REVIEW PARTY - RECENSIONE- "Adrenalin" di Emma Altieri


Titolo: Adrenalin
Autore: Emma Altieri
Editore: Self Publishing
Genere: Romance
Formato: Ebook/ Cartaceo
Prezzo: €1,99/ € 10,00
Serie: Smartness Series
Data Pubblicazione: 1 Ottobre 2017




Ryan sta per realizzare il suo sogno: la Ducati Corse lo vuole come corridore nella sua scuderia. Quando però troverà Jamie Pedrini sulla sua strada, tutto sarà più difficile. Jamie è l'ingegnere e collaudatore della sua moto e lui non può minimamente accettare che una donna abbia fra le mani il suo futuro. L'amore per le moto li accomuna, una forte passione si sprigiona fra di loro fin dal loro primo incontro ma sono tanti gli ostacoli davanti a loro.
Riusciranno a mettere da parte il loro orgoglio e tutti i loro pregiudizi per collaborare nella riuscita del loro sogno?
Jamie e Ryan infrangeranno il muro del suono alla velocità della loro passione. Vi conquisteranno a suon di chilometri sulla pista.
Emma Altieri è uno spirito libero, sempre in cerca di una meta definitiva per mettere radici. Nasce in Italia, al nord, ma poi viaggia per gran parte della sua vita fino a quando conosce quello che ora è suo marito e decide di fermarsi. 
È sempre stata attratta dalla scrittura, fin da bambina. Negli anni dell’adolescenza ha scritto numerose poesie in cui ha racchiuso tutti i suoi sentimenti. In età adulta ha deciso di mettere alla prova le sue capacità iniziando con brevi racconti e FanFiction su EFP fino a decidere di buttarsi nel mondo del self-publishing e provare a pubblicare i suoi romanzi, rimasti per anni racchiusi nei cassetti.
Il 25 settembre del 2017 ha autopubblicato “Adrenalin” (Smartness Series), il suo romanzo d’esordio, primo di una duologia.  
Il 20 ottobre del 2017 uscirà, sempre in self-publishing con  “Scars – Frammenti di noi” scritto a quattro mani con Catherine BC.

Bentornati sul nostro blog, oggi alla scoperta di un'autrice emergente Emma Altieri e il suo "Adrenalin".

Ryan Crow è il nuovo pilota di punta di una famosa scuderia italiana, la Ducati.
Durante il suo arrivo in Italia, incontra e si scontra in aeroporto, ignaro di chi fosse, con il suo ingegnere e collaudatore Jamie Pedrini, 
Quando scopre realmente chi è Jamie la catastrofe è imminente.
Ryan non vede di buon occhio che sia una donna a mettere le mani sulla sua moto; arrivando al punto d'iniziare con lei una specie di faida, fatta di dispetti, litigi e offese.

«Quindi con Ryan è guerra aperta?» Sbuffai annoiata dal dover ritornare sul discorso «Si, direi che guerra descrive perfettamente la nostra posizione al momento. Non possiamo stare nello stesso posto, rischiamo di ammazzarci un giorno di questi.» La vidi sorridermi quasi diabolica «Quindi ne sei innamorata persa?» «Che cosa?»

Ma Jamie è la migliore nel suo lavoro. Porta Ryan alla vittoria in varie occasioni e pian piano il rapporto tra i due evolve, smettono di litigare e...

Jamie è una giovane donna molto determinata, bravissima nel suo lavoro, gode del rispetto di tutto il suo team, rispetto che si è conquistata lavorando duramente arrivando a essere la migliore nel suo campo.
Jamie vuole fare la dura, forse costretta anche dal fatto di dover tener testa a un team composto completamente da uomini.
La sua corazza però è solo apparenza, in realtà ha un animo semplice e un cuore d'oro, provato dalla morte precoce di sua madre a cui rimane profondamente legata.
A scombussolare la vita già "in corsa" di Jamie arriva il giovane, spavaldo e bellissimo Ryan, che metterà a dura prova la sua pazienza.

"Una strega, ecco cos’era. Come era possibile che la vedessi solo io così. Perché tutti la adoravano, la stimavano, la veneravano e non si rendevano conto che quella donna era il demonio fatto persona?"

La trama di per sé interessante e mai noiosa prende una piega a tratti anche divertente, senza però mancare l'obiettivo principale, ossia la costruzione del rapporto tra i due protagonisti.
Ryan capisce che Jamie non solo è brava nel suo lavoro ma anche una donna vulnerabile, il loro rapporto cresce e cambia direzione fino ad accendere quella fiamma e insieme iniziano a correre, non solo in pista ma anche nella quotidianità una gara, di passione clandestina che potrebbe rivelarsi pericolosa.
Il titolo è azzeccatissimo, "Adrenalin" sia in pista che nella vita, una corsa contro il tempo, la passione che i due protagonisti mettono nel loro lavoro é pari a quella del loro "amore".
Emma è riuscita a farci vivere questa gara ad alta velocità con il fiato sospeso, senza mai annoiarci, senza scadere nel banale.
Le scene di sesso forse sono troppo concentrate in un unica parte del romanzo, ma il resto e abbastanza scorrevole.
Il romanzo ha un buon ritmo, scritto abbastanza bene, i dialoghi sono frizzanti e divertenti.
Ho apprezzato la scelta di non farli baciare al secondo capitolo, rendendo così la trama più interessante e ricca di aspettative, stimolando la fantasia del lettore.
I personaggi, soprattutto la protagonista femminile, sono ben caratterizzati; ammetto di aver voluto strozzare Jamie molto spesso e a volte ucciderla proprio, ma anche questo è un aspetto positivo, sono comunque emozioni di cui io tengo sempre conto.

"Non erano le sensazioni della scorsa volta… erano molto di più: più forti, più intense, quel bacio sapeva di sofferenza, di voglia di gridare, di bisogno di sentirsi, avvertirsi, toccarsi e mi resi conto che anche io avevo bisogno di tutto quello; anche io lo stavo cercando: non era amore, ma passione allo stato puro…e mi arresi a lui. Mani forti e leggere scaldavano la mia pelle, la facevano vibrare in brividi lenti e continui. Il fiato agitato, corto, il palpito insistente del mio cuore a battere nel petto, cercando uno spazio che ormai non aveva più. Le sue dita afferrarono i miei fianchi portandomi di prepotenza verso i suoi, dove la sua presenza si fece sentire, importante fra noi."

Consiglio questa lettura a tutti, è semplice, leggera, ricca di emozioni e di tanta adrenalina.

Buona lettura!!!

Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni