RECENSIONE IN ANTEPRIMA "La notte più lunga" di Leylah Attar

Titolo: La notte più lunga
Autore: Leylah Attar
Editore: Newton Compton Editori
Genere: Narrativa
Prezzo ebook: 2.99 €
Data pubblicazione: 8 Agosto 2018
Pagine: 360



Una volta, in Africa, ho baciato un re…

«E così, in un vecchio fienile rosso ai piedi del monte Kilimanjaro, ho scoperto la magia inafferrabile che avevo intravisto solo tra le pagine di grandi storie d'amore. Fluttuava intorno a me come una farfalla appena nata e si stabilì in un angolo del mio cuore. Ho trattenuto il fiato, ho avuto paura di respirare per paura che scivolasse fuori e la perdessi per sempre.»
Quando una bomba esplode in un centro commerciale dell’Africa orientale, le tragiche conseguenze delle scosse di assestamento provocano l’incontro di due estranei in un percorso per il quale nessuno dei due sa di essere destinato. Jack Warden, un coltivatore di caffè divorziato in Tanzania, perde la sua unica figlia. A un oceano di distanza, nella campagna inglese, Rodel Emerson riceve una telefonata che le comunica la morte di sua sorella. Sconvolta, prende un aereo nella speranza di un po’ di pace. Due persone comuni, legate da un evento tragico, sono in cammino per ritrovare sé stesse. Li aspetta un’avventura nelle immense pianure di Serengeti, durante la quale il destino di tre bambini si lega indissolubilmente al loro. Ma nonostante le avversità, un’altra sfida si profila all’orizzonte: possono sopravvivere a un’altra perdita, questa volta quella di un amore che è destinato a scivolare tra le loro dita, come le nebbie che svaniscono alla luce del sole?
«A volte ci si imbatte in una storia dai colori dell’arcobaleno, che ci attraversa il cuore. Potremmo non essere in grado di afferrarne o mantenerne il significato, ma non saremo mai dispiaciuti per il colore e la magia che ha portato nella nostra anima.»

Cari lettori, vi porto con me in viaggio in Africa alla scoperta della vita e dell’amore. La notte più lunga, libro scritto da Leylah Attar e pubblicato da Newton Compton Editori, è un piccolo gioiellino. La storia si apre con una tragedia, un evento che ha conseguenze tragiche per i due protagonisti perché perdono le persone a loro più care. Accettare il lutto e andare avanti è una prova troppo difficile. Jack ha perso la sua bambina e il dolore lo consuma, come il senso di colpa. Rodel ha perso sua sorella e sente che ha avuto troppe mancanze nei suoi confronti, non l’ha ascoltata abbastanza, avrebbe voluto essere più vicina a lei.
Il destino vuole che Jack e Rodel si incontrino.

“Rodel rimase aggrappata al suo telefono, inconsapevole dei fili invisibili che univano desideri, azioni, persone e conseguenze. Non aveva la minima idea che le immagini che lampeggiavano in televisione avessero già innescato una catena di eventi che portavano dritti a lei, come tessere di un domino in caduta libera.”

All’inizio il loro rapporto non è molto amichevole, ma imparano a conoscersi e apprezzarsi finché il sentimento che nutrono l’uno per l’altro cresce fino a diventare impossibile da reprimere. Insieme decidono di portare a termine una missione iniziata dalla sorella di Rodel, ma si troveranno immischiati in qualcosa più grande di loro che li metterà in pericolo.
L’avventura che vivono insieme finisce per legarli irrimediabilmente, ma sanno che è qualcosa destinato a non durare. Hanno vite differenti, in posti differenti del mondo. Sembra impossibile poter stare insieme.

“Ci sentivamo entrambi in colpa, perché il desiderio non trova posto alla tavola del dolore, e tuttavia eccolo lì, assiso tra noi come un ospite sfrontato, indesiderato.”

“Innamorarsi di qualcosa che non potrà mai essere è come infilzarsi con un pugnale con la punta ricoperta di miele. Ancora e ancora. La ferita è profonda e dolce, bella e triste, e non si sa mai se le lacrime sono di gioia o disperazione.”

Questo libro ci parla dell’elaborazione del lutto, ognuno ha bisogno di farlo a modo suo. Ci parla anche dell’amore in diverse forme. I sentimenti evocati dalla scrittura dell’autrice sono molto forti e commoventi. Attraverso i protagonisti vediamo l’Africa, una terra magica che sembra risvegliare, nutrire e curare l’anima. Una terra che toglie e che dà, dove la crudeltà va di pari passo con la bontà e la generosità. Una storia che esplora le emozioni umane e terre selvagge. Leggere questo libro vi commuoverà, ma vi farà anche sorridere, e soprattutto vi trasporterà in un tour meraviglioso in una terra particolare e dentro due cuori spezzati ma che ancora battono e necessitano solo della colla giusta per rimettere insieme i pezzi. Azione e suspense arricchiscono la narrazione tenendo sempre alta l’attenzione. Concorrono a stimolare la lettura anche i personaggi secondari, davvero peculiari.
Lo consiglio davvero a tutti, agli animi romantici e a quelli avventurosi.


Buona lettura!

Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni