RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Come rovinare tutto" di Arianna Ciancaleoni

Titolo: Come rovinare tutto
Autore: Arianna Ciancaleoni
Editore: More Stories
Genere: contemporary romance
Data pubblicazione: 18 maggio 2020
Prezzo: € 2,99
autoconclusivo

PRE-ORDER

L'estroversa Violante e l‘impacciato Federico si conoscono sui banchi di scuola e si innamorano pazzamente.
Federico, però, ha mentito: sa bene che dovrà presto trasferirsi a Milano con la sua famiglia e non ha il coraggio di rivelarlo. Quando Violante lo scopre, decide di troncare per sempre i rapporti con lui: se non è stato sincero finora, non potrà mai esserlo a chilometri di distanza.

Cosa succederà quando, dopo vent’anni, si rincontreranno di nuovo per un impegno di lavoro?
Si scopriranno ancora innamorati, oppure il tempo e la lontananza avranno ormai rovinato ogni cosa?
Arianna Ciancaleoni è nata in Umbria nel 1982. Laureata in Traduzione, è autrice self di quattro romanzi.
Uno di questi, “Il lavoro perfetto”, è stato finalista al premio Rai “La Giara” nel 2015 e al Premio Fulgineamente nel 2017. Lavora come freelance nel mondo del marketing e racconta quasi quotidianamente le sue avventure da lettrice e scrittrice nella pagina Facebook @lapaginadiarianna.


Buongiorno a tutti,
una giornata speciale che segna la ripartita del Paese, il 18 maggio resterà nella memoria di tutti come qualcosa che ha cambiato la vita.
Oggi vi parlo di  "Come rovinare tutto", di Arianna Ciancaleoni, edito dalla More Stories che mi ha fornito il file ARC per la lettura.

Come rovinare tutto è la storia di due ragazzi che si incontrano per caso e si scelgono fin dal primo sguardo, una storia che sa di favola la loro nonostante siano così differenti.

"Da una parte c’ero io che non sognavo altro che la stabilità, dall’altra c’era lei che voleva andarsene in giro per il mondo."

Violante è una ragazza fuori dagli schemi, ribelle, decisa e sicura di ciò che vuole per il suo futuro.
Federico è timido, quasi impacciato e incerto su ciò che farà da adulto. Tra loro un sentimento puro che sa di scoperta come il sapore di un bacio, il calore di una carezza e la complicità di un gesto condiviso. Ma basta un'omissione e tutto può crollare, perdere importanza e ferire.

"... la baciai. Il contrasto tra il freddo del tramonto di novembre e le sue labbra calde che sapevano di vino rosso fu l’emozione più inebriante che avessi mai provato. Ci abbracciammo e restammo così, in silenzio, ad ammirare gli ultimi secondi di luce. Sarei rimasto lì per sempre, con la sua testa sulla spalla e i suoi capelli profumati appoggiati ovunque."

Violante e il suo primo amore, quello che l'ha segnata e di cui conserva un ricordo dolce amaro che diventa una coccola o una sofferenza in base a quello che richiama alla mente. Nonostante le soddisfazioni e il percorso che l'ha vista affermarsi nella vita che desiderava, si trova con una domanda: cosa sarebbe successo se...?
La vita è pronta a dare la risposta a questa domanda, ma cosa succederà lo dovrete scoprire leggendo il libro.

"I miei sensi si erano riempiti di sfumature che non credevo neanche possibili, grazie a lui. Poi, tutto era tornato grigio, come quel mattino alla stazione, col freddo pungente di dicembre che cancellava ogni colore."

Considerazioni

Arianna ha un modo particolare di scrivere, porta il lettore nella storia a fianco dei personaggi e crea un punto di vista privilegiato che permette di avere un filo conduttore con le emozioni che vivono.
La narrazione è in prima persona al passato, ha il sentore di un ricordo, ma anziché creare il distacco che ci si aspetterebbe, questa scelta dà una visione totale degli avvenimenti.
Non pov alternati ma bensì una vera e propria suddivisione della storia: Federico narra le vicende del primo incontro mentre Violante ci racconta una parte ben più ampia che comprende il secondo incontro e molti altri avvenimenti. Una storia che sa di vita quotidiana, è infatti facile seguire gli eventi. Condividere quella tristezza per un passato che è stato rubato o gioire per un traguardo raggiunto. Le emozioni hanno una parte importante e anche con queste l'empatia è immediata.

"Non avrei mai dimenticato quel momento. Neanche quando rovinai tutto."

La lettura risulta scorrevole anche grazie alle emozioni che mutano spesso e la rendono dinamica. Una storia che sembra prevedibile, ma che riesce comunque a intrigare e tenere alta l'attenzione fino alla fine.
L'autrice è riuscita a creare una trama intensa che parla di vita reale, ma non nasconde le parti dure come le delusioni o la sofferenza. I colpi di scena sono il suo punto forte e anche se qualcosa avevo previsto mi sono trovata piacevolmente spiazzata. Per tutto questo le faccio i miei complimenti.
Il file che ho ricevuto presenta qualche problema di conversione che spesso riscontro nei file Arc, ma dal punto di vista delle correzioni è stato fatto un buon lavoro.

Ne consiglio la lettura agli amanti delle storie che riescono a ridare fiducia nell'amore che arriva nel momento giusto e quando meno ce lo si aspetta.
Se non avete mai letto questa autrice vi suggerisco di farlo perché ha davvero un modo particolare di scrivere e regalare emozioni.

Buona lettura!
Monica S.

Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino