RECENSIONE IN ANTEPRIMA "Beautiful girls" di Lynn Weingarten

Titolo: Beautiful Girsl
Autrice: Lynn Weingarten
Editore: Newton Compton Editori
Genere: Thriller
Formato: ebook/cartaceo
Prezzo:  5,99 €/     9,90€
Data pubblicazione: 23 agosto 2018


Dicono che Delia si sia data fuoco nel capannone del suo patrigno. Si parla di suicidio, ma June non ci crede. June e Delia sono sempre state inseparabili. La loro amicizia era la cosa più importante di tutte: veniva prima dei ragazzi, prima delle famiglie. Era simile a una relazione d’amore, ma era anche… molto di più. C’erano migliaia di segreti che le tenevano unite, come sottilissimi fili di seta che formavano un legame indissolubile. Esattamente un anno fa, tutto è cambiato. Quella notte June, Delia e Ryan – il ragazzo di June – volevano divertirsi un po’. Poi, però, le cose sono sfuggite al loro controllo. E nella luce pallida del mattino, June ha capito che niente sarebbe più stato come prima. Adesso, a un anno di distanza, Delia è morta. June è sicura che sia stata assassinata. E sente il dovere di scoprire la verità… Che è di gran lunga più complicata di quello che avrebbe mai potuto immaginare.

Incontrare la propria migliore amica è come venire centrati da un colpo di fulmine.



Quanto può essere tossica l’amicizia tra due adolescenti?



Vive a Brooklyn, New York. Lavora nell’editoria ed è un’autrice bestseller del «New York Times». Ha vinto numerosi premi per la letteratura Young Adults e si è affermata come una degli autori più sensibili alle tematiche giovanili. Beautiful Girls è il primo libro pubblicato in Italia dalla Newton Compton.


Buongiorno Chiacchierine! Ho letto in anteprima per voi Beautiful Girls di Lynn Weingartenm, edito Newton Compton Editori, un thriller che vi terrà incollati alle pagine per voler scoprire come andrà a finire. Di sicuro con me l’ha fatto, anche se sono rimasta un po’ perplessa sul finale, ma procediamo con ordine.
June è una sedicenne americana, vive insieme alla madre poco presente nella sua vita e ha un fidanzato perfetto: Ryan Firke, un atleta amato e stimato in tutto il liceo, di buona famiglia e innamorato della sua Junie.
Il primo giorno dell’anno, una terribile notizia sconvolge la vita di June: Delia, la sua vecchia migliore amica, si è suicidata.
Non riesce a darsi pace, non riesce a immaginare cosa abbia spinto la sua amica a compiere un gesto così estremo. Perché? Che cosa l’ha distrutta al punto di togliersi la vita?
Sono domande che la affliggeranno per molto, finché non incontra il fidanzato di Delia, Jeremiah, che le instilla il dubbio che non fosse un suicidio. E se fosse stato un omicidio?
I dubbi travolgono la povera June che si ritroverà a scavare nella vita di Delia, cercando di ricostruire l’ultimo anno della sua vita, l’anno in cui le loro strade si sono divise per sempre.

«Ecco», aveva detto Delia. «Ora abbiamo un segreto. Avere dei segreti è ciò che crea le vere amiche. I segreti ti legano».

E di segreti Delia ne aveva davvero tantissimi. Troppi per una ragazza di sedici anni.
Saranno stati questi la causa della sua morte?
Si è suicidata o è stata ammazzata?
Questo dovrete scoprirlo voi leggendo il libro. Io non vi dico altro, altrimenti corro il rischio di svelare troppo.
Ma veniamo ai personaggi…
Tutti hanno un ruolo: June, Ryan, Jeremiah, Delia…
Tutti sono stati inseriti nel romanzo con uno scopo ben preciso: confondere e dare risposte. Bisogna solamente capire a chi credere e a chi invece stare lontani.
Il rapporto di amicizia tra June e Delia è veramente morboso, nel romanzo ci sono salti temporali in cui l’autrice racconta la storia della loro amicizia, da quando è iniziata a quando è finita.
Delia appare fin da subito una ragazza problematica, fuori dalle righe e dai canoni di ragazza del liceo. È un casino, come ama definirla June.
La loro amicizia non appare tale agli occhi altrui, sono troppo legate, troppo complici, troppo collegate l’una all’altra per essere semplicemente amiche, ma loro sono così: unite da una fitta rete di segreti, che le ha legate strette al punto da non poterle più sciogliere.

Anni dopo Delia avrebbe spiegato a June che trovare una migliore amica è come trovare il vero amore: quando lo incontri lo sai e basta. Ne sei sicura.

È per questo che June si sente tremendamente in colpa per la sua morte. Lei l’ha abbandonata e Delia si è suicidata. Ha perso la sua migliore amica, un pezzo della sua anima, la persona che amava di più al mondo. L’autrice è stata davvero brava a far percepire il sentimento che legava June e Delia, la morbosità del loro rapporto, la forza di Delia nel far soccombere lo spirito di June, di legarla a lei per poterla poi divorare.

Ma poi quel primo giorno aveva notato June e quella fiamma calda e frizzante si era smorzata trasformandosi in una voglia affamata e incontrollabile. Era ancora doloroso, ma in un altro modo. Cosa voleva? Non lo sapeva bene. Non voleva scoparsi June, non voleva essere lei, era più come se la volesse mangiare. Delia improvvisamente aveva fame di quella biondina con gli occhioni da cerbiatto che stava seduta tre file dietro a lei. Voleva prendersi questa ragazza, ingoiarsela, perfino le ossa, per intero.

L’autrice è davvero brava, è una bestseller del New York Times e direi che ciò traspare dal suo scritto. Lo stile è impeccabile, è in grado di stregarti e tenerti incollato alle pagine per voler scoprire che cosa sia successo a Delia, perché l’amicizia con June sia rovinosamente finita. Perché?
Insomma, è perfetto.
Se non fosse per il finale aperto che mi ha lasciata veramente a bocca aperta, pensando: E adesso?
Mi ha un po’ confusa, ma penso che l’autrice l’abbia lasciato così in sospeso per far decidere a noi quello che sarebbe accaduto dopo…
Come ho detto prima non voglio andare oltre per non svelarvi troppo, rischio veramente di rovinarvi la lettura, perché è davvero consigliata.
Se amate le storie non scontate, piene di colpi di scena e che vi tengono con il fiato sospeso, allora questo thriller è davvero fatto per voi.
Buona lettura!


Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni