REVIEW PARTY - RECENSIONE - "Miss Oro Nero" di Charlotte Lays



Titolo: Miss Oro Nero
Autore: Charlotte Lays
Formato: ebook / cartaceo
Prezzo:  4,99 € / 6.90 €
Genere: Erotic Romance
Editore: HarperCollins Italia
Collana: Harmony Passion
Data pubblicazione: 17 Gennaio 2018 - Sito Harmony
30 Gennaio - Edicola
20 Febbraio - Ebook
ORDER
Serie: Sinners #2
Vol. 1 Lady O



Kathleen Lawford è subentrata al padre alla guida della Lawford's Petrol e per conto della società viaggia ovunque, seguendo il richiamo dell'oro nero. Durante uno di questi viaggi la sua vita subisce un brusco stravolgimento che la porta a dover ripensare completamente alla propria esistenza. E ad accettare di buon grado l'assillante ansia protettiva dei genitori. Per fortuna, al suo fianco, ha le sue sei preziose migliori amiche, che rappresentano la famiglia che si è scelta, e soprattutto la sua adorata bambina: Scarlett.

Quando però ricompare l'uomo che dice di essere il padre di Scarlett, il passato si riaffaccia doloroso e violento nella vita di Kath, che vuole evitare a tutti i costi che quell'uomo senza scrupoli irrompa nell'esistenza della figlia.

Le serve una strategia legale che preveda un avvocato pronto a tutelarla, un matrimonio e molto coraggio.

William Marks, il Giaguaro, è l'avvocato che fa al caso suo. E si presta anche ad assecondare il suo piano.

Will e Kath sembrano incompatibili, ma la frequentazione obbligata li porta a scoprire un gioco di seduzione ed erotismo di cui a poco a poco perdono il controllo e che si trasforma in una passione irrefrenabile. Ma i fatti precipitano di nuovo in maniera inaspettata sconvolgendo le vite di tutti.





Charlotte Lays è lo pseudonimo di Carlotta Pugi. È nata a Firenze nel 1980 e si è laureata in Scienze Politiche. Autrice di romanzi romance, ha all’attivo alcune pubblicazioni con piccoli editori fino all’approdo in YouFeel con “Ghiaccio Bollente”.



Buongiorno ragazze, oggi vi parlo del secondo capitolo della serie “NY Sinners” di Charlotte Lays: MISS ORO NERO. Il primo libro di questa serie è “Lady O” nel quale ci viene presentato uno strano, ma affiatato gruppo di amiche. Si sono scelte, trovate e hanno creato una famiglia, una rete di sicurezza nella quale ognuna di loro viene protetta dal resto del gruppo. Qui, in Miss Oro Nero, veniamo a conoscere la storia di un altro membro del gruppo.
Kathleen Lawford.

Il libro si apre con un prologo che mi ha turbato fin dalle prime righe. Un ricordo, un momento difficile, oscuro, devastante, che segna la vita di Kate, ma che non la distrugge o forse…

“Forse un giorno avrei ritrovato il mio cuore. Ma non sarebbe più bastata la luce accesa sul comodino per illuminare la camera stagna in cui rinchiusi la mia anima.”

Impariamo a conoscere Kate come una giovane donna forte, davanti alla quale in molti fanno un passo indietro. Quando il padre decide di lasciare la guida della società, lei è diventa il pilastro della Lawford's Petrol. Porta avanti trattative internazionali, sa sempre come raggiungere lo scopo che si prefissa, è capace, caparbia. Denominata “lo squalo”, viaggia ovunque ci sia dell’oro nero. 

“Fare l’oca frivola e milionaria è molto più semplice che essere me: una donna con un conto in banca solido e una vita privata fragile come il cristallo.”

Per quanto sia formidabile negli affari, nella vita privata è un mezzo disastro. Le uniche persone alle quali permette di avvicinarsi sono le sue amiche fidate e la sua bambina Scarlett. Pur essendo estremamente impegnata, è una madre presente, premurosa, che cresce il suo piccolo angelo anche grazie alle zie acquisite. Ha finalmente raggiunto un’apparente normalità, quando tutto viene sconvolto nuovamente. Il padre biologico di Scarlett si fa avanti e avanza pretese su di lei.

“…fingo di avere tutto sotto controllo, quando invece brancolo nel buio, con i piedi immersi nelle sabbie mobili della paura.”


Kate si rivolge a uno studio legale. Ed è qui che conosce “il giaguaroWilliam Marks. Un avvocato conosciuto nella Grande Mela come uno dei più competenti e temuti. Un metro e novanta di pelle d’ebano che, con i suoi modi spicci e le domande secche, mette in difficoltà Kate fin dal primo momento, ma lei per Scarlett è pronta a tutto, anche a sopportare la sua presenza ingombrante. William ha un passato difficile, viene dal ghetto, ha commesso errori, li ha pagati e mai si è arreso. Deve la sua vita, i suoi successi, solo a se stesso, al suo impegno e alla sua fede.


“… c’è una cosa che il carcere mi ha insegnato: la pazienza. Le cose sofferte, attese e desiderate sono le migliori…”

Costretti a trovare un modo per tenere Scarlett al sicuro, dovranno viversi, conoscersi e fidarsi l’uno dell’altro più di quanto avevano pensato di fare. Creeranno un piano che li travolgerà e sconvolgerà, dove la finzione prenderà il posto della realtà, dove quella sottile linea che divide l’odio dall’amore verrà varcata più volte in entrambi i sensi, dove nemmeno loro riescono a capire quale parte stanno recitando.

“Sai qual è il problema di interpretare un ruolo principale in una commedia? …che uno studia e prova; prova e studia di continuo… … a forza di provare e studiare, non sai più chi sia l’attore e chi il personaggio.”


Una storia travolgente con dialoghi pungenti e scenari inaspettati. Un amore che cresce e si sviluppa pagina dopo pagina, con una costante che mi ha fatto battere il cuore e sperare: William e Kate non si sono accorti esattamente di quando la loro attrazione è iniziata, ma sanno che tutto avrebbe avuto fine e che loro, come coppia, avrebbero avuto una data di scadenza. Due caratteri forti e testardi che ci raccontano in prima persona i loro turbamenti, le loro paure e speranze. Il tutto condito da una leggera linea di suspense che cattura e rende tutto ancora più interessante. Una lettura coinvolgente e che mi ha rapita e intrigata. Potrei dirvi di più su Scarlett, sul padre di Scarlett, su quanto accade e su come si conclude, e se si conclude, la storia fra i Willy e Occhi di gatto (chi sono? Leggete mie donzelle, leggete), ma non lo farò. Non ho nessuna intenzione di svelarvi nulla di più, di togliervi il piacere della scoperta, l’emozione di far scorre fra le dite le pagine di questo libro e di emozionarvi. Forse un’altra cosa posso dirvela: ho apprezzato l’elegante erotismo che aggiunge pepe a questo bel romanzo. Quindi, seguite il mio consiglio e buttatevi in una nuova avventura, non sarà tempo perso ve lo garantisco. Detto ciò, vi saluto.
Alla prossima.
Baci

Buona lettura!



Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni