RECENSIONE - "Senza far rumore" di Riccardo Castiglioni

Titolo: Senza Far Rumore
Autore: Riccardo Castiglioni           
Editore: La Ponga Edizioni
Genere: noir
Formato: ebook/cartaceo
Prezzo:        18,00 €/    3,99  €
Data pubblicazione: 30 giugno 2017          
Pagine: 272
Serie: Nessun Alibi

Un vecchio incubo mai dimenticato riaffiora dal passato di Antonio, ex insegnante in pensione, minacciando l’inconsapevole Claudia. Per aiutare la ragazza, il Professore dovrà combattere i propri demoni interiori.

Riccardo Castiglioni è nato nel 1971 a Busto Arsizio, dove risiede. Laureato in economia e commercio, è direttore finanziario di una società del settore ottico. È sposato e ha due figlie. Senza Far Rumore è il suo romanzo d’esordio.

Buongiorno lettori, oggi vi parlo del romanzo d’esordio di Riccardo Castiglioni, dal titolo Senza Far Rumore pubblicato da La Ponga Edizioni.
Il romanzo è una storia noir, dove la vita di Antonio, un anziano professore in pensione, s’intreccia con la vita di Claudia, una giovane studentessa conosciuta in rete.
Due mondi diversi che si incontrano, due persone distanti ma che hanno in comune la passione per i libri e un carattere riservato; ma Antonio nasconde un passato che presto dovrà affrontare perché il passato non si può nascondere per sempre, prima poi torna a galla e ti travolge.

Antonio è un uomo solo, con una vita “normale”, a volte noiosa, e non si è mai sposato. Condivide molti momenti della sua vita con il caro amico Lele e frequenta la casa di Mamma’, la madre di Lele che, da brava cuoca del sud, prepara pranzi abbondanti e prelibati.

“Era un uomo a basso peso specifico, come si definiva con una punta di autoironia quelli che percorrono le pagine del mondo senza fare rumore, incapaci di lasciare una traccia. Questa etichetta lo aveva accompagnato per tutta la sua esistenza adulta.” 

In passato ha commesso un grave errore che non riesce a perdonarsi e, per una strana beffa del destino, quel passato si ripresenta quando conosce in rete Claudia, una ragazza gentile e un po’ ingenua che sta vivendo un momento di irrequietudine. Dopo essersi trasferita a Milano per studiare, l’entusiasmo iniziale ha lasciato posto a un’inquietudine dovuta alla convivenza forzata con la sua coinquilina, con la quale non va d’accordo.

Quando il pericolo incombe su di lei, che cosa farà Antonio? Riuscirà a salvare la ragazza e riscattarsi degli errori commessi in passato?
Lo stile dell’autore è elegante, il ritmo è lento e accelera solo verso la fine ed è un romanzo contemporaneo scritto con uno stile che ricorda gli autori del passato (d eufoniche comprese).
I personaggi sono ben caratterizzati e l’intreccio è ben costruito. C’è molta malinconia in questa storia, Antonio suscita tenerezza ed è un personaggio che rimane nel cuore.
Un romanzo d’esordio sicuramente riuscito e l’autore, proprio “senza far rumore”, ci conduce al finale, dove Antonio finalmente riuscirà a essere se stesso.

Consiglio la lettura a chi ama le storie drammatiche e malinconiche.

Buona lettura!


Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino

REVIEW TOUR - RECENSIONE - "Disgraceful" di Autumn Grey

RECENSIONE - "Deacon" di Veronica Scalmazzi