RECENSIONE "Blue - Oneroa Beach" di Dora L. Anne

Titolo: Blue - Oneroa Beach
Autore:  Dora L. Anne
Formato: Ebook / Cartaceo
Prezzo:  2.99 / 10.64
Genere: contemporary romance
Editore: self publishing
Data pubblicazione: 18 gennaio 2019
Pagine: 333



Isola di Waiheke, piccolo gioiello della Nuova Zelanda. È qui che Nyree incontra Calum, proprio quando pensa che nessuno potrà mai accenderle un brivido lungo la schiena. Quando succede rimane spiazzata e confusa dalle strane sensazioni che le agitano il petto fino a farla impazzire. Di lui non sa nulla, solo che probabilmente nasconde qualcosa. Riuscirà mai a leggergli dentro? Tra le righe di quello che non dice, dritto al cuore?


Buongiorno Lettori, oggi vorrei parlarvi di un romanzo molto dolce, colmo di speranza, di dolore, di bugie, ma anche di amore e gioia nel provarlo per la prima volta.
Nyree è la nostra protagonista, è poco più che ventenne, lavora nel locale sulla spiaggia che le hanno lasciato i suoi genitori, scomparsi precocemente a causa di un incidente. Nonostante la sua giovane età ha sofferto molto e continua a vivere la vita piena di angoscie, dolori e stenti, ma a parte questo nutre molta speranza e cerca di vivere al meglio. Nella sua vita si intrecciano le vicende di altri personaggi secondari ma influenti nella storia, le due migliori amiche, Peter il ragazzo che lavora al locale con lei, Tana vecchio amico e nonno di Peter. 
Nyree ama il mare e sin da piccola adora andare in barca a vela, si è infatti iscritta alla regata che si terrà a breve, volenterosa di vincere il primo premio per potersi permettere i lavori al suo locale.

"Sono diffidente, di norma; non mi piacciono molto le persone, soprattutto gli stranieri. Sopravvivo se così si può dire. Con te, invece... la reticenza è durata pochissimo. È stato come se fossi arrivato sull'isola per aprirmi gli occhi e mostrarmi la strada giusta".

Tutto procede come sempre fino a quando, un giorno, non incontra Calum. Quest'ultimo è appena arrivato sull'isola dall'Australia, "scappato" dopo un periodo non particolarmente sereno che lo ha segnato profondamente. Intento a riprendere in mano la sua vita, da solo. Un vecchio amico infatti che ha sempre creduto in lui, gli ha gentilmente concesso alloggio e un lavoro, in attesa della tanto agoniata regata in barca a vela, a cui Calum intende partecipare e vincere per poter realmente riniziare a vivere. Quello che non aveva previsto era l'incontro con una fata dagli occhi blu come il mare che entrambi amano tanto. I due si incontrano in un paio di occasioni fino a quando il nostro protagonista non si renderà disponibile nell'aiutare Nyree con i lavori di manutenzione del locale dove lavora. Ed è così che i due cominicano a frequentarsi in maniera assidua, questo non farà che crescere la loro attrazione, la calamita che li attrae è talmente forte da non riuscire a stare lontani, nonostante nessuno dei due conosca veramente l'altro. 
Saranno infatti questi misteri sulla vita di Calum che metteranno a repentaglio il loro rapporto, lui non crede di meritare la felicità, figuriamoci l'amore della donna di cui si è innamorato. Ma i segreti di Calum non saranno l'unica cosa che si metterà fra di loro.

"Solo qualche anno fa mi sarei sentito degno di lei. Della sua purezza. Della sua attenzione. Dei suoi sorrisi. Oggi no. Oggi non riesco a essere sincero, tutt'altro: sono un individuo da reinserire nella società. Uno da guardare con sospetto. E la sola idea di raccontarle la mia vita prima di adesso rende ogni cosa sporca, grottesca, un enorme sbaglio che mi sento in dovere di evitare".

Riusciranno i nostri protagonisti a vivere il loro amore? Calum riuscirà a mettere da parte le proprie paure e raccontare tutto a Nyree? E quest'ultima saprà aspettare?
Non mi resta che lasciare a voi il piacere di leggere questo romanzo e augurarvi una Buona Lettura!

CONSIDERAZIONI
Romanzo davvero ben scritto, molto semplice, scorrevole, i personaggi sono descritti man mano all'interno del libro, anche i luoghi circostanti sono descritti in maniera esaustiva. A livello stilistico il romanzo è scritto in prima persona alternando i pensieri dei protagonisti principali e a volte di quelli secondari, il tutto per aiutarci a capire al meglio i vari punti di vista e anche i personaggi stessi.
Non avevo mai letto questa autrice, mi è piaciuta e sicuramente leggerò qualcos'altro. È riuscita a trasmettere le emozioni dei protagonisti, senza cadere troppo nell'angoscia nonostante a volte si trattasse di argomenti importanti.
Ancora complimenti a Dora e buona lettura!



Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni