa
USCITA: 07 Settembre 2019
PREZZO: e-book € 3,99 cartaceo € 12,90
PAGINE: 260

ORDER


È una verità universalmente riconosciuta che uno scapolo senza soldi debba cercare una moglie ricca.
Darcy, Bingham e Wick sono sull'orlo della bancarotta e rischiano di perdere l'azienda di famiglia. Senza un miracolo o un sostanziale investimento, la Austen, la catena di librerie fondata dal loro bis-bis-bisnonno,verrà liquidata.
Ma ad un ballo di beneficenza i tre fratelli incontrano le sorelle Bennet, belle, single ed estremamente ricche.
Wick convince i suoi fratelli che l’unico modo per salvare la loro compagnia sia quello di prostrarsi ai loro piedi, ma le tre donne sono molto più che semplici ereditiere smorfiose e superficiali.
Riusciranno gli scapoli Austen a trovarsi una moglie, salvando così il nome di famiglia? O diventeranno solo l’ultima conquista delle sorelle Bennet?


E.S. Carter è un’autrice internazionale, comparsa spesso nelle classifiche USA Today Bestseller. Vive a Cardiff, in Galles, patria di castelli, draghi e folklore. Il suo debutto e il successo internazionale è
avvenuto con “Love by Numbers”, una serie di romanzi autoconclusivi interconnessi tra loro, tutti
riguardanti varie tematiche dell’amore: dalle seconde possibilità, alla commedia romantica, a romanzi
M/M. Il Romance Contemporaneo non è l’unico genere che scrive, la sua seconda serie, “The Red
Order”, ha toni molto più oscuri e intricati, ma c’è del bello anche in questo, basta aprire gli occhi e la
mente.
Bentornate chiacchierine, oggi vi parlo del nuovo romanzo di E.S. Carter, The Bachelors -Tre scapoli cercano moglie, edito da Queen Edizioni, che ci ha fornito il file ARC. 

I protagonisti di questo romanzo, sono tre fratelli, proprietari della Austen, l’azienda di famiglia da molte generazioni e che si trova a un passo dal fallimento.

Darcy, il maggiore, è quello più concreto e razionale, vorrebbe vendere l’azienda perché si rende conto che non ci sono possibilità di riuscire a risollevarne le sorti.
Wick, il più piccolo, è testardo, ribelle, a tratti manipolatore, lui vuole dirigere la Austen e vuole portare avanti l’azienda, non importa con quali mezzi.
Infine, c’è Bingham, il più pacato dei tre, un dolce e sognatore, che da sempre ha dovuto fare da paciere tra i due fratelli.

L’idea di Wick per salvare la Austen è di sposare una giovane donna ricca, pertanto coinvolge i fratelli a partecipare a un ballo di beneficenza organizzato dalle sorelle Bennet, tre ricchissime sorelle nubili proprietarie del The Bennet Group.
Alla festa decide di provare a sedurre Lydia, la sorella più piccola e ribelle delle sorelle. Praticamente la sua versione al femminile. I due, sia pur con obiettivi diversi decidono di andare a sposarsi a Las Vegas e partono in una fuga improvvisata.
Li seguiranno a ruota Bing e Darcy, con le due sorelle Bennet, Eliza e Jane, in un viaggio rocambolesco e pieno di sorprese, nel tentativo di rimediare al guaio combinato dai due fratelli minori.
Ma mentre Bing e Jane si troveranno subito in sintonia, Darcy e Eliza, anche a causa di un incontro avuto in precedenza, sembrano non sopportarsi.
Eliza ha carattere un po’ rigido, che non fa mai trasparire le sue emozioni e le sue fragilità, questo perché essendo la più grande ha fatto da madre alle due sorelle da quando aveva solo dodici anni, e dopo la morte del padre si è anche sobbarcata la responsabilità di gestire l’azienda.

“Darcy ridacchiò, alzò il bavero del cappotto per ripararsi dal freddo della sera e si avviò nella direzione opposta. Stava persino pensando di sborsare lui stesso i cinquemila bigliettoni per il suo ingresso: tutto, pur di riuscire ad avere la meglio sulla principessa di ghiaccio”

“Uniti in quell’abbraccio, i loro corpi impararono a toccarsi a vicenda. Non facendo l’amore, ma lasciando che l’amore li plasmasse”

Cosa riserverà questo viaggio ai nostri protagonisti?

Considerazioni

Questo romanzo è una commedia romantica, a tratti comica, frizzante e divertente, ed è un vero e proprio omaggio a Orgoglio e Pregiudizio. La lettura risulta scorrevole e leggera, senza tempi morti, tenendo inchiodato il lettore fino alla fine.

La storia è raccontata in terza persona, principalmente con il punto di vista dei tre protagonisti maschile, e saltuariamente quello delle tre protagoniste femminili. Personalmente la terza persona mi coinvolge di meno rispetto alla prima persona, ma in questo caso l’ho trovata molto indicata perché permette di conoscere il pensiero di tutti i personaggi.

Consigliato a chi ama Orgoglio e Pregiudizio e le commedie romantiche in generale. 

Buona lettura!

Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni