RECENSIONE "L'amazzone e il vichingo" di Deborah Begali

Titolo: L'amazzone e il vichingo
Autrice: Deborah Begali
Editore: Self
Genere: Fantasy
Formato: ebook / cartaceo
Prezzo: € 2,99 / € 11,90
Data Pubblicazione: 1 maggio 2020
Protagonisti: Morrigan e Cristen
Pagine: 288 pagine
ORDER


Vichinghi e amazzoni, gli uni contro le altre per accaparrarsi la Valle mentre la Nebbia incombe Oltreconfine. Cristen, re dei vichinghi, e Morrigan, sorella maggiore delle amazzoni, si sfidano per assicurarsi il destino del mondo in una terra dominata dal maschilismo. Le persecuzioni messe in atto dagli uomini decimano la popolazione femminile e la specie ormai è a rischio: l'amore tra uomo e donna è solo retaggio di un passato antico. Possono due nemici giurati sovvertire l'ordine delle cose? Potrebbero Morrigan e Cristen amarsi nonostante la guerra e le persecuzioni?  E se, tra loro, le consuetudini dei popoli non sortissero alcun effetto?

Deborah Begali vive e lavora a Verona come giornalista e web content. Ama i classici disperatamente, adora il cinema anni ’90 e nel tempo libero viaggia a più non posso. Da anni visita e recensisce parchi a tema sparsi in tutto il mondo. "Georgiana" è stato il suo romanzo d’esordio (Fanucci, 2018) a cui è seguito "Il 6 di Oxford Street" (Fanucci, 2018). "L’amazzone e il vichingo" è il suo primo romanzo d’amore ad ambientazione fantasy.

Buongiorno Lettori, vi piacciono i libri fantasy? Siete amanti di romance? Allora dovete assolutamente leggere questo romanzo. Io l'ho iniziato e già dalle prime pagine sono rimasta incollata, rapita dalle parole, stregata dai personaggi, ammaliata da quel mondo narrato in quelle righe. Ma iniziamo dall'inizio e conosciamo meglio i protagonisti di questa storia.
Cristen è il re dei vichinghi, l'uomo che, secondo una profezia, è destinato a governare il mondo. Un valido combattente, ligio alle regole imposte dagli antichi, educato e saggio, uno dei pochi rimasti a riuscire a provare empatia. Gli erano rimasti solo due popoli da sconfiggere prima di essere l'unico a comandare il mondo, la Nebbia che incombeva su di loro e le Amazzoni. Quest'ultime erano le più insidiose in quanto, dato che la terra era dominata solo da uomini, esse creavano scompiglio e proprio per questo rese schiave o abbandonate a loro stesse, in altri casi addirittura si erano estinte.

"Lì erano tutti uomini. Le donne in alcuni di quei paesi lontani e vicini s'erano estinte, venivano schiavizzate o abbandonate. Il mondo era uomo, il mondo sarebbe divenuto solo loro e gli uomini avrebbero marciato per poi morire".

Poi abbiamo Morrigan. Una fiera, valorosa e tenace amazzone, divenuta sorella maggiore dopo la caduta di Bathesda. Non è abituata a questo ruolo di capo e ben presto si accorgerà che questo compito le farà prendere scelte pesanti e discutibili. Non ha alcuna intenzione di sottomettersi agli uomini, vuole preservare la libertà sua, delle sue sorelle e vorrebbe riuscire a salvare anche le altre donne rimaste su quella terra vittima del maschilismo.

"Tu non avrai la Valle, vichingo: né me né le mie sorelle, e nemmeno le bambine!"

Il destino di Cristen, re dei vichinghi e di Morrigan, regina delle amazzoni, sembra essere già segnato. Continueranno a lottare ognuno per i propri ideali e le proprie credenze. Si scontreranno più volte e si separeranno altrettante volte. Tutto ciò che li tiene lontani l'uno con l'altro è anche la stessa cosa che li lega con un filo invisibile.
Che loro siano destinati a cambiare il futuro? Riusciranno a mettere da parte il loro credo per combattere insieme, uno a fianco all'altro? Cosa lega Cristen e Morrigan? Saranno i vichinghi a vincere o saranno sconfitti dalle valorose amazzoni?
Non mi resta che lasciare a voi il piacere di leggere questo romanzo e augurarvi Buona Lettura!

CONSIDERAZIONI
Quando mi hanno proposto di leggere questo libro, mi aveva intrigato la trama, questa lotta tra amazzoni e vichinghi. Mi è arrivato e ho iniziato a scorrere le prime righe, poi le prime pagine, i primi capitoli, fino a trovarmi completamente catapultata in una terra lontana. Mi ha completamente stregato il modo di scrivere di Deborah, nonostante le parole ricercate e dettate dal genere fantasy. Devo ammettere che in alcuni punti è stato un po' ridondante, certi concetti ripetuti all'infinito, questo continuo tira e molla secondo me è stato un po' eccessivo, però nel complesso davvero una bella storia. Il personaggio di Cristen è sicuramente quello che ho amato di più, il suo animo, i suoi ideali, la sua destrezza, di Morrigan invece ho amato la sua caparbietà e la sua tenacia. Nonostante capisca e condivida i suoi ideali, le sue scelte non sempre le ho accettate. Mi ha lasciato un po' di amaro in bocca. Cristen invece è un personaggio che nel corso del libro si è evoluto molto. Dal punto di vista tecnico il romanzo è scritto in terza persona, è la voce narrante ci racconta la storia di Morrigan e Cristen. Come detto prima l'autrice ha una scrittura molto fluida e scorrevole.
Ho trovato giusto un paio di refusi ma niente che impedisca la lettura.
Un libro sicuramente consigliato! Aspetto con ansia il seguito. Complimenti Deborah. Alla prossima!



Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni