RECENSIONE "Ho imparato a odiarti" di Vi Keeland, Penelope Ward.

Titolo: Ho imparato a odiarti
Autore:  Vi keeland e Penelope Ward
Formato: Ebook e cartaceo
Prezzo: 5,99 / 9,40
Genere: Contemporary romance
Editore: Newton compton editori
Data pubblicazione: 18 luglio 2020





Tutto è iniziato con un misterioso biglietto cucito dentro un abito nuziale. Ero andata in un negozio dell’usato per disfarmi del mio vestito da sposa, così da togliermi di torno la rappresentazione in pizzo e merletti del mio fallimento sentimentale. E tra le cianfrusaglie ho scoperto che qualcuno aveva avuto la stessa idea. Così ho dato un’occhiata al meraviglioso modello a sirena di qualche altra relazione andata in frantumi e, con sorpresa, ho trovato il misterioso messaggio: “Grazie per aver trasformato ogni mio sogno in realtà”. C’era anche una firma: Reed Eastwood, apparentemente l’uomo più romantico che sia mai esistito. Non sono riuscita a trattenere la curiosità. Non solo l’ho cercato, scoprendo che è bellissimo, ma ho anche deciso che avrei fatto di tutto per capire che cosa abbia mandato in frantumi il suo fidanzamento. Chi l’avrebbe mai detto che per uno strano scherzo del destino sarebbe diventato il mio capo?

Oggi vi parlo del grande ritorno di due autrici esilaranti Penelope Ward e Vi Keeland, i loro libri sono un toccasana per la mente e il cuore. Ogni volta che pensiamo sia la solita storia ci stupiscono con l'originalità, personaggi e battibecchi divertenti e insoliti.

Sono rimasta attratta subito dalla trama.
Charlotte, la nostra protagonista, viene tradita dal suo fidanzato poco prima delle nozze. Con il suo abito da sposa, già acquistato, si reca presso un negozio di abiti usati pronta a rivenderlo, ma mentre attende che decidano il prezzo dell'abito si aggira tra i camerini e scova un insolito abito a sirena con delle piume. Se ne innamora a prima vista e decide di provarlo. Proprio mentre è nel camerino tra le cuciture dell'abito trova un bigliettino dove è scritto un misterioso e romanticissimo messaggio d'amore "Grazie per aver trasformato ogni mio sogno in realtà", firmato Reed Eastwood.

"Volevo un uomo che mi apprezzasse, che volesse condividere i miei sogni, e che mi amasse incondizionatamente. Volevo un uomo che mi lasciasse dei biglietti del genere. Questo abito doveva stare appeso nel mio armadio per ricordarmi ogni che il vero amore esisteva."

Affascinata dal romanticismo che trasmette e che lei non ha mai ricevuto, decide di prendere l'abito in permuta al posto del suo. Come fosse un appunto sul fatto che il vero amore da parte di un uomo esiste davvero. Ma proprio quella sera, incuriosita dal misterioso innamorato e dal perché una sposa abbia deciso di vendere il suo abito nuziale, visto la dedica del futuro marito, inizia a cercare su google e facebook notizie riguardanti il misterioso uomo.

Quello che non era pianificato era di ritrovarsi a compilare un appuntamento per visitare una costosissima proprietà del misterioso Reed Eastwood riempendo il modulo di una marea di sciocchezze, di cui al suo risveglio non ricorderà nulla. Si sveglierà l'indomani con lo squillo del telefonino che la informa che l'appuntamento con il Signor Eastwood è fissato per il giorno stesso. Da qui in poi la disastrosa vita di Charlotte cambierà totalmente, penserete Grazie al colpo di fulmine con il Sig. Eastwood... Assolutamente no! L'incontro sarà un perfetto disastro, ricco di colpi di scena, malintesi e risposte al vetriolo. Sarà, invece, il fortunato incontro con Iris, la nonnina che tutte noi vorremmo avere, a cambiare totalmente la sua vita.

"Mia nonna diceva che una signora mostra sempre al mondo un sorriso angelico mentre i pensieri diabolici li tiene per sé".

Reed e Charlotte si ritroveranno a lavorare gomito a gomito. Dell'uomo della dedica pare non esserne rimasta la minima traccia. Ora è un uomo arido, poco incline all'indulgenza e pare non sopportare per niente le bizzarre fuoriuscite di Charlotte, che invece si dimostreranno una boccata d'aria fresca in un luogo di lavoro dove tutto viene preso troppo seriamente.

Grazie alla famosa lista di "chissene fotte", Reed e Charlotte inizieranno a vivere, a sfidarsi e a mettersi alla prova con degli obiettivi da raggiungere e da provare.

Tra i due le scintille, la chimica e l'attrazione che si respira è palpitante. I due protagonisti sono tanto diversi ma sembrano completarsi l'un l'altro. E il doppio pov ci permette di conoscere i pensieri che provano verso l'altro/a. Entrambi col cuore ferito. Conosciamo subito i problemi di Charlotte ma dovremmo faticare un po' per scoprire cosa ha chiuso il cuore di Reed. Si faranno forza l'un l'altro per riemergere dalle ingiustizie subite.
Non potrete non rimanere incantati da questo romanzo. Con un inizio perfetto e un finale degno del vero romanticismo, tutto questo condito da tanti episodi esilaranti che lasciano costantemente il sorriso sulle labbra.
Finora, posso dire che questo è il racconto di questo strabiliante duo che mi è piaciuto di più. Uno di quei libri, come li definisco io, che scalda il cuore, cura le ferite, e le noie del quotidiano per catapultarti tra le pagine di una bellissima storia d'amore. Non spicca sicuramente per originalità, anzi, è farcita da tantissimi cliché ma nonostante tutto è capace di strappare più di un sorriso e lasciare il lettore più romantico con la sensazione di desiderare di essere un po' bizzarra e coraggiosa come Charlotte e sognare di trovare un uomo come Reed Eastwood.

Buona lettura.


Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni