RECENSIONE - "Joop 7 - Tolosa's gate" di Angela Serra Giulianini

Titolo: Joop 7 – Tolosa's gate
Autore: Angela Serra Giulianini
Editore: self publishing
Genere: Rosa-avventura
Formato: ebook
Prezzo: € 0,99
Data pubblicazione: 14/082017
Pagine: 54
Serie: Joop


Questa volta, il lavoro porta Joop in Francia e precisamente a Tolosa, uno dei poli europei dell'industria aerospaziale. L'azienda presso la quale deve prestare la sua opera si occupa della progettazione di componenti per le sonde che l'agenzia europea spedisce in orbita. L'ingegnere con il quale deve collaborare è una donna, Nadège Fournier, che oltre a essere bella, è anche brillante e dotata di una intelligenza non comune. Tra i due si crea immediatamente un innegabile feeling, tanto che entrambi si trovano a raccontare di sé senza pudori o remore. Purtroppo, il lavoro giunge al termine e Joop torna ad Amsterdam, eppure, il breve flirt, questa volta, sembra aver lasciato traccia nell'animo del protagonista.
Al rientro a casa, torna a farsi più pressante la preoccupazione per Wil, ma anche per le manovre sotterranee del pericoloso Lee. Ad alleggerire l'atmosfera giunge lo zio Caspar, con il quale Joop ha un rapporto molto affettuoso e amichevole. Nonostante l'uomo sia sempre molto aperto con il nipote, questa volta è Marijke a raccogliere per prima le sue confidenze e Joop ne è un po' dispiaciuto, però nella casa di Watergang ritrova subito il proprio equilibrio e la propria serenità. Finché una serata a teatro con Thalia e i ragazzi non si trasforma in un incubo.


Romagnola, classe 1965, sin da bambina ha coltivato una grande passione per la scrittura e per la lettura. Ha iniziato scrivendo poesie, poi è passata ai racconti. Dopo un lungo periodo di allontanamento dalla scrittura ha ripreso la penna in mano per raccontare una breve storia di fantascienza per una manifestazione culturale del suo paese. Finalista, nel mese di settembre 2013, al I° Concorso “La seduzione e l'eros” organizzato da Edizioni Progetto Cultura e Caffé Letterario “Mangiaparole” di Roma, ha partecipato con il racconto intitolato “Driver”. Alla fine del 2013 ha pubblicato in self-publishing su Amazon il racconto “Red card”, nell'aprile del 2014 il romanzo “Nel profondo dei tuoi occhi”, a dicembre dello stesso anno “Il risveglio di Giulia” e a seguire “La scelta di Giulia” e “Il destino di Giulia” della trilogia “Sempre”. A marzo del 2016 arriva il primo della quadrilogia “Taste&Love” intitolato “Un assaggio di te” a cui segue “Il sapore di te”. Alla fine di ottobre dello stesso anno vede la luce il primo di una serie di brevi romanzi, con uscita mensile, intitolata “Joop”, che narra la vita e le avventure di un sexy informatico. Nel cassetto dell'autrice giacciono bozze di romanzi e racconti, la maggior parte di genere romance ed erotico, ma anche una storia fantascientifica. Sposata, ama cucinare e prendersi cura dei suoi due gatti Perla e Sassenach. Tra le sue grandi passioni c'è la lettura, i suoi generi preferiti sono la fantascienza, il fantasy e il romance. Di lei si dice che abbia... una fervida immaginazione.

Bentornati Librosi, è da tanto che non vi parlo di questa serie!!! Siamo arrivati al 7° capitolo della saga di Joop, di Angela Serra Giulianini.

Questa volta il nostro bellissimo, affascinante e misterioso protagonista, si trova a Tolosa alle prese con l' ingegnere Nadège Fournier, carismatica e indipendente!
Ma Joop dovrà lasciare anche lei e tornare a casa dove i problemi e le preoccupazioni non cambiano!

"T'intimidisco, Joop?» Le sorrido. «Un po' sì. Tu non sei una donna da una botta e via, Nadège, meriti di più.» «E come hai stabilito che io non possa essere “una da una botta e via”?» «Andiamo, sei una donna intelligentissima, capace, con un lavoro che molti non sarebbero capaci di svolgere al tuo livello... »"

Ormai sono convinta che Joop sia per me una garanzia, la considero la mia lettura rilassante e allettante che non mi annoia mai, ma che mi fa piuttosto incavolare perché la nostra Angela non vuole mai svelarci troppo, questo rende questa lettura di poche pagine stimolante.
Anche questa volta Joop ci stupisce, lascia Tolosa non solo con il suo solito bagaglio ma anche con il pensiero di lei.
La sua parte più sensibile e "debole" riaffiora, con tutte le sue paure.

"Alle 4 di mattina mi sono svegliato di soprassalto urlando come un'aquila, fradicio di sudore e con il cuore che batteva come un tamburo africano. L'incubo è stato tremendo e ancora adesso ripensarci mi fa sentire scombussolato. Mentre fuori cominciava a farsi strada il chiarore dell'imminente alba, mi sono buttato sotto il getto tiepido della doccia e ho tentato di riportare il battito cardiaco a un ritmo accettabile. Ancora umido, mi sono sdraiato nuovamente sul letto sfatto e ho chiuso gli occhi. La paura provata anni prima, gli sforzi immani fatti per uscire da una situazione che peggiorava a ogni momento, il timore di mettere irrimediabilmente in pericolo la mia famiglia, ritornano a galla anche se faccio di tutto per spingere tutta la merda in fondo, sempre più in fondo. Mi chiedo se riuscirò a evitare di esplodere e di portare all'inferno con me tutti quelli che mi sono vicino."

Tutto ciò rende il personaggio interessante agli occhi di chi legge.
Lettura scorrevole e leggera, linguaggio semplice, buono il ritmo.
Vi aspetto per il prossimo capitolo!!!!


Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Un tè con Mrs. Brown" di Simona Fruzzetti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino

REVIEW TOUR - RECENSIONE - "Disgraceful" di Autumn Grey