PRESENTAZIONE IN ANTEPRIMA - "Scritto nelle stelle" di Simona Burgio

Titolo: Scritto nelle stelle 
Autore: Simona Burgio
Editore: Self publishing
Genere: Contemporary romance
Formato: ebook (Il cartaceo non è ancora pronto)
Prezzo: 1,99
Data pubblicazione: 22 settembre 2018
Pagine: 206

 A quattordici anni Rain espresse il desiderio di incontrare l’uomo della sua vita. Colui che le avrebbe fatto conoscere l’amore e le avrebbe dato una famiglia.  Jackson Walker è tutto quello che aveva sognato, fino a quando non diventa freddo, aggressivo e incapace di provare sentimenti. Il matrimonio perfetto diventa una prigione. Rain finge, combatte, sopravvive per il bene di Lesley, il loro bambino. È terrorizzata, si sente braccata. All’improvviso, però, trova conforto e speranza tra le braccia di un altro uomo. Uno che non potrà mai essere suo. Il tradimento può nascere dalla mente, ma quando nasce dal cuore diventa difficile, se non impossibile, ignorarlo. Tra cuore e ragione c’è un confine da non oltrepassare: quello della moralità. Ci sono segreti che devono rimanere sepolti nel cuore, perché confessarli porterebbe conseguenze dolorose. Una storia d’amore e odio. Di tormento e passione. Di paura e tradimento. 

Simona Burgio ha 36 anni e vive a Taranto. Ha pubblicato Tempismo perfetto (2016) e Tempismo sbagliato (2017), sequel e spin-off del primo; It’s only love (2016) e Quando meno te lo aspetti (2017). Le sue storie sono vere e proprie commedie romance. Ironiche, frizzanti e veloci. Condivide su Facebook la sua passione per i libri nei gruppi di lettura Passione Cultura e Il Sapore della Lettura di cui è amministratrice. Moglie e madre di due splendide bambine, definisce la sua famiglia: il mio mondo delle meraviglie. È convinta che vivere con un sorriso, sia il modo migliore per affrontare i piccoli e grandi problemi della vita.

Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Un tè con Mrs. Brown" di Simona Fruzzetti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino

REVIEW TOUR - RECENSIONE - "Disgraceful" di Autumn Grey