REVIEW PARTY - RECENSIONE IN ANTEPRIMA "L'amore viene a cercarti" di Lucia Maria Collerone

Titolo: L'amore viene a cercare
Autrice: Lucia Maria Collerone
Editore: self pubblishing
Genere: Erotic romance
Prezzo ebook: € 2.99
Data pubblicazione: 23 gennaio 2019

ORDER

Gelsomina, detta Minni è la proprietaria dell’azienda agricola di famiglia dove gestisce un agriturismo. Vive con il padre e la famiglia del fattore. Minni è cresciuta con il figlio del fattore che è il suo amico del cuore, quasi un fratello, accudita dalla moglie del fattore dopo la morte della madre avvenuta per complicazioni del parto che le aveva dato vita.
L’ambiente in cui vive Minni è bellissimo, ricco di luoghi incantati dove è possibile fare esperienze uniche e magiche. Lì accoglie i suoi ospiti ai quali organizza coinvolgenti attività che li entusiasmano e li fanno sognare.
Tra gli ospiti arriva Massimo Tomei, uno scrittore famoso, in difficoltà creativa con la segretaria. Max è burbero e scostante, dedito al suo lavoro rimane colpito da Minni e dalla sua effervescenza, dal suo mondo ricco di profumi e sogni.
Tra i due inizia un rapporto amoroso che rende Max sereno e totalmente avvinto a Minni. Quando le cose diventano appassionate Max capisce che non se la sente di continuare un rapporto che richiede una scelta che metterebbe in secondo piano il suo lavoro e lascia l’agriturismo senza nemmeno avvertire Minni.
Nel frattempo il padre di Minni riallaccia i rapporti con un vicino e Minni rincontra Manfredi, il figlio del vicino che lei non sopportava da ragazzini quando si frequentano.
Minni è infelice, perché sente la mancanza di Max, il vuoto che gli ha lasciato la lascia senza fiato, ma Manfredi le fa scoprire un lato della sua personalità che lei non aveva mai visto e tra i due si instaura una relazione sognante e ricca di passione. Quando Max ritorna da lei con una proposta di relazione Minni deve fare una scelta.
Le scene di sesso sono narrate con un tono poetico e mai crudo e si svolgono in circostanze che sembrano quasi trasformare il romanzo in un fantasy.
Lucia Maria Collerone ha 55 anni. Insegnante di lingua inglese in una scuola superiore è PhD in Scienze cognitive e ricercatrice sui Disturbi Specifici dell’Apprendimento. Vive a Caltanissetta con il suo Totò con il quale è sposata da oltre 30 anni. Ha tre figli ed è nonna di Gioia una meravigliosa bimba di 6 anni. Questo è il terzo di una collana di romanzi rosa. Il primo “Lungo il cammino”, romanzo rosa contemporaneo, vinse il premio Cimitile sezione inediti nel 2003 ed è pubblicato in selfpubishing su Amazon. Il secondo è un Romance Young Adult “200 giorni. La dislessia tra i banchi di scuola e le pieghe della vita” che tratta il delicato tema dei Disturbi Specifici dell’Apprendimento attraverso gli occhi di Lorena una sedicenne, anch’esso in self publishing su Amazon.


Buongiorno lettori, questa è la mia prima recensione dopo le feste natalizie e ho avuto il piacere di iniziare l’anno nuovo leggendo in anteprima la storia di Lucia Maria Collerone dal titolo L’amore viene a cercarti, uscita prevista il 23 gennaio su Amazon.
Lo stile usato dall’autrice per raccontare questa storia mi ha ricordato le favole e, dopo le prime pagine, credevo che fosse una storia per bambini, invece, procedendo la lettura, ho capito che non era sicuramente adatta ai bambini!

“L’amore viene a cercarti” è una storia d’amore che coinvolge la protagonista Gelsomina, detta Minni, e il tenebroso scrittore Max, un nuovo cliente della “Locanda di Linda”, creata e gestita da Minni insieme a Tatina, la donna che l’ha sempre accudita dopo la morte della madre.

Linda era il nome di sua  madre  che  aveva  voluto  creare  un  luogo dove ospitare le persone in cerca di pace e che avessero  il desiderio di condividere un poco la vita dei campi.L’aveva creata lei la Locanda nel vecchio casale nella proprietà, arredata, organizzata e l’aveva avviata.

Minni è una protagonista “particolare”, parla e si comporta come una ragazzina o una fata che vive nei boschi, invece è una ragazza di ventiquattro anni, laureata in Scienze Agrarie, che decide di occuparsi della Locanda e della tenuta di famiglia, ma l’autrice ha creato un mondo “fatato” intorno a lei, fatto di “brioscine” che cucina Tatina, lucciole, sogni, e luoghi incantati che rendono la storia sicuramente fiabesca e originale.
Fra i tanti sogni che ha Minni, c’è il sogno de “l’amore che viene a cercarti” e quando incontra l’affascinate quanto scorbutico Max, non ci si può che domandare se sia lui “l’amore che viene a cercarti” di Minni.
Max, quando incontra la ragazza, ne rimane incantato. 

«Chiudi gli occhi e non aprirli finché non te lo dirò io. Dammi la  mano e stammi accanto.» disse Minni con un soffio di voce.Max ubbidì,  si  sentiva  strano.  Non era possibile che lui stesse vivendo una cosa del genere.Lui ingessato nella sua vista snob, elegante, da cittadino disincantato, era lì con una ragazza che sembrava una fata e le ubbidiva, senza desiderare di essere  graffiante e aggressivo.Minni prese la mano che lui le tendeva e dal contatto lui si accorse che era fredda e sottile come un giunco.

Sarà lui il vero amore per Minni? Minni per Max è l’incontro più bello che gli potesse capitare perché lei diventa la sua musa ispiratrice e lo aiuta a superare il blocco dello scrittore, ma sarà l’uomo giusto per lei?
E Manfredi? Il ragazzino scontroso e antipatico con cui Minni è cresciuta, è diventato un uomo affascinante, come reagirà Minni quando lo rivedrà?  
Per scoprirlo, non vi resta che leggere questa storia molto romantica dove non mancheranno scene d’amore intense ed erotiche, e mai volgari.

Non ho letto il file definitivo, quindi posso solo dire che l’ambientazione e i protagonisti sono ben descritti, lo stile è “fiabesco” e molto romantico e, a parte l’inizio che mi ha un po’ spiazzato, ho proseguito la lettura apprezzando la “realtà fatata” di Minni, anche se mi aspettavo tutt’altra storia.
Ho difficoltà a inserirla in un genere preciso: non mi sento di definirla un fantasy perché non ci sono elementi sufficienti per inserirla in quel genere, anche se in parte lo è, e non mi sento nemmeno di definirla una fiaba tipo Cenerentola o Biancaneve, perché le scene erotiche non mi permettono di paragonarla a quel genere di novella, ma nello stesso tempo è una favola d’amore.
Se volete leggere una storia originale e molto romantica, per passare qualche ora di svago, dove i protagonisti sono l’amore e i sogni, vi consiglio la lettura di questa storia irreale e magica.

Buona lettura.





Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni