RECENSIONE "I ricordi di un'altra" di Louise Jensen

Titolo: I ricordi di un’altra
Autore: Louise Jensen
Editore: Sperling&Kupfer
Genere: Thriller
Prezzo ebook: 9.99 €
Prezzo cartaceo: 18,90 €
Data pubblicazione: 17 Luglio 2018
Pagine: 340
ORDER



La figlia perfetta è morta. E la sua famiglia nasconde un segreto.

Si può morire a trent'anni? Per Jenna potrebbe essere così, se non riceverà presto un cuore nuovo. È bastata una banale influenza e, mentre il suo fidanzato si è ripreso senza strascichi, lei è deperita tanto da non riuscire a stare in piedi. E solo allora è arrivata la diagnosi: un'infezione del cuore. L'unica speranza per Jenna è un trapianto, ma i giorni passano e lei sente la vita sfuggirle. Sennonché, inaspettatamente, il cuore arriva davvero: la donatrice è Callie, giovane morta in un incidente, che letteralmente la fa rinascere a nuova vita. 
Ben presto, quindi, la sua benefattrice diventa una vera ossessione per Jenna. Così, ignorando le regole, decide di trovare la famiglia di Callie, scoprendo di avere molte cose in comune con loro, forse più di quante sarebbe logico aspettarsi. E, col passare del tempo, Jenna comincia a nutrire dei dubbi su quella famiglia perfetta, sulla sincerità dei loro affetti e soprattutto sulla vera causa della scomparsa di Callie. 
Perché i loro segreti sono davvero troppi: che fine ha fatto Sophie, la sorella di Callie, della quale nessuno vuole parlare? Che cosa nasconde Nathan, il fidanzato di Callie? Come è morta veramente la donna che le ha regalato una seconda vita? Quando scopre che non è stato un incidente a ucciderla, Jenna sente che il suo ultimo atto di gratitudine sarà svelare la verità. A tutti i costi.


Cari lettori, dopo tanto tanto tempo mi sono cimentata di nuovo nella lettura di un thriller, un genere che avevo abbandonato. Ho voluto ricominciare con I ricordi di un’altra di Louise Jensen, pubblicato da Sperling&Kupfer, perché la trama mi ha molto incuriosita e la cover catturata.

L’argomento del trapianto è molto delicato e ci sono ricerche e testimonianze sul fatto che chi ha ricevuto un organo si senta diverso, non si riconosca più come prima e prenda gusti e atteggiamenti più simili al donatore che ai suoi.
È proprio il caso di Jenna, la nostra protagonista. Ha subito un trapianto di cuore dopo una malattia e non si sente più la stessa. I suoi medici e familiari attribuiscono i problemi che manifesta, paranoia, attacchi di panico, insonnia, ai farmaci che è costretta ad assumere, ma lei sa che c’è qualcosa di più.
Ha dei flashback, fa sogni e sente emozioni che non le appartengono. Si sente costantemente in pericolo e un senso di ansia e angoscia la accompagna notte e giorno. 

“E in quel momento ho la certezza assoluta che il cuore non è soltanto un muscolo. Il cuore custodisce segreti e bugie, speranze e sogni. È molto più di una pompa per far circolare il sangue. Ne sono sicura. Il cuore ricorda.”

A chi apparteneva il cuore che ha ricevuto?
Cosa le è successo?
Jenna tenterà con tutte le sue forze di scoprire cosa è accaduto alla ragazza da cui ha ricevuto questo dono immenso.
Nel farlo entrerà in contatto con il mondo di Callie, la donatrice, e scoprirà cose che non avrebbe dovuto sapere, verranno portati a galla segreti che sarebbe stato meglio fossero rimasti per sempre sepolti.

“Ho la sensazione di non potermi fidare di nessuno, nemmeno di me stessa.”

Questo libro mi è piaciuto perché l’autrice è riuscita a trasmettere molto bene le sensazioni di Jenna, le sue paure, la sua necessità di scoprire la verità. Sotto l’aspetto psicologico l’ho trovato davvero interessante. Anche l’intreccio è parecchio avvincente. Scopriamo tutto piano piano insieme a Jenna e difficilmente si riescono a fare supposizioni esatte sulla realtà dei fatti. Tuttavia alla fine si è creata un po' di confusione, alcuni passi mi sono sembrati troppo sbrigativi e ho avuto la sensazione che delle cose fossero rimase in sospeso.
Comunque è un thriller molto appassionante che consiglio a tutti.

Buona lettura!

Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni