RECENSIONE "Piccole Bugie" di Jennifer Miller

Titolo: Piccole bugie
Autrice: Jennifer Miller
Editore: Quixote Edizioni
Genere: Contemporary Romance
Formato: ebook
Prezzo:      3,99 €
Data pubblicazione: 29 gennaio 2018
Protagonisti: Olivia e Luke
Pagine: 323
Serie: Pretty Little Lies



Una piccola bugia detta a fin di bene può cambiare drasticamente il corso delle cose...
Come ogni ragazza innamorata di diciotto anni, Olivia sognava di vivere per sempre felice e contenta con l'amore della sua vita. Luke è tutto ciò che ha sempre sognato, fino a quando si trova ad ascoltare qualcosa che non avrebbe dovuto. Pochi secondi, e il suo cuore va in mille pezzi. Olivia cerca di affrontare la cosa nell'unico modo che conosce: scappa, lasciandosi alle spalle la famiglia, gli amici e il ragazzo che ama.
Alla ricerca della serenità e di una via di fuga, Olivia pensa di trovarle in un bad boy compassato di nome Deacon. Lui infatti è l'esatto opposto di Luke, e la cosa a Olivia non dispiace affatto.
Sono passati sette anni, Olivia è cresciuta, è diventata più saggia e sta tornando a Chicago per iniziare una nuova vita e riallacciare i rapporti con la sua migliore amica, Pyper. Quello che non si aspetta è di trovarsi di nuovo faccia a faccia con il ragazzo che si era lasciata alle spalle e di scoprire che, nonostante se ne sia andata, i suoi sentimenti sono rimasti gli stessi.
Riuscirà Olivia a mettere da parte la sofferenza nel suo cuore e a fidarsi di nuovo di Luke? Riuscirà a tagliare i ponti col passato, oppure continuerà a permettere che la sua vita venga influenzata da piccole insinuanti bugie?


Stavolta per "Piccole bugie" di Jennifer Miller abbiamo voluto fare qualcosa di diverso. Una doppia recensione per il blog, a parlarcene saranno Cristina e Debora. Vediamo cosa ne pensano...


Buongiorno lettrici, oggi vi parlo di Piccole bugie, il primo libro della serie "Pretty Little Lies" di Jennifer Miller, pubblicato da Quixote Edizioni.
La protagonista di questo romanzo è Olivia, una ragazza di venticinque anni con il cuore a pezzi perché ha appena divorziato da Deacon, un ragazzo che ha sposato a Las Vegas in un momento di leggerezza, e decide di ritornare a vivere a Chicago a casa della sua migliore amica Pyper.
La capacità di reazione di fronte a un divorzio non è uguale per tutti, dipende dai motivi per cui ci si lascia e, per quanto Olivia stia soffrendo, ben presto si rende conto che la storia con Deacon era soltanto una relazione di ripiego e prova un senso di liberazione. Deacon è il classico ragazzo superficiale, egocentrico che non rispetta le donne; Olivia aveva deciso di mettersi con lui perché era l’opposto di Luke, il ragazzo di cui era follemente innamorata sette anni prima e dalla quale era scappata a causa di un’incomprensione. Ed è proprio la scelta di rimanere accanto a un uomo che l’ha sempre trattata male a fare soffrire Olivia, fino a provocarle rabbia verso stessa.

«Deacon mi ha reso diffidente verso gli uomini, ma è più di questo. Ho fatto una scelta così sbagliata nel gettarmi a capofitto in un matrimonio con lui, che ora non riesco a fidarmi neanche di me stessa. A volte, Pyper, vedere cos'è diventata la mia vita è difficile da digerire. Non è che sto ancora male per la fine del matrimonio. Non mi manca, né mi pento di aver lasciato Deacon, ma sono arrabbiata con me stessa».

Deacon, invece, ha difficoltà a rassegnarsi e per quanto lui sia distante da Olivia, il respiro della sua ombra incombe su di lei per tutto il romanzo.
Quando Olivia incontra per caso Luke, tutte le emozioni represse ritornano a galla e appena scopre che si sono lasciati a causa di una piccola bugia che lei non avrebbe mai dovuto ascoltare. L’amore che prova per Luke la travolge.

«È solo che da quando sono qui Luke mi è venuto spesso e volentieri in mente. Sono sicura che il fatto di essere tornata abbia consentito a tutti i pensieri e le sensazioni che avevo soppresso di venire di nuovo a galla. Non credo si possa dimenticare mai il primo amore o la persona che pensavi fosse quella della vita…»

La storia è molto lenta e, per quanto piacevole, non ne sono rimasta coinvolta. Ho apprezzato il rapporto con Pyper, l’amica del cuore che la consola e le offre un aiuto concreto ospitandola a casa, e non mancano momenti simpatici fra le due protagoniste, ma appena Olivia si trasferisce da lei si iscrive in un sito di incontri e per buona parte del romanzo non succede nulla di coinvolgente. Olivia, a parte incontrare ragazzi e pensare a quale abito indossare, non fa altro. Lei scrive articoli per alcune riviste di moda e per quanto sia comprensibile che la protagonista parli di vestiti e accessori, ho trovato eccessive, e inutili alla trama, le descrizioni degli outfit.

Quando Olivia rivede Luke, la storia inizia a essere più coinvolgente e meno lenta; incomincia una danza amorosa fra i due personaggi e assistiamo a un corteggiamento classico, dove l’uomo insegue la donna e la fa sentire desiderata e amata. Ma in questo gioco di seduzione non ho apprezzato totalmente il modo di corteggiare del ragazzo. A volte l’ho trovato invadente e siccome uno degli argomenti trattati nel romanzo è la possessività da parte di Deacon che considera Olivia una sua proprietà esclusiva, come se fosse un oggetto da possedere, avrei preferito che Luke provasse a riconquistare Olivia rispettando i suoi spazi e le sue scelte, invece di farsi trovare sempre nei luoghi che lei frequenta con altri ragazzi. Imporre la sua presenza e considerare “sua” Olivia sono caratteristiche che avrei lasciato solo a personaggio Deacon.

Ho trovato, invece, ben scritte e coinvolgenti le scene di passione fra loro, anche se ogni volta succede qualcosa di buffo a rovinare l’atmosfera.
Il finale è un pugno nello stomaco, lascia in sospeso la storia in modo drammatico e incuriosisce il lettore. Sicuramente Olivia cambierà nel corso della serie, in questo romanzo l’ho trovata superficiale e immatura ma, dopo aver letto il finale, penso che assisteremo a una crescita del personaggio.
La scrittura è scorrevole e poca impegnativa. Consiglio questa storia a chi non ha molte pretese e a chi ama la moda: potreste trovare divertente seguire i consigli di stile che l’autrice scrive all’inizio di ogni capitolo.





Buongiorno a tutti care lettrici e cari lettori!

Il libro di cui vi parlo oggi si intitola “Piccole bugie” scritto da Jennifer Miller ed è il primo volume tradotto in italiano appartenente alla serie “Pretty Little Lies”.
Trattasi di libro non autoconclusivo, con un finale molto più che aperto.

Durante la lettura ho trovato due tipi di coppia: Olivia e Luke come protagonisti della storia d'amore; Olivia e Pyper come protagonisti della storia di amicizia. 

Olivia è una ragazza venticinquenne, laureata in giornalismo e con un lavoro appagante come giornalista free-lance e un blog all'attivo. 
Il lettore la conoscerà nel momento della firma del divorzio, avvenuto per il tradimento da parte del marito Deacon, cui Olivia assisterà in prima persona.
La nostra protagonista farà ritorno così alla sua città natale, Chicago, trasferendosi a casa della sua migliore amica Pyper.

Chicago per lei è piena di ricordi legati al suo primo vero amore nato alle superiori: Luke.
Una storia d'amore finita in una maniera sofferta per colpa di una bugia e un fraintendimento, a seguito dei quali Olivia deciderà di scappare e iniziare una nuova vita anziché affrontare la realtà.

Ritornare alla sua città natale farà riaffiorare in lei i momenti passati con il suo primo amore e contemporaneamente rifletterà sulla storia vissuta con Deacon, rendendosi conto della sua possessività, della violenza psicologica e quasi fisica subita. E tutto ciò si trasformerà in stalking.

Il Luke del presente lo conosciamo invece come un ragazzo con la testa sulle spalle, lavorativamente affermato, che fa ritorno anche lui a Chicago per assistere la madre malata e per aprire il suo nuovo locale, lo Zero Gravity.

Assisteremo a un inevitabile incontro-scontro tra Olivia e Luke:

“Iniziai a voltarmi molto lentamente e mi trovai davanti gli occhi di Luke Easton.
Il primo ragazzo che avevo amato veramente. Il primo che mi aveva spezzato il cuore.
Il mio fidanzatino del liceo. Il ragazzo che non ero mai riuscita a dimenticare.
Il ragazzo che avrebbe dovuto amarmi per sempre.Quel ragazzo era un uomo adesso e mi toglieva il respiro, i suoi ipnotici occhi azzurri erano proprio come me li ricordavo. ”

Luke sa quello che vuole: Olivia. Ad ogni costo, pur risultando al limite dell'oppressione e della possessività. Vuole una seconda possibilità, perché nel profondo la ama ancora molto.

Però la ragazza è insicura, è titubante, ha mancanza di fiducia in Luke per ciò che era accaduto sette anni prima. Ma Luke farà di tutto per redimersi.

“Non credo nelle coincidenze. So che le nostre strade si sono di nuovo incrociate per una ragione. Mi rifiuto di lasciarti andare di nuovo. Voglio che tu mi renda partecipe di tutto ciò che ti riguarda, Livvie, senza tralasciare nulla. Voglio che tu mi dica tutto quello che mi sono perso. Voglio che mi racconti tutto ciò che avrei dovuto vivere anch'io con te. […] Hai ragione, sono una persona diversa adesso. E sono certo che lo sia anche tu, ma non ti ho mai dimenticata. Mai. Non posso lasciarti andare di nuovo. Non chiedermelo.”


L'emozione più grande l'ho ricevuta sicuramente dal finale. Un finale aperto, di suspense, con una scena che il lettore si aspettava già da vari capitoli. Peccato non sapere per il momento come proseguirà.

È un libro scritto bene, con la narrazione in prima persona dal punto di vista di Olivia, ma a volte fin troppo descrittivo nelle scene fino al minimo particolare anche dei semplici movimenti (“Girai la chiave, spensi il motore, tolsi la cintura di sicurezza e uscii dall'auto. Misi le chiavi dell'auto e il cellulare in tasca dopo aver chiuso lo sportello”).
Lo stile è scorrevole, non ci sono errori grammaticali o refusi e i dialoghi sono semplici e naturali.

È una storia di seconde possibilità e le basi per il ritorno di fiamma di questa storia d'amore, in fin dei conti il detto è che “il primo amore non si scorda mai”, ci sono state tutte, peccato forse lo svolgimento un po' troppo di fretta, senza dar spazio ai giusti tempi per emozionarsi.
Inoltre il 40% iniziale del libro si sofferma principalmente sull'amicizia tra Olivia e Pyper. Un'amicizia davvero molto bella e che tutte noi desidereremmo, però a volte la narrazione su questo aspetto è stata un po' ridondante.

Ho adorato moltissimo a inizio di ogni capitolo i cosiddetti consigli di stile, davvero interessanti e deliziosi!

Ora non mi tocca altro sperare che il secondo volume, già uscito in inglese, venga tradotto al più presto, perchè sono molto curiosa del seguito!

Buona lettura!!! 



Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni