Nuove Uscite di Settembre "Edizioni il Ciliegio"

Titolo: Aria
Autrice: Cinzia Capitanio
Pagine: 224
Prezzo: € 14,00
Edizione: 2018
Collana: Teenager
LINK ACQUISTO

In una contrada di montagna nasce prematuramente una bimba che viene chiamata Aria. La pelle bianca, quasi trasparente, gli occhi azzurri e la sua incapacità di parlare la fanno apparire immediatamente diversa dagli altri.
Si teme che la bambina sia una specie di strega, di anguana, destinata a causare malattie e disgrazie.
Aria è perciò costretta a fuggire per iniziare un lungo viaggio nelle terre delle anguane, degli elfi, e del Popolo delle Querce.
Dopo essere cresciuta, aver visitato luoghi fantastici e aver vissuto avventure straordinarie, Aria deve scegliere se abitare infine il mondo magico o il mondo umano.
La ragazza sceglie il mondo umano, convinta che, un giorno, la sua diversità non sarà più un motivo di paura, emarginazione e isolamento.
La trama fantastica del racconto sottende proprio il tema della diversità e la vera battaglia sostenuta dai protagonisti è quella contro i pregiudizi che alimentano incomprensioni e ingiustizie.
Si intrecciano, inoltre, altre tematiche come l’amicizia, la scoperta di sé stessi e delle proprie potenzialità, l’importanza dell’adulto come figura di riferimento durante la crescita.



Cinzia Capitanio vive a Vicenza. Laureata in Scienze dell’Educazione, insegna da vent’anni nella scuola primaria. Da sempre appassionata di libri e lettura, ha iniziato da qualche anno a scrivere e ha diverse pubblicazioni al suo attivo, tra le quali: Matite colorate in fondo al mare, (Editrice MOL, Mamme on line), Lo scrigno delle farfalle (Raffaello), Scintilla (Piemme), Sulle ali del falco (Einaudi), La carezza del vento (Raffaello), Il suono delle stelle (Tredieci), L’Orlando furioso (Raffaello). Ha inoltre ricevuto diversi riconoscimenti e premi letterari nell’ambito di prestigiosi concorsi.


Titolo: Soluzione di giustizia
Autore: Massimo Gregori Grgič
Pagine: 192
Prezzo: € 14,00
Edizione: 2018
COMMENTO
Un intreccio paradossale al limite fra giustizia e vendetta. 


Massimo Gregori Grgič è nato a Firenze ma ha vissuto a lungo a Monza. Da alcuni anni abita e lavora in un casale sulle colline pisane. Soluzione di giustizia è il suo undicesimo romanzo. Con Edizioni il Ciliegio ha pubblicato: Omicidio in cattedrale; Il mio nome è Seneca e Avviso di pericolo. 


In un’Italia di pura fantasia la giustizia penale non funziona e, a causa di irregolarità formali, cavilli legali e storture del sistema, non penalizza i criminali. In questa situazione opera Nemesis, una struttura segreta e illegale, paradossalmente composta da elementi delle istituzioni di giustizia: carabinieri, poliziotti, finanzieri, giudici. Un’organizzazione che provvede, in modo irrituale, spiccio e crudele a colmare le lacune di uno Stato che si dimostra severo con gli umili e indulgente con i potenti. Un modo di agire decisamente fuori dagli schemi e dallo spirito di qualunque codice, attuato da chi ha giurato fedeltà a uno Stato che ha tradito i propri impegni e si ritiene quindi autorizzato a supplire alle sue mancanze. 
In un incalzante susseguirsi di colpi di scena, gli attentati programmati con fredda precisione giungono a una “soluzione di giustizia” impietosa e crudele, dagli esiti imprevisti e destabilizzanti.


Titolo: Conversazioni sugli abissi (materiali dispersi)
Autore: Giovanni Di Nicola
Illustratore: Marco Salogni
Pagine: 96
Prezzo: € 10,00
Edizione: 2018
Formato: 19,5x12
Collana: narrativa


L. è un bambino di sette anni con una grande passione per l’astronomia e alle prese con una quotidianità non sempre semplice. Nei giorni dispari pranza dal padre. Nell’attesa che lui torni a casa, lo aspetta in un parchetto pubblico della città, riempiendo di domande l’unica persona adulta che pare disposta ad ascoltarlo: la trentenne P., dipendente di una multinazionale che trascorre la pausa pranzo nello stesso parchetto, scappando da un lavoro che la convince sempre meno, mangiando panini e aggiornando L. sulle sue novità.
Durante mesi di conversazioni, P. e L., con i loro ragionamenti semiseri sulle rispettive esistenze, sul mondo e i suoi “abissi”, vivono una crescente confidenza, trovando un insperato e reciproco sostegno contro la solitudine.
Un’opera di soli dialoghi, accattivante, coinvolgente, caratterizzata dallo stile inconfondibile che già ha fatto apprezzare Giovanni De Nicola in La Viaggiatrice Incantata, primo volume della trilogia Materiali Dispersi, di cui Conversazioni sugli abissi è la seconda uscita.


Giovanni Di Nicola nasce a Urbino nel 1969. Laureato in fisica, ricerca e insegna presso l’Università Politecnica delle Marche. Ha pubblicato diversi testi, tra cui: Clementina (Sapere Nuovo, 1998); Ladro di Farfalle (Panozzo Editore, 2002), Nella Prospettiva dei Tempi (Graus Editore, 2010).
Nel 2015 approda a Edizioni il Ciliegio con La Viaggiatrice Incantata, primo volume della trilogia Materiali Dispersi, vincitore del Premio Città di Ciampino e del Marchio Microeditoria di Qualità. Il suo sito è www.giovannidinicola.it .

Marco Salogni nasce a Brescia nel 1976. Dopo aver conseguito il diploma di Maestro d’Arte lavora da anni nell’ambito artistico, creando dipinti personali o su commissione. Affascinato dal mondo dell’illustrazione e dell’editoria per i bambini, disegna e scrive storie che inventa per i propri figli.


Titolo: Pilipaf e lo scrigno dei pirati fanfaroni
Autrice: Filomena Cecere
Illustratrice: Filomena Cecere
formato: 15x21
LINK ACQUISTO
Pagine: 128
Prezzo: € 13,00
Edizione: 2018
Collana: Ciliegine 9/99 anni

In una notte tempestosa Pilipaf, l’Allucegrosso del villaggio di Guardaunpo’, si ritrova in una cittadina sconosciuta, bagnato e senza riparo. Decide quindi di infilarsi in quella che gli sembra una grande casa di legno a cui si accede tramite una passerella. Lì si addormenta, ma il mattino seguente si trova
accerchiato da loschi individui e capisce di essere su un vascello di pirati, che nel frattempo ha già
preso il largo. Capitan Fanfaron ordina subito di gettarlo in mare, ma Pilipaf propone uno scambio: una mappa del tesoro, che gli è stata donata in un precedente viaggio, in cambio della sua vita. Il Capitano accetta, ma a patto che Pilipaf prenda parte alla spedizione. Solo al ritrovamento del tesoro verrà liberato…
Questa terza avventura di Pilipaf (che segue Pilipaf e il segreto dell’Unicorno millenario e Pilipaf e il mistero dell’illusionista bizzarro) è un vero spasso. La storia avvincente, i luoghi fantastici e imisteriosi personaggi ne fanno una lettura che conquista velocemente l’attenzione tenendola viva dalla prima all’ultima pagina.
Oltre alle belle illustrazioni, arricchiscono il testo giochi e percorsi disseminati ad arte tra le pagine del racconto affinché il giovane lettore possa partecipare all’avventura.


Filomena Cecere scrive da oltre dieci anni romanzi e racconti per tutte le età. È insegnante alla scuola primaria; vive tra mare, lago e Parco Nazionale del Circeo. Il contatto con la natura è la grande fonte di ispirazione per le sue fantasiose avventure.
Con Edizioni il Ciliegio ha pubblicato Pilipaf e il segreto dell’Unicorno millenario e Pilipaf e il mistero dell’Illusionista bizzarro.

Titolo: Dieci piccoli omini molto agitati
Autrice: Cristina Marsi
Illustratrice: Claudia Venturini
Pagine: 36
Prezzo: € 14,00
Edizione: 2018
Formato: 22x22
Collana: Ciliegine 3/6 anni

Degli omini molto agitati saltano di pagina in pagina cambiando colore e combinando guai, imprese giocose e surreali. Alla fine della loro giornata, e della nostra storia, si addormentano appesi alle stelle, concedendosi un dolce riposo.
Gli omini sono dieci, come le dita delle mani o come i primi dieci numeri che si imparano.
Sono celesti, poi viola, poi gialli… e così via, in una filastrocca dalle rime facili e divertenti che i bambini vorranno riascoltare e impareranno a memoria.
Sono disegnati con un tratto essenziale e vivace, che ricorda un po’ le tanto popolari emoticon, su sfondi dai colori accesi. Dopo il testo della filastrocca sono state pensate per i bambini alcune pagine con giochi e attività.
Immagini vivacissime che danno corpo e vita a frasi leggere in questo testo minimo, semplice, che vuole far compagnia con brio.

Cristina Marsi nasce a Trieste in un ghiacciato giorno di Bora Scura. Ama inventare storie avventurose, a volte un poco paurose, storie da ridere e per divertirsi. Ha pubblicato diversi libri in Italia e all’estero. È socia dell’ICWA, associazione italiana di scrittori per ragazzi.
Le sue ultime pubblicazioni sono Puzza e Verdura (Eli, Collana Lilliput) e La Volta che il cielo sparì (Progedit). Il suo blog è: cristinamarsilibri.blogspot.it.

Claudia Venturini vive a Ferrara, dove ha lavorato per anni in un’agenzia pubblicitaria come grafica e illustratrice. Freelance dal 2004, si dedica principalmente all’illustrazione per ragazzi. Partecipa a collettive ed è stata selezionata nell’ambito di alcuni concorsi, tra cui la Mostra degli illustratori della Fiera del Libro di Bologna ’94 e di alcune edizioni dell’Annual Illustratori Italiani. Pubblica in Italia e all’estero.


Titolo: Un fratellino o una sorellina per Tommi
Autrice: Giorgia Cozza
Illustratrice: Maria Francesca Agnelli
LINK ACQUISTO
Pagine: 36
Prezzo: 14,00
Edizione: 2018
Formato: 20x20
Collana: Ciliegine 3/6 anni

Giornata davvero speciale per Tommi: la mamma e il papà gli annunciano che, tra qualche mese, arriverà a fargli compagnia un fratellino, o forse una sorellina.
Una novità non da poco, che accende la curiosità di Tommi. Lui non sa nulla di fratellini o sorelline, ha bisogno di spiegazioni.
Come starà dentro il pancione? Sentirà le loro voci, i suoni, i sapori di quello che la mamma mangia?
E, soprattutto, quando tutti in casa dormiranno, si sentirà solo?
La mamma sa come rispondere a tutte queste domande, e Tommi, alla fine della storia, sarà espertissimo di fratellini e sorelline.
Un libro molto utile ai bimbi che ricevono la bella notizia dell’arrivo di un nuovo componente della famiglia, e altrettanto utile ai genitori. Un dialogo dolcissimo tra una mamma e il suo bambino, uno scambio non solo di “informazioni”, ma soprattutto di “emozioni”, accompagnato da disegni dai colori vivaci e dal tratto delicato.

Giorgia Cozza è una mamma-giornalista che scrive saggi per genitori e fiabe per bambini. I suoi manuali (Bebè a costo zero, Benvenuto fratellino Benvenuta sorellina, Me lo leggi? e tanti altri) sono diventati un importante punto di riferimento per numerose famiglie in Italia e all'estero. Per i più piccoli ha scritto le Storie di Alice, La cuginetta che viene da lontano, La stellina che aveva paura del buio, Il topino che voleva leggere, Il gufetto che voleva contare, Bum Bum Tienimi vicino, Ruffo cambia casa e Nocciolino salva Boscofiorito. Tutti i suoi titoli sono su: giorgiacozza.blogspot.it.

Maria Francesca Agnelli, artista e falconiera valtellinese, laureata a pieni voti alla Accademia di Belle Arti di Brera, è un'amante della natura e degli animali. Da dieci anni a questa parte si è divertita a inventarsi volti e a dare colore a numerosi testi per genitori e bambini. Un fratellino o una sorellina per Tommi è il suo ventiseiesimo libro.


Titolo: 4 + 1 = 5 Cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia
Pagine: 240


Febbraio 1959. A Oggiono, in Alta Brianza, la tragedia dell’annegamento in un lago ghiacciato di quattro giovani seminaristi porta alla scoperta di un quinto cadavere.
Il maresciallo Fontana, della locale stazione dei carabinieri, si troverà così a ricostruire una storia iniziata vent’anni prima, nella dimora di un ricco avvocato ebreo.
Nel 1939 le leggi razziali sono state promulgate e gli ebrei sono in pericolo. L’avvocato, che ha usufruito del privilegio di “arianizzarsi” (Legge 1024 del 13/07/1939), propone un gioco a suoi quattro amici. Potranno mettersi in salvo fuggendo con i familiari lasciandogli in custodia i loro averi. Ognuno dovrà presentarsi a riscuoterli vent’anni dopo, lo stesso giorno alla stessa ora, presentando la ricevuta. Un gioco privo di divertimento e condizionato dall’incertezza del futuro, ma anche un incentivo in più per sopravvivere.
I quattro amici e i familiari si nascondono o partono clandestinamente per destinazioni diverse. A vent’anni di distanza, con il ritrovamento di un cadavere, i loro destini torneranno a incontrarsi.
Sullo sfondo di un mistero che affonda le radici negli anni oscuri della guerra e delle persecuzioni razziali, si disputa una gioco che non avrà né vinti né vincitori.

Giovanni Corti è nato a Oggiono (Lecco) nel 1955, ove svolge la professione di libraio.
Con il Ciliegio Edizioni ha pubblicato i romanzi: Azzurro Marco (2015); A bello, peste et fame
libera nos domine (2016); Il re che verrà (2017).


Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni