RECENSIONE - "Il soldato del boss" di Sarah Gold

Titolo: Il soldato del boss
Autore: Sarah Gold
Editore: Hot Edizioni
Genere: dark romance
Prezzo ebook: 3,99 € 
Prezzo Cartaceo: 15,00 € 
Data di uscita: 6 febbraio 2018 in ebook / 26 febbraio 2018 in cartaceo
Pagine: 206
Serie: Autoconclusivo

ORDER

Ha trascorso una vita intera sempre all'erta, guardandosi le spalle a ogni respiro. Da quando ha perso tutto, Leonardo non prova più niente: nessuna pietà, nessun sentimento. Ora tutti temono lui, soldato di un boss della mafia palermitana, che con un solo sguardo sa incutere terrore. Pericoloso, arrogante, indomito, bastardo ma decisamente sexy e abituato a ottenere tutto ciò che vuole, è deciso a portarsi a letto Lucrezia, vedova del clan nemico, all'apparenza una preda facile per chi vorrebbe impossessarsi degli affari della famiglia. Lei diventa la sua ossessione e la sua condanna, perché non può permettersi debolezze se vuole sopravvivere in quell'ambiente. Ma il desiderio di possederla diventa ogni giorno qualcosa di più, in grado di sciogliere la freddezza del suo cuore. Lucrezia non è solo una tentazione al peccato, è un amore impossibile ma incapace di essere combattuto.

Una passione selvaggia, un desiderio incontenibile... 
Inganni, tradimenti, segreti, vendetta, crudeltà, dominio... 
Sensualità, intrighi e passione... è un peccato non leggerlo! 

***Attenzione***
Il romanzo contiene scene di sesso esplicite e tratta contenuti delicati. Se ne consiglia la lettura a un pubblico adulto e consapevole.


Cari lettori, con questa recensione vi parlo del libro Il soldato del boss, scritto da Sarah Gold e pubblicato dalla Hot Edizioni. I protagonisti della storia sono Lucrezia e Leonardo. Lei è una vedova del clan dei Ferro, mente lui è il soldato del boss del clan degli Sciuto. Due famiglie apparentemente alleate che, in realtà, hanno interesse solo per i propri affari. Morto il marito, Lucrezia si trova sola a dover affrontare tutti i boss delle altre famiglie che non vedono l’ora di mettere mano ai suoi territori e business. Ma lei non ci sta, è decisa a prendere in mano la sua vita. Non vuole più essere un burattino, ma il burattinaio. Entrare in prima persona in questo mondo, da cui si era tenuta marginalmente lontana, è una scelta dura e difficile, dettata però dallo spirito combattivo e di autoconservazione.

“Non mi mossi. Non mi sarei più fatta proteggere da nessuno. Volevo decidere della mia vita e volevo che fosse in piena autonomia stavolta. Anche a costo di diventare una mafiosa. Anche a costo di sporcarmi le mani di sangue. Lo stomaco mi si serrava, ma il corpo restava saldo, lo sguardo fiero.”

Capisce sin da subito che non solo la sua autorità è in pericolo, ma anche la sua incolumità. Per questo cerca la protezione di Leonardo, che lavora per un'altra famiglia. Lui è un uomo bestiale, micidiale, forse di umano gli è rimasto ben poco, ma è proprio quello che serve a Lucrezia. I due cominciano un rapporto malsano, pericoloso, fatto di desiderio, torbida passione e pericolo. 

“Ed era a lei che dovevo arrivare. Quel bisogno era un pozzo oscuro di cui non vedevo il fondo.”

“Entrambi provavamo un piacere perverso nel farci del male. E quella sensazione era spaventosamente deliziosa.”


Le loro vite sono in gioco come non lo sono mai state. Saranno capaci di andare fino in fondo? Di sopravvivere alle faide e alla loro attrazione?
Lucrezia e Leonardo sono due personaggi particolari, lei è una donna che per non soccombere è disposta a tutto, anche a sporcarsi irrimediabilmente le mani. Lui è un uomo che non ha più niente da perdere, non ha emozioni, pietà e compassione. La sua attrazione per Lucrezia però, è fortissima sin da subito e lo ossessiona. Anche Lucrezia si sente attratta da lui, nonostante ne sia spaventata. 

“La garanzia sulla mia incolumità era durata pochi mesi, e di nuovo il mondo sembrava farsi grigio e ostile. Il sorriso sardonico di Salvo mi rammentò che ero in effetti una vittima sacrificale. Nient’altro che un pedone incapace di difendere la scacchiera complessa di quel mondo bianco e nero. Le dita enormi e sottili del suo soldato mi trasmisero qualcosa di diverso. Mentre alzavo il capo per incontrare i suoi occhi, messi in luce dai capelli raccolti in una curata coda bassa, mi chiesi quanto sarei stata al sicuro tra quelle braccia forti. Inghiottii la saliva e di nuovo mi vergognai di me stessa. Non leggevo alcun istinto di protezione in quelle iridi crudeli come il mare di cui richiamavano il colore. Lui era l’onda capace di travolgerti e trascinarti con sé in un guizzo improvviso, per portarti sul fondo in un abbraccio mortale.”

Tra loro sono scintille di pura passione, e dalla penna dell’autrice sono nate delle belle scene erotiche che non ho trovato volgari. 
In questo libro c’è un potenziale altissimo, ci sono tutti gli ingredienti che amo leggere in una storia come questa, in particolare ne ho apprezzato uno che devo dire mi ha sorpresa. 
Ma proprio per questo mi aspettavo molto di più.  A mio avviso, i capitoli troppo brevi con punti di vista alternati, si susseguono con troppa rapidità e non si riesce a entrare completamene nella storia e nei panni dei personaggi. Inoltre, alla fine ci sono alcuni capitoli da un diverso punto di vista, di cui non ho ben compreso il senso. Certo hanno aiutato a svelare un segreto, ma, al contempo, hanno spezzato il filo della narrazione. Nonostante la scrittura sia attenta, coinvolgente e a tratti intensa, il tutto mi è sembrato risolto troppo velocemente. L’interiorità dei protagonisti poteva essere più approfondita, il loro rapporto soprattutto. Non che non ci sia stato il tormento, ben esposto da entrambe le parti, ma sembra che si sia cercato di racchiudere troppo in poche pagine. Penso che la storia sarebbe dovuta essere molto più lunga, in modo da inquadrare al meglio i mondi di Lucrezia e Leonardo, compresa la loro fusione.
Ho apprezzato i dialoghi con inserti dialettali, molto realistici, e i protagonisti con le loro sfaccettature. La storia è molto intrigante, soprattutto verso la fine, quando prende risvolti ancora più pericolosi. 
È un libro che valuto con 4/5 e che consiglio sicuramente, soprattutto agli amanti del genere.
Vi rammento che è un dark romance a stampo mafioso, quindi leggetelo consapevolmente. 

Buona lettura!

Commenti

  1. Grazie davvero, Kaori!
    Sono molto felice di essere stata letta e recensita da te.
    Una splendida sorpresa. <3

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni