RECENSIONE "Ovunque mi porti" di Livia Sarti

Titolo: Ovunque mi porti
Autore: Livia Sarti
Formato: ebook
Prezzo: 0.99 €
Genere: Contemporary romance
Editore: Self publishing
Data pubblicazione:
Serie: Prequel di "Quattro anni per averti"
Protagonisti: Arianna, Leonardo e Luca








Cosa succede se desideri ciò che non è tuo?
Arianna e Leonardo vivono un sogno. Entrambi bellissimi, hanno tutto: un lavoro prestigioso, una casa di lusso e una vita da favola. Il loro matrimonio è perfetto fino all’arrivo di Luca, il collega che tutte le donne vorrebbero avere.
Arianna è costretta a fare i conti con la passione che la unisce a lui e, fra segreti e bugie, dovrà fare la sua scelta.
Libro autoconclusivo.

Livia Sarti vive a Piacenza con il marito, il loro bimbo e due micini. Originaria di Augusta si è trasferita in Emilia Romagna per amore. Adora leggere, andare a cavallo e tirare con la carabina ma è soprattutto un’inguaribile sognatrice: da qui la sua passione per la scrittura. “Ovunque mi porti” è il suo romanzo di esordio, mentre la stesura della seconda storia è già avviata.

Buongiorno librose,
Oggi vorrei parlarvi di “Ovunque mi porti” di Livia Sarti. Un insolito romance che vi porterà a porvi tante domande e a riflettere.
Detto questo, sembra che stiamo parlando di uno filosofico. Tranquille, niente Socrate o Aristotele per oggi, solo un romance particolare che amerete.
Non è il solito romance con un’alta percentuale di scene hot, le quali non mancano ovviamente, ma sono descritte così delicatamente e cariche di erotismo da farti percepire fino alle ossa le sensazioni. Il libro ci propone una visione più vicina alla realtà e tratta una tematica delicata come il tradimento, una tematica dove non è facile prendere una posizione. Non sto dicendo che negli altri romanzi non c'è ma qui è trattata in maniera più profonda. Io sono alla ricerca di romanzi che mi parlino di qualcosa di nuovo, qualcosa che mi  sconvolga e apra i miei orizzonti e il libro di Livia è decisamente tra questi.

Arianna, una donna giovane, affascinante e con un lavoro che ama fare: l’ingegnere. È sposata con Leonardo, e quando le viene assegnato il posto di vicepreside della RAL, la più prestigiosa azienda nel campo dell’ingegneria, non sta nella pelle. Durante questa nuova esperienza “è costretta” a lavorare a fianco a Luca, il suo collega.
Sin dall'inizio c'è un magnetismo evidente tra loro, ma tutti e due cercano di nasconderlo o di far finta di niente finché è possibile.


Fino a metà libro, tutto fila liscio come l’olio, nel senso che loro continuano la loro relazione clandestina, e fin qui niente di nuovo. Io mi aspetto qualche colpo di scena e fidatevi, arriverà. Livia con il suo romanzo ci racconta una storia realistica che potrebbe essere la storia della nostra amica, della nostra vicina o perché no, la nostra storia. Non ci sono colpi di scena  o sviluppi surreali, tutto molto lineare e ben caratterizzato. Questo ci aiuta molto a entrare in empatia con i personaggi, anche se non con tutti o non sempre almeno, ci sono stati dei momenti in cui ho odiato “qualcuno”. Questo è uno di quei libri che alla domanda “Come mi sarei comportata io al posto suo?”, non saprei dare una risposta. Perché con argomenti del genere, come il tradimento, dove la passione e i sentimenti si mescolano non è facile prendere una posizione, sapendo quello che passa nella testa dei personaggi, più che altro in quello di Ari, dato che il libro è scritto dal suo POV.


Parliamo ora di Luca.
Giovane uomo di 28 anni, palestrato, alto e fisico asciutto, indossa sempre abiti eleganti e firmati. Ah dimenticavo, occhi blu, cosa molto importante. Credo che questo colore degli occhi sia un fattore importante nel far “capitolare” una donna. È sposato con Monica, più grande di lui di circa 20 anni. Ora vi chiedo: “Sarà stato per amore?” Perché poi lo sappiamo tutte che l’amore non ha età.

Ora parliamo di Leo.
Leo, alto, moro e con gli occhi scuri, “un connubio tra l’Europa e l’Oriente”, come viene descritto nel libro. Un bell'uomo insomma, ma non bello quanto Luca agli occhi di lei, inoltre ha un bel lavoro che lo tiene lontano per tanto tempo dalla moglie. 
Sarà appunto questo fatto ad “aiutare” la pericolosa attrazione tra Ari e Luca. 
Scoprirà Leo il tradimento? In quel caso come reagirà? Tra uomo ferito e innamorato, tra promesse e bugie, tra sentimenti e passione, cosa deciderà Leo? Cercherà forse "inutilmente" di salvare il loro matrimonio, o accetterà la sconfitta? 
In questo volume, vediamo un marito frustrato, ferito e ci dispiace per lui, ma alcuni suoi comportamenti  non li comprendiamo, però non preoccupatevi perché nel sequel ci sarà il POV di lui.

Non vorrei essere nella situazione di Arianna. Ossessionata da un uomo sposato  e sposata con un'altro che la adora e che per lei è un mattone cardine nella sua vita. Ricordiamo che ha conosciuto Leo in un momento delicato della sua vita. I suoi erano morti, si era lasciata con il suo ragazzo e non aveva nessuno in quel momento se non Leo, quindi credo che in qualche modo lui sia diventano la sua famiglia. Non solo il suo ragazzo, fidanzato e poi marito, ma anche una parte importante di lei, un pilastro importante senza cui la sua vita rischia di crollare. C'è da valutare che Luca è ancora sposato, e non hanno certezza sul poter stare insieme.
Starà con Leo, cercando di reprimere quello che prova per Luca oppure rischierà e ascolterà il suo cuore? Cosa deciderà Arianna, e voi cosa fareste?
Ma quando meno te lo aspetti il passato di Ari torna e rischia di distruggerle tutto. Riuscirà a superare questa sfida?

Tra colpi di scena, passione, sensi di colpa, vendetta e perdono questo romanzo vi rapirà e lo consiglio a tutti coloro che amano perdersi in queste storie, così realistiche da sembrare vere. Il romanzo è ben scritto, senza refusi e la lettura risulta scorrevole. L'unica cosa che ho apprezzato di meno sono state le descrizione dettagliate e lunghe dei vestiti nei minimi dettagli, ma devo concederle che è stata brava.
Presto recensione sul sequel, nel quale avremo 3 POV, cuoriosi? Io non vedo l'ora.


                                                                                                                                          Buona lettura!



Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino