RECENSIONE - "Felicity" di Daniela Perelli

Titolo: Felicity
Autore: Daniela Perelli
Editore: Self publishing
Genere: Novella di genere romance.
Formato: ebook e presto anche in cartaceo.
Prezzo:€ 0.99 / Kindle Unlimited
Pagine: 40
Data pubblicazione: 19 settembre 2017
Pagina autrice



Samuel e Camilla sono due anime solitarie. Un giorno si incontrano in una circostanza inaspettata e particolare, che li porterà a riflessioni profonde per ritrovare quella felicità perduta da tempo. E poi si sa: quando un “quattro zampe” ci mette il muso, inevitabilmente tutto si trasforma… 
Lettura adatta a tutte le età.

Daniela Perelli. Nata a Genova il 6 giugno 1980, si è diplomata come Tecnico dei Servizi Ristorativi e specializzata in pasticceria. Ha lavorato per due anni a contatto con i bambini come animatrice turistica, coltivando la passione per la danza, il canto e la lettura. Vive a Genova con il marito Alessandro, i figli Giulia e Luca e la loro barboncina Lili.

Buongiorno cari,
oggi ho il piacere di parlarvi di “Felicity” scritto da Daniela Perelli, si tratta di una novella che narra le vicende di Camilla e Samuel. Entrambi trentenni si trovano a vivere un dolore che li porta a isolarsi da tutti. Quando le loro strade si incontrano è come se le loro anime entrassero in sintonia. È strano per due persone abituate alla solitudine ma a dar loro una mano ci sarà un amica comune.

Se mi seguite sapete già che adoro la dolcezza con cui Daniela dà vita alle sue storie, riesce a raccontare di dolori e di gioie trasportando il lettore nella dimensione che lei stessa crea. La storia di Camilla e Samuel non fa eccezione, mi trovo a conoscerli e a sentire il loro turbamento, la loro sofferenza e ciò che li tiene ancorati a essi. Sono i protagonisti a raccontare ciò che vivono, i POV alternati e la terza persona riescono a farli conoscere; le loro riflessioni in prima persona e la presenza di dialoghi fanno il resto, arrivando così a trasmettermi le emozioni e i dubbi che provano.

Brava Daniela, mi confermi la tua infinita delicatezza e conoscenza dell’animo umano.
Una storia intensa, che commuove e fa pensare, strappa anche un sorriso e dà la speranza che prima o poi tutto trova una dimensione sopportabile.
Una lettura che consiglio a chi cerca un racconto intenso, una storia veloce ma che raggiunge il cuore. Una storia adatta a ogni età.
Buona lettura!
Monica S.



Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni