RECENSIONE - "La gemella bugiarda" di Valerie Keogh

Titolo: La gemella bugiarda
Autore: Valerie Keogh
Editore: Newton Compton Editori
Genere: Thriller
Formato: ebook/cartaceo
Prezzo: 3,99 €/ 9,40 €
Data pubblicazione: 16 aprile 2020
Pagine: 352
Serie: Autoconclusivo

ORDER

Ogni lunedì, da quindici anni, Tia riceve una lettera da sua sorella. Una busta bianca, sempre uguale, in cui sono meticolosamente annotate tutte le confessioni, i segreti e i pensieri di Ellie, la gemella che Tia non vede da quando erano piccole. E così, le ombre che si celano dietro la brillante vita di sua sorella prendono forma lettera dopo lettera: il terribile segreto che Ellie ha nascosto a suo marito, le bugie che racconta a sé stessa per riuscire a dormire, il sogno di poter avere finalmente un figlio… Le gemelle hanno un legame bizzarro e indissolubile, anche se dopo la morte dei genitori sono state separate e hanno preso strade diverse. E adesso che Tia ha bisogno di aiuto, Ellie è l’unica che può fare qualcosa. Come potrebbe voltarle le spalle, dopo che per anni le ha rivelato tutti i suoi segreti più inconfessabili? E perché alla fine dei messaggi di Ellie c’è sempre la stessa richiesta: «Non dimenticare di bruciare questa lettera»?

Valerie Keogh è cresciuta leggendo i romanzi di Agatha Christie e così, quando ha iniziato a scrivere, ha deciso di privilegiare i thriller. Prima di dedicarsi alla scrittura a tempo pieno, ha conseguito un’abilitazione come infermiera. Ha un master in Letteratura americana. La gemella bugiarda è il suo primo libro pubblicato dalla Newton Compton.

Buongiorno lettori, oggi ho il piacere di parlarvi di un thriller avvincente dal titolo La gemella bugiarda di Valerie Keogh pubblicato da Newton Compton Editori.
Tia ed Ellie sono due gemelle identiche, hanno vite completamente diverse e non si vedono da parecchi anni. Ellie è la gemella che ha avuto più successo nella vita, ha un lavoro che la soddisfa, un matrimonio felice, ma non è stata completamente sincera con suo marito e non gli ha mai raccontato il rapporto che ha con sua sorella. 
Tia è la sorella più fragile, vive una vita abitudinaria e l’unico contatto che ha con la realtà sono le lettere di Ellie. 

“Mentre tirava fuori i preziosi fogli, si rannicchiava sulla sedia di fronte alla finestra e leggeva ogni parola. Sua sorella le scriveva di quello che faceva tutti i giorni, delle persone che incontrava, dei fidanzati, degli amanti, dei nemici e degli amici. Condivideva con lei segreti e dettagli intimi della sua vita, una vita totalmente diversa dalla sua. Alla fine, dopo la firma Con affetto, tua sorella Ellie, c’era sempre una frase. Brucia questa lettera dopo averla letta.”

Da quando si sono divise, Ellie non ha mai sentito la sua mancanza ed è felice di non essere più una di due, ma appena Tia ha bisogno di lei non se la sente di tirarsi indietro, anche se preferirebbe non incontrarla.

“E non le mancava affatto, ma era impossibile non pensare a lei. Si chiedeva spesso se fosse perché si sentiva in colpa a stare così bene senza di lei, o se invece – per quanto non le piacesse ammetterlo – perché erano gemelle e tra loro c’era un legame indefinibile e indelebile.”

Questa storia ha catturato fin da subito la mia attenzione. Ero molto curiosa di scoprire il legame che avevano le due sorelle e chi delle due fosse “la gemella bugiarda”. 
La scrittura è coinvolgente, ci sono parecchi colpi di scena che ti tengono incollati alle pagine. I personaggi sono ben costruiti, la parte psicologica di ognuno di loro è curata e mi è piaciuto molto come l’autrice ha gestito i punti di vista dei tre personaggi, Ellie, Tia e William, alternandoli nel momento giusto e riuscendo in questo modo a creare suspense e dubbi al lettore. Sicuramente è una storia che quando si inizia a leggere si ha la curiosità di arrivare fino alla fine, ma devo essere sincera: avevo capito fin da subito dove volesse andare a parare l’autrice.
Mentre leggevo, avevo già la sensazione di sapere cosa sarebbe accaduto nelle pagine successive, ma nonostante questo comunque la lettura mi ha coinvolto. 
Il rapporto fra Ellie e suo marito è ben costruito, l’autrice è riuscita a mostrare il progressivo deterioramento del loro matrimonio lentamente, trascinando il lettore in un baratro in cui ci si sente da subito coinvolti emotivamente.
La loro crisi inizia nel momento che William scopre che la moglie non è stata sincera con lui e la comparsa di Tia nella loro vita farà emergere la loro parte peggiore. Egoismo, mancanza di fiducia e gelosia sono alcuni degli elementi che rovineranno la loro relazione. Ci sarà un momento di rottura verso la metà del romanzo e quello che accadrà in seguito li vedrà toccare il fondo.
Purtroppo da questo momento, la scelta atroce che faranno i protagonisti poteva essere più credibile se l’autrice avesse gestito la storia diversamente. Non posso svelare molto perché non voglio fare spoiler, ma mi ha ricordato molto un fatto di cronaca nera di qualche anno fa, e se avesse preso spunto dal quel fatto, avrebbe sicuramente reso la storia più verosimile. Avrebbe messo nelle condizioni il lettore di “credere” a tutto quello che stava leggendo. Invece, ci si ritrova a pensare che non sia possibile e questo rovina un po’ la lettura. 

Consiglio di leggere questo romanzo a tutti gli amanti del genere, perché comunque merita di essere letto. Suspense e momenti di tensione non mancano. L’autrice è brava, rileggerò sicuramente un altro suo romanzo.

Buona lettura.


Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino